L’Autorità Palestinese afferma che il piano israeliano postbellico per Gaza è “destinato a fallire”

0
34

Il piano israeliano prevede un controllo israeliano indefinito su Gaza e nessun “riconoscimento unilaterale” della Palestina.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu si rivolge alla Conferenza dei presidenti delle principali organizzazioni ebraiche americane, nel contesto del conflitto in corso tra Israele e il gruppo islamista palestinese Hamas, a Gerusalemme, il 18 febbraio 2024. REUTERS/Ronen Zvulun
Giovedì il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha presentato al governo israeliano il piano per una Gaza postbellica [File: Ronen Zvulun/Reuters]

L’Autorità Palestinese ha criticato aspramente il piano del “giorno dopo” per Gaza presentato dal primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, definendolo “destinato a fallire”.

“Se il mondo vuole sicurezza e stabilità nella regione, deve porre fine all’occupazione israeliana dei territori palestinesi e riconoscere lo Stato palestinese indipendente con Gerusalemme come capitale”, ha detto Nabil Abu Rudeineh, portavoce del presidente palestinese Mahmoud Abbas. venerdì dall’agenzia di stampa statale palestinese Wafa.

Il piano di Netanyahu è la sua prima proposta ufficiale per ciò che verrà dopo la guerra a Gaza – in cui Israele ha ucciso più di 29.000 palestinesi.

Secondo il documento, presentato giovedì ai membri del gabinetto di sicurezza israeliano, Israele manterrà la sicurezza e il controllo militare su tutto il territorio a ovest della Giordania, comprese la Cisgiordania occupata e Gaza – territori dove i palestinesi vogliono creare il loro stato indipendente.

Negli obiettivi a lungo termine elencati, Netanayhu ha rifiutato anche il “riconoscimento unilaterale” di uno Stato palestinese. Ha detto che un accordo con i palestinesi sarà raggiunto solo attraverso negoziati diretti tra le due parti – ma non ha specificato quale sarà il partito palestinese.

In risposta, Abu Rudeineh ha rifiutato qualsiasi tentativo di separare il governo di Gaza da quello della Cisgiordania.

“Gaza farà solo parte dello Stato palestinese indipendente… Qualsiasi piano contrario è destinato a fallire”, ha detto. “Israele non riuscirà a tentare di alterare la realtà geografica e demografica nella Striscia di Gaza”.

“I piani proposti da Netanyahu mirano a perpetuare l’occupazione israeliana dei territori palestinesi e impedire la creazione di uno Stato palestinese”, ha aggiunto Abu Rudeineh.

La Casa Bianca ha anche aggiunto il suo disagio nei confronti del piano, con il portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti, John Kirby, che ha affermato che Washington è stata “costantemente chiara con le nostre controparti israeliane” su ciò che era necessario nella Gaza del dopoguerra.

“Il popolo palestinese dovrebbe avere voce e voto… attraverso un’Autorità Palestinese rivitalizzata”, ha affermato Kirby. “Non crediamo in una riduzione delle dimensioni di Gaza… non vogliamo vedere alcuno spostamento forzato dei palestinesi fuori Gaza e, ovviamente, non vogliamo vedere Gaza dominata o governata da Hamas”.

Gaza sarà gestita da “funzionari locali”

La guerra a Gaza ha ravvivato gli appelli internazionali – anche da parte del principale sostenitore di Israele, gli Stati Uniti – per la cosiddetta soluzione dei due Stati come obiettivo finale per risolvere il decennale conflitto israelo-palestinese. Tuttavia, molti politici israeliani di alto livello si oppongono alla creazione di uno Stato palestinese.

A Gaza, il piano di Netanyahu sottolineava che la guerra sarebbe continuata finché Israele non avesse raggiunto tutti gli obiettivi annunciati: lo smantellamento delle capacità militari e delle infrastrutture gestite da Hamas e dalla Jihad islamica; il ritorno di tutti i prigionieri presi il 7 ottobre; e la rimozione di tutte le minacce alla sicurezza provenienti da Gaza.

L’enclave sarà quindi gestita da “funzionari locali” che non sono legati a “paesi o entità che sostengono il terrorismo”.

Commentando il piano, l’analista politico senior di Al Jazeera, Marwan Bishara, ha affermato che l’identità di questi funzionari è sconosciuta.

«Non sappiamo chi siano, lui [Netanyahu] non lo sa neanche io…non credo che esistano. Ci furono tentativi negli anni ’70 e ’80 di creare tali entità tra i palestinesi e fallirono in breve tempo”, ha detto.

Non è inoltre chiaro se i rappresentanti dell’Autorità Palestinese (AP) saranno coinvolti nel controllo di Gaza.

Hamdah Salhut di Al Jazeera, in un reportage da Gerusalemme est occupata, ha sottolineato che, nella sua bozza di piano, Netanyahu non ha menzionato il ruolo dell’Autorità Palestinese.

“Lui [Netanyahu] non lo ha detto ufficialmente nel suo piano, ma ha usato una terminologia più ampia probabilmente per raggiungere un consenso nel suo governo di destra”, ha detto.

“Ricordate che il primo ministro israeliano è sottoposto a un’enorme pressione da parte degli americani che vogliono vedere un’Autorità Palestinese rivitalizzata che prenda il potere una volta finita la guerra. Ma Netanyahu è stato piuttosto ribelle nell’entrare e prendere il controllo di Gaza”, ha aggiunto Salhut.

Il piano del primo ministro israeliano delineava anche la smilitarizzazione e la deradicalizzazione come obiettivi da raggiungere a medio termine a Gaza. Non specifica quando inizierà quella fase intermedia o quanto durerà, ma afferma che “l’esercito israeliano manterrà indefinitamente la libertà di intervenire a Gaza per prevenire la ripresa dell’attività terroristica”.

Propone inoltre che Israele abbia una presenza sul confine Gaza-Egitto, nel sud dell’enclave, e afferma che Israele dovrebbe cooperare con l’Egitto e gli Stati Uniti in quella zona per prevenire tentativi di contrabbando, anche al valico di Rafah.

Piani per la chiusura dell’UNRWA

Infine, il piano di Netanyahu prevede anche la chiusura dell’agenzia di soccorso delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, UNRWA.

Israele ha cercato a lungo di eliminare l’agenzia delle Nazioni Unite, che sancisce il diritto dei profughi palestinesi al ritorno a casa. Israele ha recentemente affermato che l’UNRWA ha legami con Hamas, un’affermazione che l’organismo ha ferocemente negato e che, secondo i rapporti, le valutazioni dell’intelligence americana hanno messo in dubbio.

Tamara Alrifai, direttrice delle relazioni esterne e delle comunicazioni dell’UNRWA, ha detto ad Al Jazeera che i tentativi di sbarazzarsi dell’UNRWA dovrebbero essere visti insieme agli sforzi per eliminare la prospettiva futura di uno stato palestinese, sottolineando l’esposizione di Netanyahu di una mappa di Israele che includeva la Cisgiordania occupata, Gaza e Gerusalemme Est occupata durante un discorso all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite a settembre.

“Una mappa che comprende e comprende tutti i territori palestinesi in cui opera l’UNRWA. Non la trovo una coincidenza”, ha detto.

Secondo Bishara di Al Jazeera, questo piano non è ufficiale ed è un piano che Netanyahu sta proponendo al governo, per farlo trapelare ai media e per fare una serie di altre cose.

“Innanzitutto c’è quell’approccio verso la propria base. Sta dicendo ai suoi radicali nel governo e all’opinione pubblica che resterà fermo… In secondo luogo, penso che sia abbastanza stupido ad essere onesti, perché sappiamo che gli israeliani ci hanno provato [plan to take control of Gaza in some form or the other] prima e non ha mai funzionato”, ha detto Bishara.

“Infine, esso [the plan] è così sadico. Siamo nel mezzo del quinto mese di genocidio contro il popolo palestinese. Tuttavia, il primo ministro israeliano insiste che manterranno il controllo… quel tipo di sadismo non ha precedenti”.