Lo Sri Lanka, colpito dalla crisi, ospita migliaia di ucraini bloccati

0
14

I dati ufficiali mostrano che circa 5.000 ucraini e 15.000 russi hanno visitato la nazione insulare nel mese in cui è iniziato il conflitto.

Un turista ucraino piange davanti all’ambasciata russa a Colombo durante una protesta contro l’invasione russa dell’Ucraina [File: Dinuka Liyanawatte/Reuters]

Mentre il sole tramonta sotto le onde dell’Oceano Indiano, la turista ucraina Viktoria Makarenko e sua figlia accendono incenso ogni sera in un tempio in una località balneare dello Sri Lanka per pregare per il ritorno a casa.

L’invasione russa della patria del 35enne a febbraio ha lasciato migliaia di viaggiatori stranieri provenienti dai due paesi bloccati sull’isola tropicale.

Ma gli ucraini con i portafogli vuoti, sconvolti dal destino dei propri cari a casa, affermano di essere stati sopraffatti dal sostegno della gente del posto, nonostante i loro stessi travagli di fronte a una crisi finanziaria in peggioramento.

“Amo lo Sri Lanka e la gente dello Sri Lanka”, ha detto Makarenko all’agenzia di stampa AFP. “Tutti vogliono aiutarci”.

Lei, suo marito e la loro figlia di cinque anni stavano viaggiando per lo Sri Lanka da settimane quando le forze russe invasero l’Ucraina.

Stavano finendo i soldi e disperavano per la loro situazione prima che la gente del posto nella località turistica di Unawatuna si radunasse intorno a loro, offrendo alloggio gratuito, cibo e persino bastoncini di incenso da accendere durante le loro gite quotidiane al santuario.

“Il proprietario di questo hotel ci fa stare qui tutto il tempo necessario. Abbiamo cibo, acqua, non abbiamo mal di testa [over] cosa mangiare domani”, ha detto Makarenko.

“Stiamo al sicuro qui e loro si prendono cura di noi.”

Un turista ucraino
Un turista ucraino tiene un cartello durante una protesta contro l’invasione russa dell’Ucraina davanti all’ambasciata russa a Colombo [File: Dinuka Liyanawatte/Reuters]

Lungo le sabbie bianche della costa meridionale dello Sri Lanka, dozzine di attività turistiche orientate verso offerte pubblicitarie o assistenza per gli ucraini bloccati.

Ahesh Shanaka, il manager del caffè Blackgold a Mirissa, ha detto di aver chiesto a un cliente ucraino che trasportava un bambino se stesse tornando a casa.

“Ha detto: ‘Non posso tornare indietro, la mia casa è stata distrutta, dove posso andare?'”

Un cartello all’esterno offre pasti a metà prezzo su presentazione di un passaporto ucraino e le pensioni vicine hanno assegnato stanze vuote a piccole coorti di viaggiatori con lo zaino del paese.

Shanaka crede che la generosità dei suoi compagni dello Sri Lanka derivi da ricordi ancora freschi dell’esperienza di conflitto dell’isola, una guerra civile durata decenni che si è conclusa nel 2009.

“Abbiamo anche affrontato una situazione del genere prima… Conosciamo la sofferenza, conosciamo il dolore”, ha detto.

Le attuali difficoltà dello Sri Lanka sono state negative per gli affari: le lunghe code per i blackout di carburante ed elettricità minacciano di sconvolgere gli operatori e di porre fine bruscamente a una ripresa del turismo in erba post-pandemia.

“Siamo in una brutta situazione, lo sai. La crisi, la nostra economia sta crollando, va tutto male”, ha detto Shanaka.

“Ma noi siamo anche persone, anche loro sono persone, per questo cerchiamo di aiutare”.

I dati ufficiali mostrano che circa 15.000 russi e 5.000 ucraini hanno visitato lo Sri Lanka nel mese in cui è iniziato il conflitto, costituendo rispettivamente la prima e la terza più grande fonte turistica dell’isola.

Lo Sri Lanka ha concesso estensioni gratuite del visto ai cittadini di entrambi i paesi.

Anche molti turisti russi sono bloccati nel Paese, tagliati fuori dai fondi dopo le sanzioni imposte dagli Stati Uniti e dagli alleati occidentali alle reti di pagamento internazionali.

Ma nessuna offerta per loro viene pubblicizzata e sono riluttanti a parlare.

“Dobbiamo incontrare degli amici”, ha detto un giovane russo prima che lui ei suoi compagni si girassero a contemplare la vista sull’oceano nello storico forte olandese di Galle.

Il sentimento pubblico sostiene in modo schiacciante l’Ucraina nel conflitto. Gli slogan che condannano la guerra sono imbrattati con il giallo e l’azzurro della bandiera del paese sui muri su e giù per la costa.

“C’è grande compassione da parte loro, dato che anche loro si trovano in circostanze difficili”, ha detto all’AFP Darina Stambuliak, un’altra ucraina la cui permanenza a Unawatuna è stata prolungata involontariamente dalla guerra.

La 33enne ha detto di essere stata precedentemente costretta a fuggire da Donetsk quando i separatisti filo-russi hanno dichiarato una regione separatista nel 2014.

Ora trascorre gran parte del suo tempo a tenersi al passo con le notizie da casa con ansia. Ma un generoso sconto sul suo alloggio le ha dato un motivo di preoccupazione in meno.

“Gli imprenditori ci hanno avvolto nell’amore e nel supporto”, ha detto. “Siamo così grati.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here