La Cina accoglie il 2022 con la peggiore settimana COVID da quando ha domato il virus

0
57

L’aumento è stato guidato principalmente da un’epidemia nel centro industriale e tecnologico nord-occidentale di Xi’an.

Da agosto, la Cina ha cercato di tenere sotto controllo qualsiasi epidemia entro circa due settimane, molto più breve delle quattro-sei settimane delle precedenti battaglie contro le riacutizzazioni sporadiche a seguito dell’epidemia nazionale iniziale, secondo la National Health Commission [China OUT/AFP]

La Cina ha iniziato il 2022 con il più grande conteggio di casi di coronavirus locali per un periodo di sette giorni da quando ha soppresso la prima epidemia del paese quasi due anni fa, nonostante un arsenale di alcune delle misure COVID-19 più dure al mondo.

La Commissione sanitaria nazionale ha riferito sabato 175 nuove infezioni comunitarie con sintomi clinici confermati per il 31 dicembre, portando il numero totale di casi sintomatici locali nella Cina continentale nell’ultima settimana a 1.151.

L’ondata è stata guidata principalmente da un’epidemia nel centro industriale e tecnologico nord-occidentale di Xi’an, una città di 13 milioni di abitanti.

L’intensificarsi dell’epidemia a Xi’an probabilmente rafforzerà la decisione delle autorità di frenare rapidamente le trasmissioni non appena emergono casi.

La città, chiusa per 10 giorni a partire da sabato, ha segnalato 1.451 casi sintomatici locali dal 9 dicembre, il conteggio più alto per qualsiasi città cinese nel 2021.

La pubblicazione sostenuta dallo stato, China Daily, ha affermato che la capitale della provincia dello Shaanxi “sta ancora affrontando una dura battaglia” contro l’epidemia e che non c’è ancora “un punto di svolta” nel contenere la diffusione del virus.

Liu Guozhong, segretario del Comitato provinciale dello Shaanxi del Partito comunista cinese, ha affermato che dovrebbe esserci un “senso di urgenza nella lotta contro il Covid-19 nei giorni a venire”.

“Xi’an è la destinazione decisiva nella lotta contro la pandemia e solo quando l’epidemia a Xi’an sarà stata messa sotto controllo potremo invertire radicalmente la situazione passiva nell’intera provincia”, ha affermato Liu, citato dal China Daily.

Prossime Olimpiadi invernali

Sebbene il conteggio dei casi in Cina sia esiguo rispetto a molti focolai in altre parti del mondo, sarà importante prevenire le principali riacutizzazioni nel 2022.

Pechino ospiterà i Giochi olimpici invernali a febbraio e il Partito comunista al potere terrà un congresso una volta ogni cinque anni, previsto in autunno, dove il presidente Xi Jinping probabilmente si assicurerà un terzo mandato come segretario del partito.

Nel suo discorso per il nuovo anno, Xi ha affermato che la Cina “non risparmierà sforzi per presentare grandi giochi al mondo”.

L’emergere della variante Omicron altamente trasmissibile spingerà anche Pechino a mantenere la sua alta vigilanza contro il virus. La Cina ha segnalato una manciata di casi di Omicron importati e almeno un caso trasmesso localmente.

Da agosto, la Cina ha cercato di tenere sotto controllo le epidemie entro circa due settimane, molto meno delle quattro-sei settimane delle precedenti battaglie contro le riacutizzazioni sporadiche a seguito dell’epidemia nazionale iniziale, secondo la National Health Commission.

Nel suo discorso per il nuovo anno, il presidente cinese Xi Jinping ha affermato che la Cina “non risparmierà sforzi per presentare grandi giochi al mondo” in mezzo alla minaccia di un’altra ondata di COVID [Jade Gao/AFP]

Le città lungo i confini della Cina sono a maggior rischio di virus, a causa della presenza di collegamenti di trasporto terrestre o dell’ingresso di viaggiatori infetti da altri paesi. Alcuni sono stati colpiti da epidemie del Delta che l’anno scorso hanno provocato dure restrizioni ai viaggi.

Lo Yunnan, che confina con Myanmar, Laos e Vietnam, ha segnalato nuovi casi sintomatici locali in 92 giorni su 365 l’anno scorso, ovvero il 25% delle volte, più spesso di qualsiasi altra provincia, regione autonoma o comune.

L’epidemia di Xi’an, che ha portato a casi in altre città tra cui Pechino, potrebbe essere fatta risalire a un volo in arrivo dal Pakistan, ma non è chiaro come si sia diffuso alle comunità locali.

A molte persone è stato proibito di lasciare i loro complessi residenziali, ma un funzionario del governo cittadino ha detto venerdì che i cordoli sarebbero stati allentati in composti meno rischiosi quando fosse il momento giusto.

Le dure politiche epidemiche della Cina hanno contribuito a impedire al suo vasto settore industriale di scivolare in arresti prolungati, ottenendo importanti guadagni nelle esportazioni mentre altri pilastri della crescita si indebolivano.

Ma interruzioni imprevedibili hanno scosso il sentimento dei consumatori e martellato i settori della ristorazione, dell’ospitalità e del turismo.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here