spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoLa Malesia vuole unirsi ai BRICS, il cinese Xi ha un “leader...

    La Malesia vuole unirsi ai BRICS, il cinese Xi ha un “leader eccezionale”: Anwar

    -

    Il leader malese critica la “narrativa occidentale” sull’attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre.

    Anwar
    Il primo ministro malese Anwar Ibrahim afferma che il suo paese si unirà al gruppo BRICS delle economie emergenti [Richard A Brooks/AFP]

    La Malesia vuole unirsi al gruppo BRICS delle economie emergenti, ha detto il leader del paese del sud-est asiatico.

    In un’intervista con il media cinese Guancha, il primo ministro malese Anwar Ibrahim ha detto che il suo governo inizierà presto il processo di adesione al blocco, una volta ricevuto il feedback del Sud Africa – l’attuale presidente dei BRICS – sulla sua manifestazione di interesse.

    “Abbiamo reso chiara la nostra politica e abbiamo preso la nostra decisione. A breve avvieremo il processo formale. Per quanto riguarda il Sud del mondo, siamo pienamente favorevoli”, ha affermato Anwar, secondo il quotidiano con sede a Shanghai.

    Anwar ha anche appoggiato i commenti del presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva che criticava il dominio del dollaro USA nel commercio internazionale.

    “L’anno scorso la Malesia ha registrato gli investimenti più alti di sempre, ma la valuta è stata comunque attaccata. Ebbene, nelle ultime settimane la situazione si è attenuata. Ma questo non ha senso, va contro i principi economici fondamentali”, ha detto Anwar.

    “Perché? Una valuta che è completamente al di fuori del sistema commerciale dei due paesi ed è irrilevante in termini di attività economiche nel paese, è diventata dominante, semplicemente perché viene utilizzata come valuta internazionale”.

    Fondato nel 2006, il gruppo era originariamente noto come BRIC e comprendeva Brasile, Russia, India e Cina. Il Sudafrica si è unito nel 2010 e il gruppo è diventato noto come BRICS.

    Nel gennaio 2024, il blocco ha ampliato la propria adesione per includere Egitto, Etiopia, Iran, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti (EAU).

    Nella sua intervista, Anwar ha affermato che l’ascesa della Cina “ci ha portato un barlume di speranza sull’esistenza di controlli ed equilibri nel mondo” e ha elogiato il presidente cinese Xi Jinping per aver riconosciuto l’importanza di ringiovanire i valori asiatici.

    “Quando ho incontrato per la prima volta il presidente Xi Jinping, sono stato attratto da lui perché il presidente Xi è uno dei pochi leader eccezionali che parla di civiltà. In un certo senso è unico”, avrebbe detto.

    Il leader malese ha anche preso di mira una “narrativa occidentale” che, a suo dire, si concentra eccessivamente sull’attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre.

    “La gente continua a parlare del 7 ottobre, il che mi dà fastidio. Vuoi cancellare 70 anni di storia insistendo su un evento? Questa è la narrativa occidentale. Vedete, questo è il problema con l’Occidente. Vogliono controllare il discorso, ma non possiamo più accettarlo perché non sono più una potenza coloniale e i paesi indipendenti dovrebbero essere liberi di esprimersi”, ha detto Anwar, secondo Guancha.

    Anwar ha espresso i suoi commenti prima della visita del premier cinese Li Qiang per celebrare il cinquantesimo anniversario dei rapporti diplomatici tra Cina e Malesia.

    Durante la visita di tre giorni di Li, che inizierà martedì, Kuala Lumpur e Pechino dovrebbero rinnovare un accordo quinquennale di cooperazione economica e firmare accordi per collaborare in settori quali l’economia digitale e lo sviluppo verde.

    La Cina è il principale partner commerciale della Malesia dal 2009, con un commercio totale che lo scorso anno ha raggiunto i 450,84 miliardi di ringgit (98,90 miliardi di dollari).

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts