L’etiope Abiy Ahmed ha prestato giuramento come primo ministro per il secondo mandato quinquennale

0
22

Il partito della prosperità di Abiy è stato dichiarato vincitore delle elezioni parlamentari tenutesi all’inizio di quest’anno.

Il primo ministro etiope Abiy Ahmed presta giuramento nel palazzo del Parlamento ad Addis Abeba [Tiksa Negeri/Reuters]

Il primo ministro etiope Abiy Ahmed ha prestato giuramento per un nuovo mandato di cinque anni mentre il suo governo affronta una serie di sfide, tra cui un conflitto di mesi nella regione settentrionale del Tigray.

Abiy ha prestato giuramento, amministrato dal giudice capo della Corte Suprema Meaza Ashenafi, lunedì a seguito di giuramenti simili da parte del presidente e del vicepresidente della camera bassa del parlamento.

“Io, Abiy Ahmed Ali, oggi alla Camera dei Rappresentanti del Popolo, accetto la nomina a primo ministro, impegnandomi ad assumere responsabilmente e con fede alla costituzione la responsabilità affidatami dal popolo”, ha affermato.

Il partito della prosperità di Abiy è stato dichiarato vincitore delle elezioni parlamentari all’inizio di quest’anno in un voto criticato e, a volte, boicottato dai partiti di opposizione, ma descritto da alcuni osservatori elettorali esterni come meglio gestito rispetto a quelli del passato.

A giugno, il partito del primo ministro ha vinto 410 dei 436 seggi parlamentari contestati.

Tre regioni in cui le elezioni erano state rinviate hanno votato il mese scorso. Le votazioni non si sono svolte nella regione settentrionale del Tigray, che è sotto il controllo delle forze regionali contrarie al governo di Addis Abeba.

Le elezioni hanno segnato la prima volta che Abiy ha affrontato elettori da quando è stato nominato primo ministro nel 2018 dopo diversi anni di proteste antigovernative.

Il primo ministro, vincitore del Premio Nobel per la pace 2019 per aver ristabilito i legami con la vicina Eritrea e per aver perseguito ampie riforme politiche, ora deve affrontare grandi sfide.

Catherine Soi di Al Jazeera, riferendo da Nairobi nel vicino Kenya, ha affermato che gli etiopi vogliono che Abiy dia la priorità al miglioramento della situazione della sicurezza nel paese.

“Molti etiopi dicono di volere che il primo ministro si occupi della situazione della sicurezza. Il conflitto nel Tigray sta sfuggendo di mano. Il conflitto si è esteso alle regioni di Amhara e Afar. Ci sono anche conflitti etnici in diverse parti del paese. Anche l’economia del paese è in difficoltà”, ha detto Soi.

Il conflitto del Tigray, durato 11 mesi, sta indebolendo l’economia etiope, un tempo una delle più in rapida crescita dell’Africa, e minaccia di isolare Abiy, un tempo considerato un pacificatore regionale.

Secondo le Nazioni Unite, migliaia di persone sono state uccise nel conflitto e centinaia di migliaia hanno dovuto affrontare condizioni simili alla carestia.

Non è chiaro se il giuramento di Abiy altererà il corso della guerra che oppone le forze governative al gruppo ribelle del Fronte di liberazione del popolo del Tigray (TPLF), che ha dominato la politica nazionale prima che prendesse il potere.

L’ufficio di Abiy, che accusa i ribelli di aver iniziato la guerra lo scorso novembre con attacchi ai campi dell’esercito federale, ha affermato che alcune misure conciliative, come la declassificazione del TPLF come gruppo terroristico, possono avvenire solo dopo la formazione di un nuovo governo.

“La posizione è stata che qualsiasi cambiamento nell’approccio al conflitto con le forze del Tigray può avvenire solo dopo la formazione di un nuovo governo”, ha affermato William Davison, analista senior dell’Etiopia per l’International Crisis Group.

I partner internazionali come gli Stati Uniti, che hanno minacciato di imporre sanzioni mirate relative al conflitto, “guarderanno attentamente per vedere se c’è qualche cambiamento di posizione”, ha detto Davison all’agenzia di stampa AFP.

Solo tre capi di stato africani – dalla Nigeria, dal Senegal e dalla vicina Somalia – hanno partecipato alla cerimonia di lunedì. Per il pomeriggio era previsto un raduno di massa in piazza Meskel ad Addis Abeba, alla presenza di dignitari tra cui i presidenti dei tre Paesi africani.

“La strada da percorrere potrebbe essere scoraggiante, ma non ci stancheremo”, ha detto su Twitter il consigliere senior di Abiy, Mamo Mihretu.

La scorsa settimana, il governo etiope è stato condannato dalle Nazioni Unite, dagli Stati Uniti e da diverse nazioni europee dopo aver espulso sette funzionari delle Nazioni Unite accusati di sostenere le forze del Tigray che hanno combattuto le forze etiopi e alleate.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here