La tedesca Merkel, il premier israeliano Bennett differiscono su Iran, Palestina

0
12

La Merkel afferma che Berlino rimane impegnata a rilanciare l’accordo nucleare internazionale con l’Iran e una soluzione a due stati in Palestina.

Naftali Bennett parla con Angela Merkel mentre la accompagna fuori dal Museo dell’Olocausto di Yad Vashem [Gil Cohen-Magen/AFP]

Il cancelliere uscente della Germania, Angela Merkel, ha effettuato un’ultima visita ufficiale in Israele tra le divergenze tra gli alleati sulle questioni chiave del programma nucleare iraniano e l’istituzione di uno stato palestinese.

La Merkel ha dichiarato domenica che la Germania rimane impegnata a rilanciare l’accordo nucleare internazionale con l’Iran, un passo a cui Israele si oppone con veemenza.

Ha anche affermato che la Germania crede che una soluzione a due stati rimanga il modo migliore per porre fine al conflitto decennale di Israele con i palestinesi.

“Penso che su questo punto, anche se in questa fase sembra quasi senza speranza, l’idea di una soluzione dei due Stati non dovrebbe essere tolta dal tavolo, non dovrebbe essere seppellita … e che i palestinesi dovrebbero poter vivere in sicurezza in uno stato”, ha detto la Merkel in una conferenza stampa congiunta con il primo ministro Naftali Bennett.

Ha anche affermato che la costruzione di insediamenti israeliani nei territori occupati ricercati dai palestinesi è stata inutile.

Bennett, un ex leader dei coloni che si oppone alla creazione di uno stato palestinese, si è rapidamente respinto.

“In base alla nostra esperienza, il significato di uno stato palestinese significa che molto probabilmente verrà istituito uno stato del terrore, a circa sette minuti da casa mia e da quasi ogni punto in Israele”, ha detto.

Definendosi un “uomo pragmatico”, ha invece affermato di essere pronto a compiere passi sul campo per migliorare le condizioni di vita dei palestinesi in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza.

“Il terrorismo è l’occupazione”

Hussein al-Sheikh, un alto funzionario palestinese, che sovrintende alle relazioni con Israele, ha risposto con rabbia. “La peggiore forma di ‘terrorismo’ è l’occupazione, non la creazione di uno stato palestinese”, ha scritto su Twitter.

È stato uno dei pochi disaccordi tra gli stretti alleati durante la visita di due giorni della Merkel, che chiude un mandato di 16 anni caratterizzato da un sostegno quasi incrollabile a Israele.

Omar Shakir, direttore di Israele e Palestina presso Human Rights Watch, ha criticato la Merkel per aver considerato “temporanea” i 54 anni di occupazione israeliana.

“Il mantenimento di questa finzione ha permesso al governo Merkel di evitare di affrontare la realtà dell’apartheid e della persecuzione di milioni di palestinesi”, ha affermato in una nota.

Durante la sua leadership, la Merkel ha ripetutamente professato l’impegno della Germania per la sicurezza di Israele e si è detta fiduciosa che il prossimo governo tedesco – da determinare in lunghi colloqui di coalizione a seguito di elezioni inconcludenti il ​​mese scorso – avrebbe preso una posizione simile.

“Sono ottimista sul fatto che ogni governo tedesco, compreso quello che segue il mio, si sentirà impegnato per la sicurezza di Israele, e penso che qualsiasi successore che diventerà cancelliere tedesco la vedrà così”, ha detto.

Merkel aumenta la fiamma eterna nella Sala della Memoria al Museo dell’Olocausto Yad Vashem a Gerusalemme [AFP]

La Merkel sostiene l’accordo sul nucleare

Ci si aspettava che gran parte dell’agenda si concentrasse sul programma nucleare iraniano. Mentre i due leader hanno promesso entrambi di impedire all’Iran di sviluppare un’arma nucleare, hanno espresso approcci diversi su come farlo.

La Germania è stata un attore di primo piano nell’accordo nucleare internazionale del 2015 con l’Iran. L’accordo è andato in pezzi dopo che l’allora presidente Donald Trump, con il sostegno di Israele, si è ritirato dall’accordo nel 2018. L’amministrazione Biden ha cercato di far rivivere quell’accordo – noto come JCPOA – nonostante le obiezioni israeliane.

“Non ho mai considerato il JCPOA l’ideale, ma è meglio che non avere un accordo”, ha detto Merkel. Ha detto che la situazione è “molto difficile” poiché l’Iran continua ad arricchire l’uranio. “Stiamo affrontando settimane critiche intorno a questa domanda”, ha detto.

Israele considera l’Iran il suo più grande nemico, citando la presenza militare del paese nella vicina Siria e il suo sostegno ai gruppi di combattenti ostili in tutta la regione. Accusa l’Iran di cercare di sviluppare armi nucleari – un’accusa che l’Iran nega – e afferma che un Iran dotato di armi nucleari rappresenterebbe una minaccia esistenziale per Israele.

“Non ha senso cercare di placare gli iraniani. Interpretano la conciliazione come una debolezza”, ha detto Bennett, accusando l’Iran di cercare di ritardare mentre va avanti con i suoi sforzi armati. “Questo è un momento critico e la posizione della Germania è particolarmente importante”.

La Merkel ha anche fatto tappa al memoriale nazionale dell’Olocausto israeliano, Yad Vashem, dove ha deposto una corona in memoria dei sei milioni di ebrei europei uccisi dai nazisti durante la seconda guerra mondiale.

“Dopo i crimini contro l’umanità della Shoah [Holocaust], è stato possibile ripristinare e ristabilire le relazioni”, ha detto Merkel.

È stato “commovente” che Israele abbia iniziato a fidarsi della Germania del dopoguerra, ma questa “fiducia deve sempre dimostrarsi”, ha aggiunto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here