La figlia di Duterte, Sara, cercherà la presidenza delle Filippine?

0
20

Sara Duterte-Carpio si è già candidata per un terzo mandato come sindaco di Davao, ma ci sono indicazioni che potrebbe organizzare un’offerta presidenziale dell’ultimo minuto.

Per mesi si è ipotizzato che Duterte-Carpio, a sinistra, si sarebbe candidato alla presidenza, dopo aver viaggiato attraverso il paese, nel bel mezzo della pandemia di COVID-19, per incontrare i potenti mediatori politici regionali e gli alleati di suo padre, il presidente Rodrigo Duterte, giusto? [File: Gali Tibbon/AFP]

Le Filippine stanno facendo il conto alla rovescia per la scadenza entro la quale i candidati dovranno presentare le carte per entrare nella già affollata corsa per succedere a Rodrigo Duterte come presidente nel 2022 e tutti gli occhi sono puntati sul sindaco di Davao Sara Duterte-Carpio, che è vista come la candidata preferita di suo padre e il partito di governo.

Venerdì mattina, a poche ore dalla scadenza, centinaia di sostenitori di Duterte-Carpio si sono radunati nella capitale, Manila, portando grandi striscioni invitandola a presentare la sua candidatura nonostante avesse dichiarato di volersi rieleggere a sindaco di Davao, il base politica della famiglia Duterte.

“Corri, Sara, corri!” i suoi sostenitori hanno pianto da un convoglio di veicoli per mostrare la loro solidarietà alla figlia del presidente. Altri che si sono radunati in un parco vicino hanno alzato i pugni – il caratteristico gesto della mano di Dutere – a un gruppo di giornalisti che si accalcavano intorno a loro.

Sui social media, i suoi sostenitori hanno spinto l’hashtag #RunSaraRun2022 e hanno pubblicato foto del municipio di Davao con un ologramma di un’aquila verde proiettato sulla parte anteriore dell’edificio come immagine della sua potenza e grinta.

I candidati per tutte le posizioni hanno tempo fino alle 17:00 (09:00 GMT) dell’8 ottobre per presentare la propria candidatura per le elezioni del 9 maggio 2022, dalla presidenza ai membri del consiglio comunale.

Ma i candidati dichiarati possono ancora ritirarsi ed essere sostituiti da un altro candidato fino al 15 novembre, il che ha sollevato la speculazione che Duterte-Carpio potrebbe ancora entrare all’ultimo minuto nella corsa presidenziale. Suo padre ha adottato lo stesso approccio nel 2016.

Mercoledì sera, la 43enne è apparsa per respingere le richieste dei suoi sostenitori, scrivendo sui social media: “Desidero davvero finire il mio ultimo mandato come sindaco, prima di cercare un’altra posizione.

“Molti di voi sono feriti e hanno perso la speranza. Ma possiamo ancora aiutarci a vicenda per il nostro Paese e non abbiamo bisogno di una posizione, non ho bisogno di diventare presidente per essere in grado di aiutare”.

Ma giovedì, Duterte-Carpio ha pubblicato diversi video simili a una campagna sulla sua pagina sui social media, evidenziando il suo lavoro a Davao e prendendo in giro una possibile candidatura presidenziale.

“Grazie per tutto il vostro supporto”, ha scritto in tagalog. “Qualunque cosa accada, sono sicuro che ci sarai. Grazie per la fiducia che mi hai dimostrato. Sono molto onorato di guadagnare il vostro sostegno e fiducia”, ha scritto nella didascalia in uno dei video.

Giovedì, il portavoce del palazzo presidenziale, Harry Roque, ha detto che il presidente Duterte sperava che sua figlia cambiasse idea e scappasse.

“Il presidente ha creduto fin dall’inizio di essere il candidato più abile alla presidenza”, ha detto Roque ai giornalisti in una conferenza stampa virtuale.

Ha aggiunto che i funzionari del palazzo stavano pianificando di tenere una veglia di preghiera notturna presso la residenza presidenziale per convincere Duterte-Carpio a ripensare alla sua decisione.

Venerdì pomeriggio, Duterte-Carpio ha rilasciato una nuova dichiarazione in cui afferma che si candida per la rielezione a sindaco.

“Grazie a tutti coloro che hanno espresso il loro sostegno”, ha detto. “Mi presento ai Dabawenyo come sindaco per la terza e ultima volta nella mia vita da politico. Invito tutti a lavorare insieme per elezioni oneste, ordinate e credibili nel maggio 2022″.

Venerdì pomeriggio, altri due alleati di Duterte, il senatore Ronald dela Rosa e il segretario agli Esteri Ernesto Abella, hanno dichiarato che anche loro si candidano alla presidenza. Dela Rosa, era il capo della polizia nazionale che ha condotto la micidiale guerra alla droga di Duterte prima di candidarsi al senato nel 2019. Abella è stato il portavoce di Duterte prima che fosse nominato all’ufficio degli affari esteri.

Alleanza logora

Per mesi si sono speculate sulle intenzioni di Duterte-Carpio sulla presidenza, dopo che ha iniziato a viaggiare attraverso il paese, nel bel mezzo di una pandemia di COVID-19, per incontrare i principali powerbroker regionali.

Tra coloro con cui ha avuto colloqui c’era l’ex senatore Ferdinand Marcos Jr, figlio e omonimo del defunto dittatore del paese, che gode ancora di un fedele seguito nelle Filippine settentrionali. Marcos Jr ha corso e ha perso la sua candidatura alla vicepresidenza nel 2016. È stato riferito che stava cercando un’alleanza con Duterte-Carpio per un’altra corsa nel 2022.

La sorella di Marcos Jr, la senatrice Imee Marcos, aveva detto in precedenza che Duterte-Carpio e Marcos, entrambi in corsa per la prossima corsa presidenziale, sarebbero stati una “partita fatta nel paradiso politico”.

Alla fine, Marcos Jr ha deciso di candidarsi alla presidenza, ribaltando in cima alla lista una possibile unione politica con Duterte-Carpio.

Negli ultimi mesi nell’isola meridionale di Mindanao sono apparsi striscioni che esortavano il sindaco di Davao Sara Duterte-Carpio a candidarsi alla presidenza, portando alla presentazione della candidatura a ottobre [Ted Regencia/Al Jazeera]

Sabato, Duterte-Carpio aveva già presentato le sue carte per candidarsi per un terzo mandato come sindaco di Davao, poco dopo che suo padre aveva abbandonato la sua candidatura alla carica di vicepresidente e aveva dichiarato il suo ritiro dalla politica.

All’inizio di settembre, Duterte-Carpio aveva detto che non si sarebbe candidata alla presidenza, citando un accordo con suo padre secondo cui solo uno della famiglia poteva candidarsi come presidente. Ora che suo padre si è apparentemente ritirato, sembra che il loro accordo sia tornato sul tavolo.

Dopo la sua decisione di ritirarsi dalla politica, Duterte aveva affermato di ritenere che sua figlia sia “la candidata più abile” alla presidenza.

Con Duterte che potrebbe affrontare problemi legali dopo aver lasciato l’incarico nel giugno 2022, tra cui un probabile atto d’accusa davanti alla Corte penale internazionale per la sua cosiddetta guerra alla droga, il presidente vuole un successore che possa isolarlo dall’accusa, lasciando sua figlia Duterte-Carpio come scelta logica.

Ma il partito di governo di Duterte, PDP-Laban, è già allo sbando, dopo che una fazione del loro blocco politico ha deciso di sostenere la candidatura presidenziale del campione internazionale di boxe e senatore in carica Manny Pacquiao.

Ciò lascia Duterte-Carpio senza alcun apparato politico nazionale su cui fare affidamento. Tuttavia, con un presidente per padre e una base politica leale della regione di Davao, ha molto da offrire.

Duterte-Carpio rimane anche il leader del sondaggio tra i possibili candidati presidenziali dichiarati nei sondaggi d’opinione.

Un sondaggio Pulse Asia condotto tra il 6 e l’11 settembre ha mostrato che il 20% degli elettori filippini sostiene la candidatura presidenziale di Duterte-Carpio. Questo è l’otto percento in meno rispetto al supporto che ha ricevuto in un precedente sondaggio condotto a giugno.

Tra coloro che hanno già dichiarato le loro intenzioni ci sono Pacquiao, Marcos Jr, il sindaco di Manila Isko Moreno, l’ex capo della polizia nazionale e il senatore in carica Panfilo Lacson, tutti ex alleati di Duterte.

Giovedì anche il vicepresidente Leni Robredo, critico di Duterte, ha dichiarato la sua candidatura alla presidenza.

Juvieherb Ello, 36 anni, un ex lavoratore filippino d’oltremare di Mindanao, ha detto ad Al Jazeera che, pur apprezzando ciò che Duterte ha fatto negli ultimi cinque anni e mezzo, è incline a Robredo come sua scelta per il prossimo presidente.

Dice che il suo sostegno a Duterte non si traduce automaticamente in sostegno per sua figlia.

Heber Naong, tuttavia, un commesso anche lui di Mindanao, ha detto che se Duterte-Carpio decidesse di candidarsi alla presidenza, la sosterrebbe.

Con la sostituzione della candidatura ancora consentita fino al 15 novembre, potrebbero esserci ancora dei riallineamenti dell’ultimo minuto in nome dei candidati, cosa consentita dalla legge, secondo Edre Olalia, segretario generale dell’Unione nazionale degli avvocati del popolo.

Se Duterte-Carpio decidesse di candidarsi alla fine, Olalia ha detto che si aspetta che lei persegua politiche simili a quelle di suo padre.

“Nonostante la connessione biologica, il cordone ombelicale politico è ancora lì. Di conseguenza, ci aspettiamo che protegga non solo suo padre, ma tutti gli altri che dovrebbero essere responsabili” nella micidiale guerra alla droga, ha detto ad Al Jazeera.

Olalia ha sottolineato che anche all’epoca in cui Duterte-Carpio era vicesindaco e sindaco di Davao, la città aveva subito omicidi extragiudiziali, sostenuti o incoraggiati dal proprio padre, il futuro presidente.

Duterte-Carpio è stata vice sindaco di suo padre da giugno 2007 a giugno 2010. Poi hanno cambiato posto dal 2010 al 2013.

“Alla fine della giornata, sono dello stesso stampo.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here