Le forze sostenute dalla Russia guadagnano terreno nella Siria nord-occidentale tenuta dai ribelli

0
71

BEIRUT – Le forze siriane appoggiate dalla Russia hanno guadagnato terreno dopo un rinnovato assalto di una settimana contro l'ultima enclave dell'opposizione nel nord-ovest della Siria, la più grande spinta di questo genere in più di tre mesi che ha provocato un grande esodo civile, hanno detto testimoni e residenti domenica.

L'offensiva su larga scala guidata da intensi attacchi aerei su aree civili nelle zone rurali del sud-est della provincia di Idlib ha spezzato mesi di stallo in prima linea, dove i ribelli avevano trattenuto l'esercito dai maggiori progressi, hanno detto.

I jet russi e siriani hanno intensificato gli scioperi nei villaggi e nelle città intorno a Maarat al-Numan, da cui migliaia di persone sono fuggite nella relativa sicurezza del confine turco temendo un imminente assalto.

Getti russi hanno colpito un convoglio di auto civili in fuga dalla città, secondo gli attivisti che hanno pubblicato video online che mostrano diversi corpi carbonizzati. Reuters non ha potuto confermare l'autenticità dei video. I soccorritori hanno affermato che almeno otto persone sono state uccise, tra cui tre donne e due bambini.

Sabato, i jet russi hanno colpito un trafficato mercato nella città di Saraqeb, a est di Idlib, lasciando almeno otto morti e feriti, hanno detto due residenti e un soccorritore.

Non vi è stato alcun commento immediato da parte dell'esercito russo.

La Russia e l'esercito siriano, che è fedele al presidente Bashar al-Assad, negano entrambe le accuse di bombardamento indiscriminato di aree civili e affermano che stanno combattendo i militanti islamisti ispirati ad al Qaeda.

L'esercito siriano ha affermato di aver guadagnato più di 20 villaggi e colline e si stava avvicinando a uno dei 12 posti di osservazione turchi nel nord-ovest, parte di un accordo con Mosca e Teheran nel 2017 per evitare combattimenti su larga scala ad Adlib.

I residenti nell'area hanno dichiarato che molti villaggi sono stati abbandonati in una campagna che, da quando è iniziata ad aprile, ha spostato più di 500.000 persone, secondo le Nazioni Unite e i gruppi di soccorso internazionali.

“Molti villaggi e città si sono trasformati in città fantasma. Il bombardamento della "terra bruciata" della Russia sta aiutando l'esercito a guadagnare terreno ", ha detto Mohamad Rasheed, un attivista della zona.

Solo la scorsa settimana, almeno 80.000 civili sono fuggiti e hanno dovuto affrontare condizioni difficili all'inizio dell'inverno, ha affermato la Union of Medical Care and Relief Organizations (UOSSM), una ONG medica con sede negli Stati Uniti.

Le strutture mediche, già paralizzate da un anno di attacchi, stanno lottando per far fronte all'afflusso di feriti, ha detto. Almeno 68 strutture mediche sono state attaccate da aprile, la ONG e altre agenzie delle Nazioni Unite hanno documentato.

Fonti militari occidentali hanno riferito che l'ultimo bombardamento era un preludio a un'offensiva terrestre su larga scala per impadronirsi della provincia di Idlib, ribelle.

La regione di Idlib ospita centinaia di migliaia di persone che sono fuggite da altre parti della Siria mentre le forze governative hanno respinto vaste aree del paese in seguito all'intervento russo da parte di Assad all'inizio del 2015 che ha ribaltato la guerra a suo favore.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here