Le Nazioni Unite respingono l'accusa della Russia che i ritardi di visto negli Stati Uniti vengano ignorati

0
63

FOTO FILE: il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres partecipa a una conferenza stampa dopo il primo Forum mondiale sui rifugiati a Ginevra, Svizzera, 17 dicembre 2019. REUTERS / Denis Balibouse

NAZIONI UNITE – Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha ripetutamente espresso preoccupazione a Washington per i ritardi nei visti degli Stati Uniti per i funzionari della Russia e di altri paesi, ha detto un portavoce delle Nazioni Unite giovedì dopo che Mosca ha accusato Guterres di chiudere un occhio.

Mosca afferma che Washington ha deliberatamente ritardato il rilascio dei visti ai funzionari russi che si recano al quartier generale delle Nazioni Unite a New York, una mossa che la Russia ha detto potrebbe danneggiare ulteriormente le relazioni tese.

Mercoledì il ministero degli Esteri russo ha accusato Guterres di aver ignorato i ritardi nei visti negli Stati Uniti.

"Per molti mesi, il Segretario generale e il Consiglio legale delle Nazioni Unite hanno ripetutamente trasmesso le loro preoccupazioni e la posizione legale dell'Organizzazione a rappresentanti senior del paese ospitante", ha detto il portavoce dell'ONU Stephane Dujarric in una nota.

Dujarric ha detto che Guterres e il suo team hanno continuato a seguire da vicino la questione.

L'ultimo rapporto del comitato delle Nazioni Unite sulle relazioni con gli Stati Uniti – in qualità di ospite del quartier generale delle Nazioni Unite a New York – ha osservato che anche altri paesi, tra cui Cina, Corea del Nord, Iran, Siria e Cuba, si sono lamentati dei ritardi nei visti negli Stati Uniti.

Secondo il rapporto, gli Stati Uniti hanno dichiarato di prendere sul serio le proprie responsabilità come paese ospitante delle Nazioni Unite, ma hanno aggiunto che Washington "si è riservato il diritto di escludere le persone in alcuni casi limitati in cui esistevano prove chiare e convincenti che la persona si stava recando nel paese ospitante principalmente per scopi che non rientravano nell'ambito delle attività delle Nazioni Unite e che erano pregiudizievoli per la sicurezza nazionale del paese ospitante. "

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here