La Russia afferma di aver colpito i sistemi S-300 forniti all’Ucraina dallo stato dell’UE

0
11

Il ministero della Difesa russo non ha specificato quale paese ha fornito il sistema missilistico che ha affermato di aver distrutto.

La Russia ha affermato di aver distrutto quattro lanciatori S-300 nascosti in un hangar in Ucraina [File: Sergey Pivovarov/Reuters]

La Russia afferma di aver distrutto i sistemi missilistici antiaerei forniti all’Ucraina da uno stato europeo, senza specificare quale paese ha fornito l’equipaggiamento.

Il portavoce del ministero della Difesa, il maggiore generale Igor Konashenkov, ha dichiarato lunedì che i missili russi Kalibr hanno distrutto domenica quattro lanciatori S-300 nascosti in un hangar alla periferia della città ucraina centro-orientale di Dnipro, colpendo 25 soldati ucraini nell’attacco.

La Slovacchia, che la scorsa settimana aveva donato un tale sistema missilistico all’Ucraina, ha negato che quello da essa fornito fosse stato colpito. L’ufficio del primo ministro ha rilasciato una dichiarazione in cui chiamava i rapporti russi secondo cui il suo sistema S-300 era stato distrutto come “disinformazione”. Non è chiaro, tuttavia, se entrambe le parti si riferissero allo stesso sciopero.

Non ci sono stati commenti immediati da parte delle autorità ucraine.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che negli ultimi giorni le sue forze hanno preso di mira i sistemi di difesa missilistica in tre diverse località. Hanno anche abbattuto due aerei Su-25 ucraini vicino alla città di Izyum e distrutto due depositi di munizioni, uno dei quali era vicino alla città meridionale di Mykolaiv, ha aggiunto.

Il Pentagono ha affermato che la Russia ha un chiaro vantaggio nelle forze armate per la sua prossima fase della guerra contro l’Ucraina, che si concentrerà sulla regione orientale del Donbas.

Il segretario stampa John Kirby ha detto che le forze russe si erano sparse troppo per prendere la capitale, Kiev, dopo l’invasione del 24 febbraio, ma si stavano rifocalizzando su una regione più piccola e avevano ancora la stragrande maggioranza della loro potenza di combattimento.

Venerdì gli Stati Uniti hanno dichiarato di aver inviato un sistema di difesa missilistica Patriot in Slovacchia per sostituire i sistemi di difesa aerea S-300 inviati in Ucraina.

“Ora non è il momento di compiacersi”, ha detto il presidente degli Stati Uniti Joe Biden annunciando il trasferimento di Patriot. “Mentre l’esercito russo si riposiziona per la prossima fase di questa guerra, ho ordinato alla mia amministrazione di continuare a non risparmiare sforzi per identificare e fornire all’esercito ucraino le capacità avanzate di armi di cui ha bisogno per difendere il suo paese”.

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha affermato che il sistema, così come una squadra di soldati statunitensi per utilizzarlo, arriverà in Slovacchia nei prossimi giorni e vi rimarrà per una durata indefinita.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here