spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoLa sinistra francese si dice "pronta a governare" mentre il paese affronta...

    La sinistra francese si dice “pronta a governare” mentre il paese affronta un parlamento in stallo

    -

    Dopo aver ottenuto la maggioranza dei seggi all’Assemblea nazionale, la coalizione di sinistra francese intende nominare questa settimana un candidato Primo Ministro.

    Il fondatore del partito di sinistra La France Insoumise (LFI), Jean-Luc Melenchon, reagisce durante la notte delle elezioni del partito di sinistra La France Insoumise (LFI), dopo i primi risultati del secondo turno delle elezioni legislative francesi a La Rotonde Stalingrad a Parigi, il 7 luglio 2024. - Un'ampia coalizione di sinistra stava guidando le serrate elezioni legislative francesi, davanti sia ai centristi del presidente che all'estrema destra, senza che nessun gruppo ottenesse la maggioranza assoluta, come mostravano le proiezioni. (Foto di Sameer Al-Doumy / AFP)
    Il fondatore del Partito Indomito francese, Jean-Luc Melenchon, osserva i risultati del secondo turno delle elezioni legislative francesi che mostrano che la sua alleanza di sinistra ha vinto il maggior numero di seggi il 7 luglio 2024 [Sameer Al-Doumy/AFP]

    Il leader della sinistra francese Jean-Luc Melenchon afferma che la sinistra è “pronta a governare” dopo essere emersa come il più grande blocco politico in parlamento, ma il paese si trova in una situazione di stallo politico poiché nessun partito ha ottenuto una chiara maggioranza.

    La coalizione del Nuovo Fronte Popolare (NFP), guidata da Melenchon e dai suoi alleati, ha ottenuto la maggioranza dei voti all’Assemblea nazionale francese nel secondo turno delle elezioni parlamentari di domenica, aggiudicandosi 187 seggi sui 577 dell’Assemblea nazionale, secondo i dati del ministero dell’Interno.

    Il risultato ha inferto un duro colpo al presidente Emmanuel Macron, la cui alleanza centrista Ensemble è riuscita ad ottenere 159 seggi. Il primo ministro Gabriel Attal si è offerto di dimettersi lunedì, ma Macron gli ha chiesto di restare “per il momento, per garantire la stabilità del Paese”.

    Il partito di estrema destra National Rally (RN) di Marine Le Pen e i suoi alleati sorprendentemente sono arrivati ​​terzi con 142 seggi nonostante un ottimo risultato al primo turno. I partiti centristi e di sinistra hanno unito le forze per negare al RN l’opportunità di governare la Francia.

    Ma l’ascesa dell’estrema destra ha allarmato la gente, in particolare le minoranze, poiché la Royal Navy è diventata un attore politico importante.

    Poiché nessuna delle tre principali alleanze ha ottenuto la maggioranza assoluta dei 289 seggi necessari per formare un governo, la seconda economia più grande dell’eurozona si trova ad affrontare un parlamento in stallo, un territorio inesplorato nell’era moderna.

    Ciò potrebbe spingere Macron a provare a costruire una coalizione fragile con moderati di sinistra e di destra o a invitare il campo NFP di sinistra a guidare il governo. Potrebbe anche ricorrere a un governo tecnocratico senza affiliazione politica per gestire gli affari quotidiani.

    I risultati frammentati sono destinati a indebolire il ruolo della Francia nell’Unione Europea e altrove, e a rendere difficile per chiunque portare avanti un programma interno.

    “Lui [Macron] si trova in una situazione piuttosto difficile”, ha detto ad Al Jazeera Rainbow Murray, professore di politica alla Queen Mary University di Londra. “Il suo partito ha meno seggi di prima, ma è ancora abbastanza forte rispetto alla sinistra perché non sia ovvio per lui dimettersi. Quindi penso che ci saranno delle trattative piuttosto tese”.

    “Una delle questioni chiave che la gente si chiederà è chi guiderà il prossimo governo”.

    Chi sarà il prossimo primo ministro francese?

    Step Vassen di Al Jazeera, in un reportage da Parigi, ha affermato che Macron probabilmente “si prenderà il suo tempo” e aspetterà che il nuovo scenario politico si “assesti” prima di apportare grandi cambiamenti.

    L’alleanza NFP si è affrettata a sollecitare Macron a dargli la possibilità di formare un governo. La coalizione si impegna a ritirare molte delle riforme principali di Macron, ad avviare un costoso programma di spesa pubblica e ad adottare una linea più dura contro Israele a causa della sua guerra a Gaza.

    “Secondo la logica delle nostre istituzioni, Emmanuel Macron dovrebbe oggi invitare ufficialmente il Nuovo Fronte Popolare a nominare un primo ministro”, ha affermato la leader dei Verdi Marine Tondelier, una delle numerose figure del Nuovo Fronte Popolare considerate potenziali candidate alla carica di primo ministro.

    “Lo farà o non lo farà? Poiché questo presidente è sempre pieno di sorprese, vedremo”, ha detto alla radio RTL.

    Melenchon ha sottolineato la possibilità che decisioni importanti vengano prese “per decreto” sia sul fronte nazionale che su quello internazionale, sottolineando che il riconoscimento dello Stato di Palestina sarebbe una delle loro prime azioni “il più rapidamente possibile”.

    A febbraio Macron aveva dichiarato di essere aperto al riconoscimento di uno stato palestinese, ma che tale mossa avrebbe dovuto “arrivare in un momento utile” e non essere “emozionale”.

    L’NFP riuscirà a creare un consenso?

    Resta da vedere se l’NFP, una schiera di partiti di sinistra tra cui France Unbowed (LFI) di Melenchon, il Partito Socialista, i Verdi e il Partito Comunista, riuscirà a restare unito e a concordare un percorso da seguire.

    Il primo segretario del Partito socialista di sinistra francese (PS), Olivier Faure (al centro), tiene un discorso dopo l'annuncio dei primi risultati durante l'evento elettorale del partito in seguito ai primi risultati del secondo turno delle elezioni legislative francesi a Parigi il 7 luglio 2024. - (Foto di STEPHANE DE SAKUTIN / AFP)
    Olivier Faure, al centro, primo segretario del Partito socialista francese, afferma che la coalizione di sinistra sceglierà questa settimana un candidato primo ministro [Stephane de Sakutin/AFP]

    La parlamentare dell’LFI Clementine Autain ha affermato che l’alleanza è necessaria “per decidere un punto di equilibrio per poter governare”. Ha affermato che né l’ex presidente socialista Francois Hollande né Melenchon, una figura controversa persino all’interno del suo stesso partito, dovrebbero ricoprire la carica di primo ministro.

    Il leader del Partito socialista, Olivier Faure, ha esortato alla “democrazia” all’interno dell’alleanza di sinistra, che ha affermato che entro la fine della settimana sceglierà un candidato primo ministro al suo interno.

    Raphael Glucksmann, copresidente del partito più piccolo, pro-europeo, Place Publique, nell’alleanza, ha affermato nelle proiezioni: “Siamo in vantaggio, ma in un parlamento diviso, … quindi le persone dovranno comportarsi da adulti”.

    “Le persone dovranno parlare tra loro.”

    Nella sua prima reazione, il leader del RN Jordan Bardella, protetto di Le Pen, ha definito la cooperazione tra le forze anti-RN una “vergognosa alleanza” che, a suo dire, avrebbe paralizzato la Francia.

    Le Pen, che sarà probabilmente la candidata del partito per le elezioni presidenziali del 2027, ha tuttavia affermato che le elezioni di domenica, in cui il RN ha ottenuto importanti guadagni, hanno gettato i semi per il futuro.

    “La nostra vittoria è stata solo ritardata”, ha affermato.

    ‘Si formano delle crepe’

    Vassen ha affermato che ci sono delle “crepe che stanno emergendo” all’interno del campo NFP che Macron potrebbe cercare di sfruttare per i propri fini.

    “Questo potrebbe essere parte di una strategia che [Macron] sta giocando per guadagnare tempo”, ha detto Vassen.

    Macron, il cui mandato presidenziale durerà fino al 2027, ha indetto elezioni anticipate poco dopo l’impennata del sostegno all’estrema destra francese alle elezioni del Parlamento europeo di giugno.

    Invece di schierarsi al fianco di Macron, come lui sperava, milioni di francesi hanno colto il voto come un’opportunità per sfogare la propria rabbia contro l’inflazione, la criminalità, l’immigrazione e altre lamentele, tra cui il suo stile di governo.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts