spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoLe azioni di Israele a Gaza sono "attacchi intenzionali contro civili": inchiesta...

    Le azioni di Israele a Gaza sono “attacchi intenzionali contro civili”: inchiesta delle Nazioni Unite

    -

    Un nuovo rapporto afferma che l’esercito israeliano e i gruppi palestinesi hanno commesso crimini di guerra e violazioni dei diritti a partire dal 7 ottobre.

    L’uso “deliberato” di armi pesanti da parte dell’esercito israeliano nella Striscia di Gaza è stato un “attacco intenzionale e diretto alla popolazione civile”, ha scoperto un nuovo rapporto di una commissione indipendente sostenuta dalle Nazioni Unite.

    Navi Pillay, presidente della Commissione internazionale indipendente d’inchiesta sui territori palestinesi occupati, ha affermato mercoledì che Israele ha commesso crimini contro l’umanità, fame forzata, sterminio, omicidio e trattamento inumano e crudele dei palestinesi. Ha anche accusato gruppi palestinesi di crimini di guerra.

    Presentando il rapporto al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, Pillay ha affermato che l’esercito israeliano operante a Gaza “ha trasferito con la forza quasi l’intera popolazione in un piccolo recinto pericoloso e inabitabile” e ha utilizzato armi pesanti in aree densamente popolate in “un modo intenzionale e attacco diretto alla popolazione civile”.

    Pillay ha affermato che la commissione ha concluso che forme specifiche di violenza sessuale e di genere costituivano parte delle procedure operative delle forze israeliane.

    “Sebbene i funzionari israeliani abbiano ripetutamente affermato che le loro operazioni a Gaza mirano a distruggere Hamas e a rilasciare ostaggi, nessuno di questi obiettivi è stato ampiamente raggiunto a scapito di migliaia di vite”, ha affermato.

    “Abbiamo scoperto che le forze israeliane hanno commesso violenza sessuale e di genere con l’intento di umiliare e subordinare ulteriormente la comunità palestinese. Le donne palestinesi sono state prese di mira e sottoposte a violenza sessuale e molestie online e di persona.

    “Uomini e ragazzi hanno subito specifici atti persecutori, compresa la violenza sessuale e di genere, equivalente a tortura e trattamenti inumani e crudeli”.

    Pillay ha anche osservato che l’assalto quotidiano a Gaza non deve distogliere l’attenzione da un’ondata parallela di violenza nella Cisgiordania occupata, dove il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite Volker Turk ha detto martedì che la situazione si sta “drammaticamente peggiorando”.

    Dall’inizio dell’attuale guerra in ottobre sono stati uccisi più palestinesi dalle forze israeliane o dai coloni che in qualsiasi altro periodo registrato, ha detto Pillay al consiglio.

    Crimini di guerra da parte di gruppi palestinesi

    Pillay ha detto che anche Hamas e altri gruppi armati palestinesi hanno commesso estesi crimini di guerra il 7 ottobre durante i loro attacchi al sud di Israele.

    Li ha elencati come: attacchi diretti contro civili, omicidi o uccisioni volontarie, torture, violenza sessuale, trattamenti inumani o crudeli e presa di ostaggi.

    La commissione, ha detto, “ha identificato modelli indicativi di violenza sessuale e ha concluso che questi non erano isolati ma perpetrati in modi simili in luoghi simili, principalmente contro le donne israeliane”. Il rapporto della commissione afferma che le denunce di stupro non possono essere verificate in modo indipendente.

    Ha avvertito che “lo sfruttamento della violenza sessuale nei conflitti da parte di tutte le parti a scopo di propaganda politica rischia di distogliere l’attenzione dall’esperienza e dai bisogni delle sopravvissute, oltre ad alimentare ostilità di lunga data”.

    Secondo il Ministero della Sanità di Gaza, gli attacchi israeliani a Gaza dal 7 ottobre hanno ucciso più di 37.000 persone, il 40% delle quali bambini. Gli attacchi del 7 ottobre in Israele hanno ucciso 1.139 persone.

    “L’enorme enormità della tragedia”

    Il rapporto è stata la prima indagine approfondita degli eventi condotta dalle Nazioni Unite dal 7 ottobre fino alla fine del 2023. La commissione è stata istituita dal Consiglio per i diritti umani nel 2021.

    Ha un mandato continuo senza limiti di tempo e beneficia di un capo che è un ex alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ed ex giudice sudafricano, secondo James Bays di Al Jazeera.

    “Ha detto che l’enormità della tragedia travolge la commissione. Le regole dicono che dovrebbero produrre un rapporto lungo fino a 10.700 pagine. Hanno prodotto quel rapporto, ma hanno aggiunto due allegati separati, molto grandi”, ha riferito da Ginevra.

    “Uno riguarda ciò che è accaduto il 7 ottobre, quando afferma che Hamas e altri gruppi palestinesi hanno commesso crimini di guerra, e l’altro riguarda ciò che è accaduto ai palestinesi a Gaza dopo il 7 ottobre, in cui afferma che ci sono stati crimini di guerra da parte degli israeliani”.

    Pillay ha detto ad Al Jazeera che è “tragico” che Israele abbia impedito alla commissione di visitare le vittime all’interno di Israele e nei territori palestinesi occupati.

    “Ciò che ho trovato particolarmente inquietante è che non solo ci negano l’accesso in Israele e Gaza, ma in tutta la Palestina; dobbiamo parlare anche con le vittime lì”, ha detto.

    La commissione pubblicherà ulteriori rapporti che esamineranno gli attacchi alle strutture sanitarie a Gaza e gli effetti della guerra sull’istruzione.

    Ibrahim Khraishi, ambasciatore palestinese presso l’ONU, ha ringraziato la commissione per il suo rapporto e ha condannato gli abusi commessi da Israele durante la “guerra genocida”.

    Israele ha ceduto il suo posto alla riunione del consiglio alla madre di una delle dozzine di prigionieri detenuti a Gaza, che ha pronunciato un discorso emozionante.

    “Signor Presidente, dovremmo stare dalla stessa parte: quella che lotta contro la presa di ostaggi, senza mai accettare l’uso delle giovani donne come strumenti di commercio. Per favore aiutami ad abbracciare di nuovo mia figlia”, ha detto Meirav Leshem Gonen, la madre di un prigioniero di 23 anni.

    Toby Cadman, un avvocato internazionale per i diritti umani, ha detto ad Al Jazeera che il rapporto difficilmente avrà un effetto immediato sulla condotta di Israele, ma potrebbe essere utilizzato come prova in futuri procedimenti legali e potrebbe portare i paesi occidentali a riconsiderare il loro sostegno a Israele.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts