Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi L’ansia non è solo uno stato passeggero, a volte è più un...

L’ansia non è solo uno stato passeggero, a volte è più un tratto

0
13

Jayme Burrows/Stocksy United

Ansia è un termine generico (molto ampio) che descrive una vasta gamma di esperienze di salute emotiva e mentale.

Dal punto di vista più clinico, diverse condizioni di salute mentale ricadono sotto l’ombrello dell’ansia:

  • disturbo d’ansia generalizzato
  • attacchi di panico
  • disturbo d’ansia sociale
  • agorafobia e altre fobie

  • disturbo d’ansia da separazione
  • mutismo selettivo

Nell’uso più quotidiano, “ansia” potrebbe riferirsi ai sintomi di queste condizioni, ma sentirai anche il termine usato casualmente per riferirsi a emozioni passeggere di disagio, nervosismo, preoccupazione o terrore.

L’ansia non finisce qui, però. Alcuni esperti, in particolare lo psicologo Charles Spielberger, hanno fatto un’altra distinzione separando l’ansia di stato dall’ansia di tratto:

  • Ansia di stato. Questa è una risposta umana naturale. Non è necessario avere una condizione di ansia di fondo per provare paura di fronte a un qualche tipo di pericolo.
  • Ansia di tratto. Questo si riferisce all’ansia che si manifesta come parte della tua personalità, non solo in situazioni stressanti.

Di seguito, analizzeremo le differenze tra tratto e ansia di stato e offriremo alcune indicazioni su come ottenere aiuto per l’ansia persistente di qualsiasi tipo.

In che modo l’ansia di stato e l’ansia di tratto differiscono?

Tutti sperimentano un certo livello di ansia di tanto in tanto: è una risposta naturale al sentirsi minacciati o spaventati.

Tuttavia, l’ansia che ti viene fuori probabilmente dipenderà da diversi fattori, comprese le circostanze specifiche della situazione e la tua personalità unica.

Ecco come distinguere tra ansia di stato e ansia di tratto.

ansia di stato

Questa forma di ansia tende a manifestarsi quando affronti una potenziale minaccia o altre situazioni spaventose. Di solito comporta un mix di sintomi mentali e fisici.

I sintomi mentali potrebbero includere:

  • sentimenti di preoccupazione
  • difficoltà di concentrazione
  • irritabilità

I sintomi fisici del momento potrebbero includere:

  • problemi di respirazione
  • battito cardiaco accelerato
  • mal di stomaco
  • tensione muscolare e dolore

Naturalmente, puoi anche provare ansia di stato quando non c’è una vera minaccia fisica. Devi solo credere che ce n’è uno.

Supponiamo che tu abbia appena ricevuto un’e-mail concisa dal tuo supervisore: “Ho bisogno di vederti nel mio ufficio al più presto”.

Nessun dettaglio, nessuna spiegazione.

Sai che non corri alcun pericolo e non riesci a pensare a niente di ciò che hai fatto che potrebbe richiedere un rimprovero. Tuttavia, cammini lungo il corridoio verso il loro ufficio su gambe leggermente traballanti. Cerchi di spulciare i ricordi degli ultimi giorni per capire cosa potrebbero volere, ma la tua mente è completamente vuota.

Una volta che ti siedi nel loro ufficio e ti spiegano che volevano solo avvisarti su un potenziale problema di sicurezza del software, l’ondata di sollievo che si abbatte su di te porta via quei sentimenti di preoccupazione e paura.

Ansia di tratto

Gli esperti che distinguono tra ansia di tratto e ansia di stato considerano l’ansia di tratto più una parte fissa della tua personalità, vale a dire un tratto della personalità.

Un livello più alto di ansia di tratto generalmente significa che è più probabile che tu ti senta minacciato da situazioni specifiche, o anche dal mondo in generale, rispetto a qualcuno con livelli più bassi di ansia di tratto.

Potresti tendere a sentirti più ansioso e stressato nelle circostanze quotidiane, anche quelle che non ispirano paura o preoccupazione negli altri. Per esempio:

  • Il tuo partner sembra un po’ distante? Inizi a preoccuparti che vogliano rompere.
  • Non hai ancora ricevuto alcun feedback sulla tua idea di tesi? Il tuo professore deve odiarlo. In effetti, probabilmente stanno cercando di pensare a un modo per spiegare che non sei tagliato per una laurea, dopotutto.
  • Non hai mai avuto risposta dal tuo amico dopo i tuoi ultimi messaggi? Devi aver fatto qualcosa per turbarli.

La ricerca precedente rileva quattro dimensioni dell’ansia di tratto:

  • Minaccia della valutazione sociale. Questo potrebbe includere critiche o conflitti.
  • Minaccia di pericolo fisico. Questo potrebbe includere cose come malattie o incidenti stradali.
  • Minaccia ambigua. Ciò potrebbe comportare una sensazione più generale di sventura o preoccupazioni inspiegabili.
  • Minaccia nella routine quotidiana o in situazioni innocue. Ciò potrebbe comportare timori di incontrare nuove persone o commettere errori nel tuo lavoro.

Per dirla in un altro modo, potresti considera l’ansia di tratto come una predisposizione a provare quei sentimenti di preoccupazione e paura.

Sentimenti cronici di ansia e preoccupazione possono lasciare il tuo sistema nervoso in allerta quasi costante per potenziali minacce. Di conseguenza, potresti iniziare a notare sintomi di ansia più duraturi, come:

  • cambiamenti nel tuo umore, come irritabilità e disagio
  • difficoltà a concentrarsi sui compiti

  • tendenza ad evitare la fonte della tua paura
  • insonnia e altri problemi del sonno

  • l’appetito cambia
  • fatica
  • dolori muscolari e dolori che non hanno una causa chiara

Che cosa causa l’ansia di tratto?

Le cause alla base dell’ansia, inclusa l’ansia di tratto, sono ancora una sorta di mistero. Ma l’ansia di tratto probabilmente si lega a una dimensione specifica della personalità: un tratto dei Big Five noto come nevroticismo.

Un punteggio di nevroticismo più alto potrebbe significare che ti senti più teso, in media, e noti più cambiamenti nei tuoi stati d’animo e nelle tue emozioni.

Potresti anche passare più tempo seduto con i tuoi pensieri e ordinarli rispetto alle persone con punteggi di nevrosi più bassi. Questa tendenza a esaminare (e riesaminare) i tuoi pensieri può portare a schemi di preoccupazione e ruminazione.

Qual è la connessione tra i due?

Non tutti gli esperti e i ricercatori sull’ansia concordano sulla distinzione tra ansia di tratto e ansia di stato.

Alcuni credono che i due lavorino insieme come un unico costrutto. In altre parole, più alto è il tuo livello di ansia di tratto, più ansioso ti sentirai di fronte a un pericolo o a qualsiasi altra minaccia.

Spielberger, che originariamente introdusse l’idea di ansia di stato e di tratto, apparteneva a questa scuola di pensiero.

Altri esperti tracciano una linea chiara tra i due, suggerendo che, mentre l’ansia di tratto può aumentare e intensificare l’ansia di stato, i due hanno anche caratteristiche uniche che possono svilupparsi e fluttuare indipendentemente l’uno dall’altro.

Un piccolo studio 2020 offre un certo supporto per questa idea. I risultati della ricerca hanno evidenziato alcune differenze nel modo in cui il cervello mappa l’ansia di tratto e di stato, suggerendo che l’ansia di tratto e di stato potrebbe effettivamente essere costrutti separati. Detto questo, gli autori dello studio concordano che la ricerca futura potrebbe offrire maggiori informazioni.

In ogni caso, gli esperti usano comunemente lo Spielberger State-Trait Anxiety Inventory (STAI) per valutare i sintomi dell’ansia. Questa scala misura l’ansia di stato e di tratto, ma riflette anche l’approccio a costrutto singolo di Spielberger all’ansia di stato e di tratto.

Ancora una volta, gli esperti devono ancora concludere esattamente cosa causa l’ansia. Tuttavia, sanno che sia i fattori ambientali che quelli genetici possono svolgere un ruolo chiave nel modo in cui si sviluppa la personalità:

  • Se uno dei tuoi genitori vive con una condizione di ansia, hai maggiori possibilità di sviluppare tu stesso una condizione simile.
  • Sperimentare traumi e altri eventi stressanti o spaventosi durante l’infanzia e l’adolescenza potrebbe influenzare il modo in cui il tuo corpo e il tuo cervello rispondono a minacce reali o percepite.

Man mano che i ricercatori apprendono di più sulle cause specifiche che determinano l’ansia, possono anche trovare supporto per distinzioni più chiare tra ansia di stato e ansia di tratto, per non parlare di eventuali funzioni separate che potrebbero avere.

Come può aiutare la terapia?

Se provi ansia nei periodi di stress, beh, è ​​abbastanza tipico.

Ma anche un’ansia lieve o passeggera può sopraffarti e non è sempre facile trovare utili strategie di coping in un momento di angoscia. Questo può diventare ancora più difficile quando la fonte del tuo stress rimane un appuntamento fisso nella tua vita (come una pandemia globale o un cambiamento climatico, per esempio).

Quando i persistenti sentimenti di preoccupazione – e qualsiasi sintomo fisico che si presenta durante il viaggio – iniziano a complicare la vita di tutti i giorni, la terapia può essere utile, indipendentemente dal fatto che tu pensi di provare ansia di stato o di tratto.

Tieni presente che non è nemmeno necessario soddisfare i criteri per una diagnosi di ansia per trovare utile la terapia.

Un terapeuta può:

  • aiutarti a identificare potenziali fattori scatenanti dell’ansia
  • insegna utili tecniche di coping, come esercizi di meditazione o di radicamento, per allentare la tensione nel momento
  • fornire uno spazio sicuro per condividere sentimenti di preoccupazione e paura
  • aiutarti ad apportare modifiche per ridurre e affrontare meglio lo stress nella tua vita

Se un terapeuta diagnostica un tipo specifico di ansia, potrebbe raccomandare diversi approcci terapeutici, a seconda dei sintomi.

Molti terapeuti raccomandano la terapia cognitivo comportamentale (CBT) per l’ansia. Un vecchio studio del 2009 anche la CBT nota può avere un particolare beneficio per l’ansia di tratto.

Tuttavia, la CBT è tutt’altro che l’unico approccio utile. Altri approcci che possono aiutare le persone includono:

  • terapia dell’accettazione e dell’impegno
  • approcci terapeutici basati sulla consapevolezza
  • desensibilizzazione
  • arteterapia
  • terapia metacognitiva

Scopri di più su altre strategie per gestire l’ansia.

Alcune prove suggeriscono che l’ansia potrebbe avere un ruolo nel rischio di depressione. Quindi, vale sempre la pena rivolgersi a un terapeuta per ulteriori indicazioni quando l’ansia diventa una presenza più permanente nella tua vita.

La linea di fondo

Alla fine della giornata, l’ansia di tratto potrebbe semplicemente far parte della tua personalità. Tuttavia, ciò non significa che devi rassegnarti alla preoccupazione e all’insicurezza.

Potresti non trovare sempre facile cambiare aspetti chiave della tua personalità, ma è sempre possibile imparare nuovi modi per rispondere allo stress.

Quando l’ansia sembra seguire la scia anche delle minacce più lievi, un terapeuta può offrire maggiore supporto per superare le paure e trovare una tranquillità più duratura.


Crystal Raypole scrive per Healthline e Psych Central. I suoi campi di interesse includono la traduzione giapponese, la cucina, le scienze naturali, la positività sessuale e la salute mentale, insieme a libri, libri e altri libri. In particolare, si è impegnata ad aiutare a ridurre lo stigma sui problemi di salute mentale. Vive a Washington con suo figlio e un gatto amabilmente recalcitrante.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here