Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi L'allattamento al seno dopo la riduzione del seno: cosa vorrei sapere

L'allattamento al seno dopo la riduzione del seno: cosa vorrei sapere

0
68

Ottenere una riduzione del seno è stata la scelta giusta per me, ma non avrei mai immaginato come quella scelta sarebbe entrata in gioco anni dopo.

Se acquisti qualcosa tramite un link in questa pagina, potremmo guadagnare una piccola commissione. Come funziona

Quando avevo 19 anni, ho avuto una riduzione del seno.

Il chirurgo plastico si è tolto dal petto un totale di 3 kg e mezzo e ha creato un seno C + più gestibile. Ho scelto una riduzione principalmente per motivi di vanità, ma speravo di ridurre la "gobba della vedova" in via di sviluppo e la tensione alla spalla.

Durante le fasi di pianificazione, il chirurgo mi ha detto che avrei avuto il 50 percento di possibilità di allattare. Era un commento da buttar via senza sostanziale scienza dietro di esso. Ma probabilmente non avrebbe avuto importanza quali fossero le statistiche; Ero un adolescente che è stato leggermente respinto dall'idea di allattare.

Il mio io egocentrico da adolescente sarebbe rimasto scioccato dal modo in cui quella decisione è arrivata a perseguitarmi quando ho lottato con l'allattamento al seno il mio primo figlio.

Avanti veloce 11 anni dopo l'intervento e stavo tenendo il mio pianto neonato. Il mio latte era entrato, ma non ne usciva gran parte. Avevo detto a ogni medico, infermiere e consulente per l'allattamento che avevo avuto una riduzione del seno in precedenza, ma nessuno aveva idee specifiche su come aiutare. Provarono diverse prese, scudi per i capezzoli e borbottarono qualcosa sul fieno greco.

Ho pompato quantità minuscole e formula mista in quelle grandi.

L'allattamento al seno è stato un fallimento. Avevo scelto di sottopormi a un intervento di chirurgia plastica, e ora io e mio figlio vivevamo entrambi con le conseguenze.

La riduzione del seno non è rara. Quasi 500.000 le donne hanno riduzioni del seno ogni anno. L'allattamento al seno dopo la riduzione ha anche il suo acronimo: BFAR. E ci sono abbastanza donne che provano a generare un sito Web di supporto BFAR e un gruppo Facebook.

Ma c'è anche molta disinformazione e ignoranza delle sfide che le donne BFAR devono affrontare. Esistono pochissimi studi su come la chirurgia mammaria influenzi l'allattamento.

Esistono diversi tipi di chirurgia di riduzione. Le donne che desiderano allattare devono chiedere al proprio chirurgo se il capezzolo verrà rimosso completamente o semplicemente spostato. Più i condotti del capezzolo e del latte che erano rimasti attaccati, il più probabilmente che l'allattamento al seno funzionerà. Sorprendentemente, i dotti del latte reciso possono ricollegarsi, ma può influenzare la quantità di latte prodotta.

Fare l'allattamento al seno richiede lavoro

L'allattamento al seno funziona su un circuito di feedback tra nervi, ormoni e dotti. Qualsiasi danno a questo anello può influenzare la quantità di latte prodotta e consegnata al bambino.

Ma la buona notizia è che i nervi possono riapprendere il loro lavoro e che i dotti possono iniziare a lavorare dopo la nascita di un bambino. Non appena il tuo bambino nasce, svuotare il seno e lasciarlo riempire è molto importante per incoraggiare la ricanalizzazione dei nervi.

Quando ero incinta del mio secondo figlio, ero molto più proattiva. Ho intervistato consulenti per l'allattamento durante la gravidanza fino a quando non ho trovato qualcuno che aveva esperienza con l'allattamento dopo una riduzione. Veniva ogni giorno per la prima settimana. Quando fu chiaro che mio figlio non stava ingrassando abbastanza il settimo giorno, aprì la lattina di formula e mi mostrò come dargli da mangiare con le dita.

L'allattamento al seno non deve essere tutto o niente

Come la maggior parte dei BFAR, avevo scarse quantità di latte. Il sistema di feedback tra la produzione di latte e il sistema di consegna del latte era lento e imprevedibile. Con il mio secondo figlio, ho pompato per il primo mese, ho preso il cardo e il fieno greco benedetti e ho fatto compressioni al seno mentre allattavo.

Ho anche preso il domperidone, un farmaco da prescrizione che aumenta l'apporto di latte. Domperidone no Approvato dalla FDA o disponibile negli Stati Uniti ma è disponibile in Canada (dove vivo) da 20 anni. Ma nonostante tutto, non ho ancora fatto abbastanza latte per nutrire esclusivamente il latte materno del mio bambino.

Per essere sicuro che il mio bambino ricevesse abbastanza latte, mi sono sempre nutrito con il seno.

L'alimentazione del tubo è più facile di quanto sembri, specialmente con un bambino facile, che per fortuna ha descritto il mio secondo figlio. Innanzitutto, agganci il bambino al seno e poi infili un piccolo tubo che si trova in una formula nella loro bocca (in una bottiglia o in un sistema di lattazione). Mentre il bambino succhia, ottengono sia la formula che il latte materno.

È impossibile sapere quanto latte materno ha ricevuto mio figlio, ma riteniamo che la sua assunzione sia stata di circa il 40% del latte materno. Una volta che mio figlio ha iniziato i solidi a 6 mesi, sono stato in grado di far cadere il tubo e allattarlo su richiesta.

L'allattamento al seno di successo può significare cose diverse – per alcuni, è l'allattamento al seno su richiesta, per altri, può integrare il latte materno con la formula. I BFAR, in particolare, devono essere aperti a diverse definizioni di successo. Non ho mai avuto più successo di quando allattavo mio figlio mentre integravo con la formula al seno.

Una delle cose straordinarie del corpo umano è che l'apporto di latte aumenta con ogni gravidanza. Quando ho avuto mia figlia 3 anni dopo, non ho avuto bisogno di integrarla con la formula, sebbene abbia preso domperidone ogni giorno.

Il successo non è uguale per tutti

Guardando indietro all'esperienza, vedo ancora il mio successo con il mio secondo figlio come la vera vittoria. Non avrei potuto farlo senza un partner di supporto, un consulente per l'allattamento ben informato e un pediatra che si fidava di me ed era disposto a essere flessibile.

Se sta considerando di allattare dopo l'intervento al seno:

  • Armati di quanta più conoscenza possibile. Se possibile, procurati una copia di "Definire il tuo successo: allattamento al seno dopo un intervento chirurgico di riduzione del seno" dal noto esperto di allattamento (e madre BFAR) Diane West. Il libro è estremamente dettagliato e pieno di speranza, con storie di vita reale (sebbene West riconosca che le informazioni sulla scarsa disponibilità di latte sono obsolete).
  • Unisciti al gruppo di supporto BFAR su Facebook e fai molte domande.
  • Assumi un consulente per l'allattamento internazionale certificato IBCLC che ha esperienza di lavoro con altre donne che hanno subito un intervento chirurgico al seno. Non accontentarti di qualcuno che ha una vaga idea di cosa significhi.
  • Potresti anche discutere il tuo piano con il tuo pediatra e organizzare regolari pesate per bambini.
  • Se ti senti a tuo agio, parla con il tuo medico per ottenere una prescrizione per un farmaco in grado di migliorare l'apporto di latte. Domperidone non è disponibile negli Stati Uniti, ma ci sono altre opzioni terapeutiche. Dovrai parlare con il tuo medico dei benefici e degli effetti collaterali per decidere se questo è giusto per te.
  • Non permettere a nessuno di dirti che l'allattamento al seno non ne vale la pena o che accadrà se la natura lo vuole. Non lasciare che ti facciano sentire in colpa per le tue scelte: passato e presente.
  • Lascia andare la tua colpa. Avere una riduzione del seno aveva senso in quel momento e ti ha aiutato a farti diventare quello che sei oggi.

Potrebbe essere necessario definire l'aspetto del successo in un modo diverso da quello desiderato e ciò può essere doloroso. Riconosci quali sono i tuoi limiti. Essere una nuova mamma è abbastanza difficile senza anche provare a superare i limiti fisici all'allattamento. L'allattamento al seno può essere una cosa meravigliosa, ma è anche possibile avere il contatto pelle a pelle e molte interazioni nutrizionali durante l'alimentazione con biberon.

Ora che i miei figli sono più grandi, so che le dicotomie tra l'allattamento al seno e la formula e la buona madre contro la cattiva madre sono false. Non ci sono variazioni di salute tra i miei tre figli e i loro diversi metodi di alimentazione. Nessuno ricorda o si preoccupa se il tuo adolescente è stato nutrito con latte artificiale. L'allattamento al seno con successo i miei figli mi ha dato soddisfazione, ma è solo un'altra cosa nel bellissimo mix di essere una madre.


Emma Waverman è una giornalista freelance che vive a Toronto con i suoi tre figli, marito e cane rumoroso. La sua scrittura di cibo e stile di vita può essere trovata su riviste, giornali e su Internet. È coautrice del libro di cucina di famiglia più venduto “Whining and Dining: Mealtime Survival for Picky Eaters and Families Who Love Lm.” Segui le sue avventure e errori di battitura su Instagram e Twitter su @emmawaverman.