spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoLa controffensiva dell'Ucraina contro la Russia: cosa dovresti sapere

    La controffensiva dell’Ucraina contro la Russia: cosa dovresti sapere

    -

    Le armi occidentali si riversano in Ucraina mentre i funzionari di Kiev promettono che presto inizieranno nuovi attacchi.

    Reclute della brigata d'assalto spartana della Guardia nazionale ucraina si esercitano alla base dell'unità, in mezzo all'attacco della Russia all'Ucraina, nella regione di Kharkiv, Ucraina, 20 aprile 2023. REUTERS/Viktoriia Yakymenko
    Reclute della Guardia nazionale ucraina si esercitano nella loro base nella regione di Kharkiv il 20 aprile 2023 [Viktoriia Yakymenko/Reuters]

    Kiev, Ucraina – Con l’inizio della primavera in Ucraina, una minacciosa tregua nelle ostilità è caduta sui campi di battaglia della guerra che la Russia ha iniziato lo scorso anno.

    L’offensiva invernale di Mosca non si è mai materializzata del tutto nonostante la mobilitazione di centinaia di migliaia di uomini per lo più non addestrati. Molti furono spediti direttamente in prima linea solo per essere uccisi in quelle che i sopravvissuti chiamavano “tempeste di carne da macello”.

    Con l’incarcerazione dei critici e di un giornalista americano, il Cremlino sembra aver ottenuto più vittorie contro il dissenso e l’opposizione interna fratturata che in Ucraina, mentre le forze russe si facevano appena avanti nella città assediata di Bakhmut.

    Allo stesso tempo, l’Ucraina non ha riguadagnato terreno nella regione meridionale di Kherson o nella regione orientale di Kharkiv nei mesi successivi al ritiro della Russia dalle aree chiave.

    Mentre le piogge primaverili trasformano il suolo in fango impraticabile per truppe e armi pesanti, l’Ucraina sta accumulando nuove forze addestrate per usare le nuove armi occidentali, e la sua controffensiva a lungo promessa sembra imminente.

    “Siamo fiduciosi che la controffensiva abbia luogo nel prossimo futuro”, ha dichiarato la scorsa settimana il primo ministro Denys Shmygal. “Gli Stati Uniti ci supportano assolutamente”.

    Ma dove e come inizierà?

    Un analista militare occidentale ha affermato di ritenere che l’Ucraina abbia abbastanza manodopera e attrezzature per chiamare i colpi.

    “Ogni volta che scelgono di iniziare la loro controffensiva, avranno sufficiente forza lavoro addestrata ed equipaggiata”, ha detto ad Al Jazeera il maggiore generale dell’esercito americano in pensione Gordon Skip Davis.

    L’unico grande inconveniente di Kiev, una terribile carenza di forze aeree, può essere compensato da una migliore capacità di difesa aerea, ha detto, e mercoledì i sistemi di difesa aerea Patriot di fabbricazione statunitense sono arrivati ​​in Ucraina.

    ‘La controffensiva sarà una spinta’

    Ciò che è molto più importante è che Kiev possa sfruttare il basso morale delle forze russe e la loro carenza di armi e munizioni.

    “Hanno una lettura abbastanza buona delle preoccupazioni russe e probabilmente semineranno le loro paure a loro vantaggio”, ha detto Davis, che ha visitato spesso l’Ucraina dal 2014 al 2019 e ha incontrato i suoi leader e i vertici.

    L’Ucraina ha anche bisogno di un trionfo o due per garantire la continua fornitura di aiuti militari e finanziari occidentali, mentre il sostegno pubblico occidentale alla sua causa sta diminuendo.

    “La controffensiva sarà una spinta per tutti i leader politici che sostengono l’Ucraina e dicono che questo è il sacrificio che dobbiamo fare per mantenere l’Ucraina libera”, ha detto Davis.

    L’attuale linea del fronte a forma di mezzaluna che si estende da est a sud dell’Ucraina è lunga centinaia di chilometri, quindi Kiev dovrà scegliere attentamente dove contrattaccare prima.

    “Non credo che faranno due linee di attacco”, ha detto Davis. “Useranno solo una grande area concentrata.”INTERACTIVE-CHI CONTROLLA COSA IN UCRAINA

    Una delle opzioni più fattibili per l’Ucraina è sezionare il ponte di terra che la Russia ha creato verso la penisola di Crimea quando ha catturato gran parte dell’Ucraina sudorientale all’inizio della guerra. Questo ponte di terra attraversa parti controllate dai separatisti della regione orientale del Donbas, nonché Mariupol e Berdiansk, entrambe città sul Mar d’Azov.

    Ma una minaccia alla Crimea potrebbe portare a un’ulteriore escalation perché Putin considera la penisola annessa un gioiello della sua corona.

    Un’altra opzione è un attacco alle aree controllate dai separatisti nell’est che sono “meno preparate in termini di difesa e profondità”, ha detto Davis.

    Tuttavia, molte delle persone che vi sono rimaste si sono fermamente opposte a Kiev dal 2014, in gran parte grazie alla prevalenza dei media russi controllati dallo stato e all’isolamento economico che ha reso i poveri staterelli separatisti completamente dipendenti da Mosca, ha affermato.

    Secondo un altro analista, l’attacco più pubblicamente atteso è uno verso sud, verso le città di Mariupol e Berdiansk occupate dalla Russia e l’istmo di Crimea. Potrebbe iniziare ai primi di maggio.

    “Sembra la via più breve e sicura per un’operazione offensiva di successo”, ha detto ad Al Jazeera Nikolay Mitrokhin dell’Università tedesca di Brema.

    Per distogliere l’attenzione di Mosca e disperdere le riserve russe, Kiev ha segnalato la sua disponibilità ad attaccare in altre direzioni.

    Uno di questi segnali è la decisione del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy a metà aprile di nominare nuovi capi dell’amministrazione nelle città occupate dalla Russia nella regione di Luhansk.

    Tuttavia, la mappa è piena di punti caldi in cui sono ampiamente previsti contrattacchi, ha affermato Mitrokhin.

    Includono le città orientali di Svatovo e Kreminna, qualsiasi località nella regione meridionale di Zaporizhia e il delta del fiume Dnipro (chiamato fiume Dnepr in Russia) a sud della città di Kherson.

    “Ma di tutti loro, gli obiettivi strategici saranno raggiunti solo cogliendo il [eastern] L’agglomerato di Lysychansk-Severodonetsk, un attacco sul fronte Zaporizhia verso Mariupol e l’attraversamento del Dnepr come colpo di supporto”, ha detto Mitrokhin.

    “L’Ucraina deve smantellare le posizioni meridionali della Russia”

    Il principale analista di guerra ucraino afferma che un attacco tra le città orientali di Severodonetsk e Kreminna potrebbe essere cruciale per invertire la spinta della Russia a impadronirsi dell’intera regione del Donbass.

    “Se agiamo lì, il nemico dovrebbe lasciare Bakhmut”, ha detto ad Al Jazeera il tenente generale Ihor Romanenko, ex vice capo di stato maggiore dell’esercito ucraino.

    Una spinta verso sud potrebbe rivelarsi più difficile, ma potrebbe preannunciare la graduale liberazione della Crimea, ha detto.

    Le posizioni della Russia nel sud “sono state rafforzate e l’Ucraina ha bisogno di separarle per raggiungere la penisola di Crimea e trasformarla in un’isola in termini di approvvigionamento logistico”, ha detto Romanenko.

    Negli ultimi mesi, Kiev ha intensificato i suoi attacchi con droni e artiglieria sulle regioni occidentali della Russia adiacenti all’Ucraina.

    Un’invasione di queste regioni, in particolare Bryansk, potrebbe distrarre gran parte delle forze russe e seminare il panico tra i russi medi, ha detto Romanenko.

    Ma l’Occidente si oppone a una mossa così audace.

    “Sarebbe razionale, ma c’è un aspetto politico-militare”, ha detto Romanenko.

    Gli alleati occidentali non vogliono che Kyiv entri in Russia per evitare un’ulteriore escalation e impedire l’uso di armi nucleari da parte di Mosca.

    L’Ucraina è troppo dipendente dalle forniture occidentali per ignorare questi timori, ha affermato.

    Nel frattempo, gli attuali obiettivi di Mosca sono radicalmente diversi dai suoi calcoli iniziali.

    Il Cremlino non è riuscito a realizzare i suoi piani per impadronirsi di Kiev e rovesciare il governo di Zelenskyy entro pochi giorni dal lancio dell’invasione.

    Ha imparato a proprie spese quanto fosse povero il suo processo decisionale basato su stratagemmi obsoleti dell’era sovietica, approvvigionamento logistico e coordinamento del campo di battaglia.

    In questi giorni, il Cremlino non vuole altro che guadagnare tempo.

    “Per la Russia, è importante congelare il conflitto, ottenere una migliore presa sui territori occupati, ricostruire l’economia” nel modo in cui l’Iran ha modificato la sua economia sotto le sanzioni occidentali, ha detto ad Al Jazeera l’analista di Kiev Aleksey Kushch.

    Mosca vuole “dissanguare l’Ucraina attraverso il rischio di una ripresa della guerra che spaventerebbe gli investitori e indurrebbe la gente a fuggire. E poi attaccare di nuovo”, ha detto.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts