Le star del cinema sostengono Emma Watson per il post sulla solidarietà palestinese

0
5

Più di 40 star del cinema, Mark Ruffalo e Susan Sarandon, firmano una petizione a sostegno della posizione pro-palestinese della star di Harry Potter.

L’attrice e ambasciatrice di buona volontà delle donne delle Nazioni Unite, Emma Watson, è stata definita antisemita da un ex funzionario israeliano per un post su Instagram sulla solidarietà palestinese [File: Brendan McDermid/Reuterrs]

Le star del cinema, tra cui Mark Ruffalo, Susan Sarandon, Gael García Bernal e Viggo Mortensen, hanno sostenuto l’attrice di Harry Potter Emma Watson, dopo che il suo post sui social media sulla solidarietà palestinese ha suscitato l’ira dei funzionari israeliani.

“Ci uniamo a Emma Watson a sostegno della semplice affermazione che ‘solidarietà è un verbo’, inclusa una significativa solidarietà con i palestinesi che lottano per i loro diritti umani secondo il diritto internazionale”, ha affermato in una dichiarazione diffusa giovedì e firmata da oltre 40 notabili dell’industria cinematografica .

“Riconosciamo il sottostante squilibrio di potere tra Israele, la potenza occupante, e i palestinesi, il popolo sotto un sistema di occupazione militare e apartheid”, si legge nella lettera.

La scorsa settimana, un post di Instagram sull’account di Watson ha condiviso una foto di una manifestazione filo-palestinese con la frase “Solidarietà è un verbo”. L’attrice britannica è forse meglio conosciuta per il ruolo di Hermione Granger nei film di Harry Potter.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Emma Watson (@emmawatson)

Funzionari israeliani hanno rapidamente condannato il post la scorsa settimana, che è piaciuto a più di un milione di utenti dei social media.

“10 punti a Grifondoro per essere un antisemita”, ha detto su Twitter l’ex ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite, Danny Danon, facendo riferimento ai film di Harry Potter.

“La narrativa può funzionare in Harry Potter, ma non funziona nella realtà”, ha scritto su Twitter l’ambasciatore israeliano alle Nazioni Unite, Gilad Erdan. “Se lo facesse, la magia usata nel mondo magico potrebbe eliminare i mali di Hamas (che opprime le donne e cerca l’annientamento di Israele) e dell’AP (che sostiene il terrore). Sarei favorevole a questo!” Egli ha detto.

Nella loro dichiarazione, i professionisti del cinema hanno esplicitamente condannato l’antisemitismo, l’islamofobia e tutte le forme di bigottismo.

Altri firmatari della missiva filo-palestinese includono: il pluripremiato sceneggiatore James Schamus (Crouching Tiger, Hidden Dragon), i registi nominati all’Oscar Asif Kapadia (Amy), Mira Nair (Salaam Bombay) e lo scrittore/produttore Oren Moverman (The Messenger) .

Anche il vincitore della Palma d’Oro Ken Loach (I, Daniel Blake), gli attori Michael Malarkey (The Vampire Diaries) e Matt McGorry (Orange Is the New Black, How to Get Away with Murder), hanno firmato.

“Ci opponiamo ai continui tentativi israeliani di espellere con la forza le famiglie palestinesi dalle loro case nei quartieri di Sheikh Jarrah, Silwan e altrove nel territorio palestinese occupato a Gerusalemme est”, si legge nella lettera.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here