Italia: nuovi guai pandemici per coloro che sono stati colpiti da vaccini “sbagliati”

0
6

Le persone che hanno accettato colpi non approvati dall’UE, come Sputnik o Sinopharm, vengono escluse dalla vita pubblica.

L’Italia dà il Green Pass solo a chi ha fatto i quattro vaccini approvati dall’Unione Europea [File: Guglielmo Mangiapane/Reuters]

Milano, Italia – Quando Duccio Armenise, un italiano, ha deciso di farsi vaccinare contro il COVID-19 in Russia, l’unico colpo che poteva ricevere era lo Sputnik.

“Eravamo nel bel mezzo di un’epidemia e avevo visto cosa aveva fatto il COVID ad alcuni amici, quindi ero davvero spaventato”, ha detto ad Al Jazeera. “Non volevo affrontare il COVID senza anticorpi, quindi mi sono fatto le iniezioni”.

Si aspettava qualche problema una volta tornato in Italia, visto che lo Sputnik non era in uso nell’Unione Europea, “ma ero fiducioso che al mio ritorno sarebbero stati risolti”.

Ma mesi dopo, lo Sputnik deve ancora ricevere l’approvazione dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), è ancora in fase di valutazione da parte dell’Unione europea e l’Italia non distribuirà un Green Pass a chiunque abbia ricevuto l’iniezione russa.

Ora in Italia, senza la tessera vaccinale, Armenise non può entrare negli uffici di lavoro, nei caffè e nei ristoranti dove teneva le riunioni, e nelle piscine che lo aiutano a curare il suo dolore cronico.

È intrappolato nel limbo dei vaccini.

A causa dei rischi per la salute, non può essere nuovamente iniettato con un vaccino approvato e le due opzioni a sua disposizione sono fuori dalla sua portata.

Potrebbe sottoporsi al test COVID ogni tre giorni per ricevere un Green Pass, ma dovrebbe pagare 15 euro (17 dollari) per ogni test, un costo di 150 euro (174 euro) al mese.

Oppure potrebbe ottenere il pass se si è infettato con il COVID e si è ripreso.

“Non ci sono ancora tempistiche, né linee guida, per le persone nella mia situazione”, ha detto.

‘Vaccinato ma non riconosciuto’

La Francia è stato il primo paese in Europa a utilizzare il proprio pass sanitario per limitare l’accesso ai luoghi pubblici, quando ha annunciato a luglio che le persone avrebbero avuto bisogno di un certificato per entrare in bar, ristoranti, treni e aeroplani.

L’obiettivo era costringere le persone a vaccinarsi e, nonostante le proteste che seguirono, milioni di persone lo fecero.

L’Italia ha copiato il provvedimento, ma si è spinto oltre.

Da agosto il Green Pass è obbligatorio per l’accesso a ristoranti, luoghi culturali, palestre, eventi sportivi e convegni. Da settembre è stato esteso agli aerei, alle navi, ai treni e agli autobus, oltre che alle università. Dal 15 ottobre i lavoratori dovranno esibire il pass vaccinale per entrare nei luoghi di lavoro.

Non ci sono dati ufficiali su quanti non siano in grado di assicurarsi i Green Pass a causa dei colpi non approvati che hanno ricevuto, ma alcuni esperti, anche presso i ministeri, stimano che circa 100.000 persone siano in questa situazione, secondo la Repubblica.

Al Jazeera ha intervistato persone che hanno preso i vaccini russi Sputnik, Sinopharm cinese e Soberana cubani.

Uno scienziato, che ha chiesto l’anonimato, è stato vaccinato con Soberana e ha affermato che non potrà accedere alle sue strutture di ricerca.

Lo studente di moda Jacopo Montanari, che ha preso lo Sputnik, ha dichiarato: “Per il mio corso specifico, sarebbe quasi impossibile seguire le lezioni online.

“Anche durante il lockdown, ci è stato permesso di andare a scuola. È quasi impossibile fare questo lavoro esclusivamente online”.

Alcuni rimangono all’estero, dove si sono fatti le iniezioni, e si preoccupano di tornare a casa.

Luca Franzoi ha preso il jab Sinopharm mentre lavorava negli Emirati Arabi Uniti.

Quando ha visitato l’Italia all’inizio di quest’anno, non è stato in grado di ottenere un Green Pass e ha dovuto pagare i test per svolgere attività regolari, come andare al cinema.

“Capisco le ragioni dietro le normative, [but] Sento che il mio caso non è stato nemmeno preso in considerazione”, ha detto. “Non credo di essere l’unico in questa situazione: vaccinato ma non riconosciuto come tale e impossibilitato a vaccinarsi nel mio Paese”.

Tornato negli Emirati Arabi Uniti, si chiede cosa accadrà quando tornerà a casa per la pausa invernale.

Ha affermato che il governo non sta aiutando, avendo tentato due volte di contattare le autorità sanitarie in Italia – e senza ancora ricevere alcuna risposta.

“Entrambe le volte ho ricevuto una mail di conferma ricezione, che mi comunicava che era stata inviata all’ufficio competente, ed entrambe le volte non ho ricevuto ulteriori risposte”.

L’Italia ha registrato il secondo numero più alto di decessi per COVID-19 in Europa dopo il Regno Unito [File: Yara Nardi/Reuters]

“Una violazione dei diritti fondamentali”

Altri che hanno cercato di trovare risposte hanno affermato di aver incontrato un labirinto burocratico, con i funzionari sanitari locali che li indirizzavano alle hotline nazionali e i governi nazionali che indicavano le agenzie sanitarie continentali.

Una fonte della Commissione Europea ha detto ad Al Jazeera che l’Italia è autorizzata – anche se non obbligata – a riconoscere i vaccini non approvati dall’Unione Europea.

“Penso che la situazione che le persone in Italia stanno affrontando in questo momento sia fondamentalmente una scelta dell’Italia di seguire questa strada, e non la scelta dell’Unione Europea”, ha detto Camino Mortera-Martinez, un avvocato che studia il Green Pass e la libertà di movimento presso il Centro per la riforma europea di Bruxelles.

Al Jazeera ha contattato più volte il ministero della salute italiano per un commento, ma al momento della pubblicazione quelle richieste non erano state esaudite.

“Penso che sia una chiara violazione dei diritti fondamentali”, ha detto Mortera-Martinez, sul divieto alle persone di entrare nelle università e nei luoghi di lavoro.

“Ma abbiamo visto così tante violazioni dei diritti fondamentali durante la pandemia”, ha aggiunto, riferendosi a coloro a cui è stato impedito di entrare nei loro paesi perché non erano vaccinati.

Nonostante le controversie, le sfide legali e le proteste, sempre più paesi utilizzano i pass verdi.

Il mese scorso, la Slovenia ha iniziato a chiedere alle persone di utilizzare il pass in luoghi pubblici come ospedali, centri commerciali, ristoranti e distributori di benzina, nonché luoghi di lavoro pubblici e privati.

Ora, secondo quanto riferito, l’Austria sta valutando la misura.

“Vedo che questo sta diventando sempre più popolare da quando la Francia ha rotto il tabù”, ha detto Camino, aggiungendo che la strategia potrebbe essere pericolosa nelle mani sbagliate.

“Questo è perfetto per i governi autoritari”, ha detto. “Possono dire: ‘Non abbiamo raggiunto abbastanza vaccinazioni, quindi introduciamo più misure per controllare le persone’, il che non è davvero una buona cosa”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here