La caduta di Imran Khan: una storia di speranza politica trasformata in disperazione

0
11

“Ha scelto la via del potere ad ogni costo. Oggi sta brancolando nel buio per salvare se stesso e il partito” – Akbar S Babar, ex membro fondatore del partito PTI.

Imran Khan parla ai sostenitori nel 2014 [File: Bilawal Arbab/EPA]

Islamabad, Pakistan – Imran Khan, la star del cricket pakistano che è diventato primo ministro, è salito al potere nel 2018 con grande clamore e promesse di fare del suo paese una terra di opportunità.

Lo status di celebrità e la crociata contro la corruzione di Khan lo hanno aiutato a ottenere sostegno attraverso la divisione politica del paese.

Ma quasi quattro anni dopo, Khan è stato destituito dal suo incarico e il suo carisma è svanito.

Sebbene alcuni sostenitori credano ancora che Khan tornerà e loderà i successi del suo mandato, l’eredità della sua premiership racconta una storia diversa: un’economia in frantumi e una società polarizzata.

“L’economia rimarrà una seria sfida per il nuovo governo”, ha detto ad Al Jazeera l’analista politico Hasan Askari Rizvi.

Le sfide economiche del Pakistan sono così radicate che non ci sarà una soluzione rapida, contrariamente a quanto molti potrebbero desiderare, ha affermato Askari Rizvi.

INTERACTIVE_ECONOMY_PAKISTAN_EXTERNALDEBT
(Al Jazeera)

Ha indicato due ulteriori sfide che il nuovo governo dovrebbe tenere a fuoco: mantenere intatta la loro coalizione e affrontare Khan all’opposizione.

Quando Khan è salito al potere nel 2018, stava cavalcando un’onda che prometteva “cambiamento”.

Ma il suo atteggiamento inflessibile nei confronti dell’opposizione ha creato una situazione di stallo che è in cima alla lista dei suoi fallimenti di governo, ha detto Askari Rizvi, aggiungendo che a Khan sembrava mancare una sottovalutazione di come funziona la democrazia parlamentare.

Khan è ancora popolare tra i giovani pakistani, e se riesce a vendere sostenitori per il suo “sentimento anti-americano”, potrebbe riprendersi con ancora più popolarità e potere, ha aggiunto.

Imran Khan, ex star del cricket diventato politico pachistano, al centro, si rivolge ai suoi sostenitori durante una marcia per la pace a Tank, Pakistan
Khan, al centro, si rivolge ai sostenitori durante una marcia per la pace a Tank, in Pakistan, nel 2012 [File: I A Mahsud/AP]

L’ascesa al potere e la spettacolare caduta della stella del cricket sono state “un viaggio di speranza trasformato in disperazione”, ha affermato Akbar S Babar, ex membro fondatore del partito Pakistan Tehreek-e-Insaf (PTI) di Khan.

“Il PTI è stato dirottato dal suo stesso capitano, un fenomeno sconosciuto in politica. Ha scelto la via del potere ad ogni costo. Oggi sta brancolando nel buio per salvare se stesso e il gruppo”, ha detto Babar ad Al Jazeera.

Cambio di regime

Nella sua prima dichiarazione pubblica dopo aver perso il cruciale voto di sfiducia che lo ha visto rimosso dall’incarico nelle prime ore di domenica mattina, Khan ha parlato ancora di una “cospirazione straniera per il cambio di regime”.

“Il Pakistan è diventato uno stato indipendente nel 1947, ma la lotta per la libertà ricomincia oggi contro una cospirazione straniera di cambio di regime”, ha twittato domenica Khan.

“È sempre il popolo del paese che difende la propria sovranità e democrazia”.

Il messaggio di cospirazione di Khan non ha convinto tutti.

Il tassista Kashan Qadeer, 26 anni, si è detto indifferente alle accuse di ingerenza straniera nella politica pachistana.

“Se l’opposizione è stata aiutata da forze straniere, allora devono aver fatto lo stesso quando Khan è salito al potere”, ha detto Qadeer ad Al Jazeera.

Un governo deve soddisfare i bisogni delle persone e incentivare i poveri, che si tratti di Khan o di chiunque altro al potere, ha affermato.

Il governo PTI di Khan era indifferente ai problemi affrontati dalla gente, ha aggiunto il tassista, e si era concentrato più sul ruolo di una vittima politica che sulla guida della campagna contro la corruzione.

L’aumento dei prezzi del petrolio, la diminuzione dei redditi e l’aumento vertiginoso dei costi del cibo erano i problemi principali che Qadeer voleva che il nuovo governo affrontasse per primo.

“Sono felice per quello che è successo al governo di Khan”, ha detto Muhammad Aqeeb, un venditore di alimentari di 30 anni ad Aabpara, il mercato più antico di Islamabad.

“Il mio stipendio è di Rs 30.000 ($ 160), ma la vita non è mai stata così difficile come negli ultimi quattro anni”, ha detto Aqeeb ad Al Jazeera.

Gli affari sono stati ridotti di almeno il 30 per cento durante la premiership di Khan, ha detto, perché le persone non hanno potere d’acquisto.

Durante il precedente governo Pakistan Muslim League-Nawaz (PML-N), i prezzi non sono cambiati in modo esponenziale e Aqeeb sperava che quei giorni tornassero di nuovo.

“Ciò che conta per noi è il cibo in tavola, e non le cospirazioni”, ha detto il soldato in pensione Zahoor Ahmad, 60 anni.

Ahmad lavora come guardia di sicurezza in una zona esclusiva della capitale e due dei suoi tre figli sono disoccupati.

“Sono un malato di cuore e non posso permettermi di rimanere senza lavoro”, ha aggiunto.

Khan ha ancora sostenitori che credono che avesse piani per un futuro Pakistan.

Gul Sher, un ingegnere informatico di 27 anni, si è detto sconvolto dalla rimozione del governo di Khan.

I due principali partiti politici, PML-N e Pakistan Peoples Party (PPP), erano al potere da decenni e non avevano fatto nulla per elevare il popolo o affrontare le molteplici crisi del paese, ha detto Sher.

La lotta di Khan era per le generazioni future in Pakistan, a differenza dei leader dell’opposizione che si erano uniti per salvaguardare i loro vecchi interessi, ha detto ad Al Jazeera.

“I giovani sono ben consapevoli del fatto che l’inflazione è un fenomeno globale e non si può incolpare Khan per questo”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here