Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi La tua vagina dopo il parto non è spaventosa come pensi

La tua vagina dopo il parto non è spaventosa come pensi

0
113

Tutto inizia con il pavimento pelvico e ti diremo tutto ciò che devi sapere. (Spoiler: stiamo andando ben oltre Kegels.)

Illustrazione di Alexis Lira

Ti lascerò a bocca aperta. Siete pronti?

Non sei destinato a fare pipì per il resto della tua vita dopo aver avuto un bambino.

È un ritornello comune – o forse, più giustamente, un avvertimento – parlato alle donne in gravidanza: avere un bambino e prepararsi ad accogliere una vita di continenza compromessa, tra gli altri indesiderabili. L'ipotesi di base è che il parto ti condanna a un pavimento pelvico rotto e questo è tutto così com'è.

Bene, buone notizie, questa è una NOPE grossa e grassa.

Sorpresa! Il pavimento pelvico è un muscolo e ha bisogno di esercizio fisico

Ora, ci sono molti sacrifici fisici che un corpo attraverserà per crescere e dare alla luce un bambino. E a volte, a causa della gravidanza, del trauma correlato al parto o di altre condizioni esistenti, gli effetti del parto rimarranno con il parto ben oltre la fase postpartum. Forse per la vita.

Tuttavia, per maggior parte consegne vaginali e cesarei senza complicazioni, l'idea che ti farai pipì per sempre quando riderai o tossirai è un mito – e dannoso. Non farai pipì costantemente, o non dovrai esserlo, con un trattamento dedicato al pavimento pelvico.

Vedi, il pavimento pelvico è come qualsiasi altro muscolo del tuo corpo (ma molto più fresco perché gestisce una tonnellata di lavoro superpotente). Supera l'intera schizzinosità "è connessa alla tua vagina" e inizierai a vedere che reagisce, recupera e merita attenzione proprio come, diciamo, un bicipite o un ginocchio.

"Il pavimento pelvico è un pezzo estremamente importante del nostro corpo, in particolare per le donne", afferma lo specialista della salute pelvica materna Ryan Bailey, PT, DPT, WCS, fondatore di Expecting Pelvic Health nel New Hampshire. "Tutti dovrebbero conoscerlo, anche prima di rimanere incinta."

Detto questo …

Cos'è persino un pavimento pelvico?

Il tuo pavimento pelvico è, in breve, incredibile. Si trova come un'amaca all'interno dell'area perineale, collegandosi alla vescica, all'uretra, alla vagina, all'ano e al retto. La vescica, le viscere e l'utero poggiano su di essa e si incrociano da una parte all'altra e da un lato all'altro dal tuo osso pubico al coccige.

Può muoversi su e giù; controlla l'apertura e la chiusura dell'uretra, della vagina e dell'ano; e contiene una ricca rete di tessuto connettivo e fascia.

In altre parole, è un BFD. Impegni il pavimento pelvico quando fai pipì, fai la cacca, fai sesso, l'orgasmo, ti alzi, ti siedi, fai esercizio, praticamente tutto. Ed è fortemente influenzato dal peso della gravidanza e dal trauma della nascita vaginale (o dalla spinta prima di un taglio cesareo non pianificato), poiché si allunga, si allunga e subisce danni ai tessuti molli.

Il pavimento pelvico è pieno di sorprese. Ecco cosa devi sapere

1. Incontinenza postpartum è normale – ma solo per un tempo limitato

Dato il viaggio che il pavimento pelvico ha avuto durante la gravidanza e il parto, sarà debole dopo la nascita. Per questo motivo, potresti avere difficoltà a trattenere l'urina, in particolare quando ridi o tossisci, fino a sei settimane dopo il parto, afferma Erica Azzaretto Michitsch, PT, DPT, WCS, co-fondatrice del Solstice Physiotherapy a New York City.

Se hai subito un infortunio o hai avuto una lacrima di secondo grado o più, potresti riscontrare incontinenza fino a tre mesi dopo il parto. “Vogliamo che accada? No ", dice Bailey. "Ma è probabile." Se non ci sono strappi o lesioni dirette al pavimento pelvico, "non dovrebbe esserci alcuna pipì dei pantaloni" entro tre mesi.

2. È molto raro che tu sia "libero" dopo aver avuto un bambino

L'idea che tu sia "sciolto" non è solo una paura offensiva e sessista. È clinicamente errato! "Molto raramente qualcuno è" sciolto "dopo la nascita. Il tono del pavimento pelvico è in realtà più alto ", spiega Kara Mortifoglio, PT, DPT, WCS, co-fondatore del Solstice Physiotherapy a New York City.

I muscoli del pavimento pelvico si allungano durante la gravidanza e si allungano con la nascita. Di conseguenza, "i muscoli di solito si irrigidiscono in risposta", dice Mortifoglio dopo la nascita. La spinta prolungata, lo strappo, i punti e / o un'episiotomia aumentano solo la tensione, con ulteriore infiammazione e pressione nell'area.

3. Il dolore perineale è comune, ma ciò non significa che sia OK

Esistono molti tipi diversi di dolore perineale che una persona può sperimentare durante la gravidanza e dopo il parto. Secondo Bailey, qualsiasi dolore che dura più di 24 ore durante la gravidanza – anche se si verifica solo con un movimento particolare – è inaccettabile e merita attenzione. Dopo il parto, la sequenza temporale è più complicata dato il numero di variabili.

È sicuro di dire che dopo aver guarito e aver iniziato a riprendere le normali attività (ish), da settimane a diversi mesi dopo il bambino, il dolore e il disagio persistenti non dovrebbero essere ignorati.

Parla con il tuo OB-GYN e / o vai direttamente a un terapista accreditato del pavimento pelvico specializzato in salute pelvica. (In effetti, ci sono PT specializzati nel pavimento pelvico, così come altri PT specializzati in spalle, ginocchia o piedi. Maggiori informazioni qui sotto!)

4. Kegels non è una soluzione adatta a tutti

Ora, per la più grande sorpresa di tutte: Kegels non è una soluzione magica. In effetti, possono fare più danni che benefici, soprattutto se questo è l'unico modo per coinvolgere il pavimento pelvico.

"Se hai un po 'di incontinenza da stress e ti viene detto," Go do Kegels ", che è inadeguato", afferma la specialista di salute pelvica femminile Danielle Butsch, PT, DPT, dei centri di terapia fisica e medicina dello sport in Connecticut. “Molte persone hanno bisogno di allenarsi, non di allenarsi. Devi allentare il tessuto e fare un po 'di lavoro manuale (per rilassarlo). Non è necessario (pazienti) Kegeling via. "

Aggiunge: “Anche quando Kegels siamo appropriato, non diremmo mai, "Fai solo Kegels". Non trattiamo nulla altro così. "

Ad esempio, se avessi un quad stretto, continueresti a rafforzarlo? Ovviamente no.

“A volte devi rafforzare, ma a volte devi allungare. Il pavimento pelvico non è diverso, è solo difficile da raggiungere ", afferma. "È così frustrante. Alle donne viene detto di fare Kegels. E poi, se non funziona, viene sottoposto a un intervento chirurgico all'imbracatura della vescica. Quando in realtà c'è una vasta area tra queste due opzioni, ed è lì che risiede la terapia fisica (pavimento pelvico) ".

5. Il sesso non dovrebbe essere doloroso dopo che ti sei ripreso

In conclusione, devi essere pronto. E quando "pronto" è, è del tutto soggettivo. "Le persone sentono tanta pressione (per riprendere il sesso dopo aver avuto un bambino), ma l'esperienza di tutti è estremamente diversa e tutti guariscono in modo diverso", afferma Azzaretto Michitsch.

Oltre alla secchezza legata agli ormoni (una possibilità definita), lo strappo e / o un'episiotomia possono influire sul tempo di recupero e sul comfort e il tessuto cicatriziale può causare intenso dolore con l'inserimento.

Tutte queste situazioni possono e devono essere affrontate da un fisioterapista del pavimento pelvico. "Il pavimento pelvico deve rilassarsi per consentire qualsiasi tipo di inserimento", afferma Azzaretto Michitsch. È anche coinvolto con l'orgasmo. “Se i muscoli del pavimento pelvico sono molto tesi o hanno un tono muscolare elevato, potresti avere più problemi a raggiungere l'orgasmo. Se i muscoli non fossero così forti, l'inserimento non sarebbe un problema, ma il climax potrebbe essere ", aggiunge.

6. I segnali di avvertimento possono essere silenziosi

I danni al pavimento pelvico o l'indebolimento dei muscoli del pavimento pelvico non si manifestano sempre allo stesso modo. Solo in casi estremi vedrai un'ernia o sentirai un prolasso quando si pulisce.

Dopo circa sei settimane dopo il parto, prenota un appuntamento con il tuo OB-GYN se hai uno dei seguenti sintomi:

  • una sensazione di pesantezza nella zona perineale
  • pressione nella zona perineale
  • la sensazione di sedersi su qualcosa quando ci si siede ma non c'è nulla
  • fuoriuscita dopo la pipì
  • difficoltà a urinare
  • costipazione sostenuta
  • difficoltà a passare un movimento intestinale anche quando è morbido e non compattato

7. La terapia fisica del pavimento pelvico è intima ma non dovrebbe essere invasiva

Lo so, lo so, lo so. Un PT del pavimento pelvico vorrà lavorare sul pavimento pelvico attraverso la tua vagina e questo è ogni tipo di strano / spaventoso / intenso. È il più grande ostacolo al pavimento pelvico di cui si parla e si tratta come altri muscoli del corpo.

Nel caso tu sia preoccupato, tuttavia, sappi questo: non è come un esame clinico. Non ci sono speculum né torce.

"Il più invasivo che otteniamo è la valutazione di un dito", afferma Butsch. In questo modo, "siamo in grado di valutare sia quanto sei forte e quanto a lungo puoi mantenere una contrazione – il tuo potere e la tua resistenza – e valutiamo anche quanto sei in grado di rilassarti".

La terapia manuale prevede l'inserimento delle dita, ma un PT pelvico può anche lavorare con te su esercizi fisici, tecniche di visualizzazione e movimento / postura del corpo in base alle tue esigenze.

8. Puoi vedere un terapista del pavimento pelvico prima che ci sia un problema

Se ti sottoponessi a un intervento chirurgico alla spalla, torneresti a casa dopo, fai il tuo recupero e vedrai il medico solo una volta sei settimane dopo? Ovviamente no. Ricupereresti per una settimana o due e poi inizieresti un rigoroso corso di terapia fisica.

"Le persone che gestiscono una maratona hanno più cure delle donne dopo il parto", afferma Bailey. “Tutti dovrebbero cercare un fisioterapista pelvico (dopo la nascita) a causa dell'enorme quantità di cambiamenti. È incredibile quanto il nostro corpo cambi in 40 settimane. E nel giro di poche ore o giorni dopo la nascita, siamo di nuovo completamente diversi. Per non parlare di alcuni di noi che hanno subito un importante intervento chirurgico addominale (con un taglio cesareo). "

Azzaretto Michitsch concorda: "Vai dal terapista del pavimento pelvico e chiedi:" Come sto? Come va il mio core? Il mio pavimento pelvico? 'Poni le domande che vuoi porre, soprattutto se il tuo OB-GYN non sta rispondendo. Tutte queste cose possono essere affrontate. Non c'è motivo di non chiedere aiuto se non si è sicuri ".

Detto questo, mentre la PT pelvica dovrebbe essere disponibile per tutti i pazienti postpartum (come in Francia), non è sempre disponibile a causa della copertura assicurativa, quindi alcuni pazienti dovrebbero andare fuori di tasca. Parla con il tuo medico e vedi cosa funziona per te. Se stai cercando qualcuno nella tua zona, inizia qui o qui.

I veri genitori parlano

Le vere mamme condividono la propria esperienza con il recupero del pavimento pelvico.

"Sono andato in terapia fisica per i miei problemi alla schiena (grazie, bambini) e ho scoperto che la causa principale di tutto il dolore era il pavimento pelvico. Niente come fare Kegels mentre qualcuno ha un dito lassù. Ma circa quattro mesi dopo sto andando così bene e non ho quasi più il dolore di prima. Chi sapeva che non dovevi fare pipì ogni volta che starnutivi? Ho sempre pensato che venisse con l'avere dei figli. ”- Linnea C.

“La mia guarigione dopo la nascita di mio figlio nel 2016 è stata davvero dura. Ho avuto problemi a camminare per diverse settimane, non ho potuto fare molta attività fisica per mesi e in realtà non mi sono sentito indietro fino a circa un anno dopo il parto. Quando sono rimasta incinta di mia figlia nel 2018, ho trovato un nuovo operatore che mi ha detto che mi avrebbe indirizzato alla terapia fisica del pavimento pelvico e che probabilmente avrei beneficiato. Mia figlia è nata a febbraio di quest'anno e questa volta la mia guarigione è andata molto meglio. ”- Erin H.

"Non sapevo di avere una disfunzione pubica della sinfisi con il mio primo fino alla fine, quando il mio specialista ha visto quanto dolore urlante stavo provando a rotolare durante un'ecografia. Questo ha spiegato così tanto! È stata una sensazione lancinante e lacerante che si è attenuata solo leggermente con la terapia fisica del pavimento pelvico dopo il parto. Se avessi saputo cosa stava succedendo e che non era normale essere in quel tipo di dolore, avrei fatto le cose diversamente.

– Keema W.

Mandy Major è un PCD doula postpartum certificato (DONA) e fondatore di Motherbaby Network, una comunità online per il supporto postpartum. Segui lei @ motherbabynetwork.com.