In vista del voto chiave per il cessate il fuoco tra Israele e Hamas, dove si posizionano i membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite?

0
79

Il sostegno al cessate il fuoco è cresciuto all’interno del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, ma gli Stati Uniti e il Regno Unito potrebbero porre il veto alla proposta.

Una donna palestinese fa gesti dopo gli attacchi aerei israeliani nel campo profughi di Khan Younis, nel sud della Striscia di Gaza.
Una donna palestinese fa gesti dopo gli attacchi aerei israeliani nel campo profughi di Khan Younis, nel sud della Striscia di Gaza [Mohammed Dahman/AP Photo]

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite si riunirà oggi (14:00 GMT) per discutere della guerra a Gaza, dopo che il suo segretario generale Antonio Guterres ha utilizzato una misura speciale invocando l’articolo 99 per sollecitare l’organismo più potente dell’organizzazione a chiedere un cessate il fuoco.

Dal 7 ottobre sono stati uccisi a Gaza 17.177 palestinesi e almeno 1.147 israeliani. Altre migliaia rimangono disperse tra le macerie degli edifici distrutti di Gaza.

In seguito all’appello di Antonio Guterres, gli Emirati Arabi Uniti (EAU), l’unico paese arabo tra i 15 membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, hanno spinto per un progetto di risoluzione che chiede un “cessate il fuoco umanitario immediato”.

Qual è la nuova proposta di risoluzione?

Sarà la sesta risoluzione che verrà presentata, dall’inizio della guerra, per cercare di trovare una qualche forma di accordo per porre fine allo spargimento di sangue.

La missione degli Emirati Arabi Uniti presso le Nazioni Unite ha scritto in una dichiarazione: “La situazione nella Striscia di Gaza è catastrofica e quasi irreversibile. Non possiamo aspettare. Il Consiglio deve agire con decisione per chiedere un cessate il fuoco umanitario”.

Il progetto di risoluzione ha il sostegno di altre nazioni arabe e dell’Organizzazione per la cooperazione islamica.

Ma affinché una risoluzione venga adottata, almeno nove dei 15 membri del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite devono votare a suo favore e nessuno dei cinque membri permanenti del consiglio – Stati Uniti, Russia, Cina, Francia e Regno Unito – deve porre il veto. risoluzione.

INTERATTIVO - guerra di parole-3-dic-2023 6-1701604332
Una tregua di quattro giorni a Gaza, concordata da Hamas e Israele, è finalmente entrata in vigore il 24 novembre ed è stata successivamente prorogata per altri tre giorni. [Al Jazeera]

Come hanno votato finora i 15 membri sulle risoluzioni sulla guerra di Gaza?

Oltre ai cinque membri permanenti con potere di veto, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite comprende 10 membri non permanenti eletti ogni due anni dall’Assemblea generale.

Gli attuali membri non permanenti sono Albania, Brasile, Ecuador, Gabon, Ghana, Giappone, Malta, Mozambico, Svizzera ed Emirati Arabi Uniti.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha votato cinque risoluzioni durante la guerra e non ne ha approvate quattro a causa della mancanza di consenso tra le nazioni.

Dei 15 membri, quattro hanno votato contro la prima bozza guidata dalla Russia il 16 ottobre: ​​Francia, Giappone, Regno Unito e Stati Uniti. La critica principale che ha dovuto affrontare è stata che la bozza non nominava né condannava Hamas. Questa bozza richiedeva un cessate il fuoco immediato.

INTERATTIVO - guerra di parole-dic3-2023 3-1701604317
Gli Stati Uniti hanno ripetutamente posto il veto alle misure per porre fine alla guerra [Al Jazeera]

Il Brasile ha guidato la seconda bozza il 18 ottobre. Mentre condannava Hamas e chiedeva una pausa umanitaria, ottenendo una schiacciante maggioranza di voti a favore, gli Stati Uniti hanno posto il veto alla risoluzione. Questo perché la risoluzione non menziona il diritto di autodifesa di Israele, ha detto l’ambasciatrice statunitense Linda Thomas-Greenfield.

La Russia ha proposto un’altra bozza il 25 ottobre, chiedendo un cessate il fuoco umanitario e il rilascio dei prigionieri detenuti da Hamas. Tuttavia, la risoluzione non condanna Hamas. Solo quattro membri hanno votato a favore. Il Regno Unito ha affermato di volere che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite lavori per un “testo equilibrato” e che la bozza russa non è riuscita a sostenere il diritto di Israele all’autodifesa.

Gli Stati Uniti hanno anche presentato un progetto di risoluzione il 25 ottobre, chiedendo una pausa umanitaria invece di un cessate il fuoco. Dieci membri hanno votato a favore, ma i membri permanenti Russia e Cina hanno posto il veto alla risoluzione.

Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha finalmente adottato una risoluzione guidata da Malta che chiedeva una pausa umanitaria e la consegna di aiuti a Gaza il 15 novembre. Stati Uniti, Regno Unito e Russia si sono astenuti, con 12 nazioni che hanno votato a favore.

La Giordania ha portato una risoluzione non vincolante all’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 27 ottobre, chiedendo un cessate il fuoco immediato a Gaza insieme al libero accesso agli aiuti umanitari nell’enclave assediata, nonché affinché Israele revochi la sua richiesta di evacuazione del nord di Gaza.

Questa volta, 120 paesi, inclusa la Francia, hanno votato a favore, con solo 14 nazioni – tra cui Stati Uniti e Israele – che hanno votato contro, mentre 45 paesi si sono astenuti. Questa risoluzione è passata.

Quali posizioni hanno assunto i membri del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite riguardo alle richieste di cessate il fuoco?

  • Russia, Cina, Gabon e Mozambico hanno tutti votato a favore di un cessate il fuoco immediato durante la votazione proposta da Mosca il 16 ottobre, e da allora non hanno cambiato posizione.
  • Gli Emirati Arabi Uniti, che hanno portato l’ultima risoluzione in discussione venerdì, hanno chiesto un cessate il fuoco.
  • L’inviato del Brasile presso le Nazioni Unite il 15 novembre ha affermato che il suo governo ha sostenuto l’appello di Guterres per un cessate il fuoco umanitario. Anche il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva aveva precedentemente chiesto un cessate il fuoco.
  • Anche Malta ed Ecuador hanno sostenuto un cessate il fuoco umanitario presso le Nazioni Unite il 29 novembre.
  • Sempre alla riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite del 29 novembre, il rappresentante permanente francese presso le Nazioni Unite ha chiesto che la breve tregua in vigore per una settimana il mese scorso “sia permanente e porti a un cessate il fuoco”.
  • Ghana, Albania e Svizzera hanno costantemente sostenuto le pause umanitarie, ma non hanno espresso sostegno per le risoluzioni che chiedevano un cessate il fuoco definitivo.
  • Il Giappone ha votato contro le richieste di cessate il fuoco, sostenendo invece le pause umanitarie.
  • Gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno posto il veto alle risoluzioni che chiedevano il cessate il fuoco.

Cosa potrebbe accadere all’incontro di oggi?

Il Consiglio di Sicurezza potrebbe agire su consiglio di Guterres e prendere in considerazione una risoluzione di cessate il fuoco a Gaza, ma gli Stati Uniti e il Regno Unito in particolare potrebbero porre il veto alla proposta, come hanno fatto in passato.

Ian Wilson, docente di politica e studi sulla sicurezza alla Murdoch University di Perth, in Australia, aveva precedentemente dichiarato ad Al Jazeera: “Gli Stati Uniti porranno il veto a qualsiasi risoluzione che chieda un cessate il fuoco, non importa quanto attentamente sia formulata.

“Gli Stati Uniti pongono sempre il veto a tutto ciò che cerca di limitare Israele. È assolutamente controproducente poiché il mondo intero li vede condonare e fornire armi per il massacro su larga scala”.