Il Sudan nomina un nuovo capo dell'intelligence a seguito di una rivolta fallita

0
71

KHARTOUM – Giovedì le autorità di transizione del Sudan hanno nominato un nuovo capo dei servizi segreti dopo aver represso una rivolta armata di ex agenti legati al sovrano rovesciato Omar al-Bashir, ha detto il consiglio sovrano.

L'esercito ha detto che due soldati sono stati uccisi e quattro feriti in combattimenti martedì scorso a Khartum con ex membri del servizio di sicurezza un tempo temuto del paese prima che le forze governative reprimessero la rivolta.

È stato finora il più grande scontro tra la vecchia guardia e i sostenitori delle autorità di transizione, che ha contribuito a rovesciare Bashir in aprile dopo 30 anni al potere.

Il Consiglio sovrano di transizione, che gestisce il paese, ha accettato le dimissioni del generale Abu Bakr Dumblab, capo del servizio di intelligence generale, precedentemente noto come servizio di intelligence e sicurezza nazionale, secondo quanto dichiarato da un consiglio.

Il consiglio nominò il generale Jamal Abdul Majeed come nuovo capo del servizio. Aveva diretto l'intelligence militare.

Dumblab si è dimesso "per aprire la porta a una nuova leadership che assumesse la direzione dell'agenzia in questa fase delicata e delicata", ha dichiarato il servizio di intelligence in una nota. Dumblab era diventato capo del servizio dopo la rimozione di Bashir.

Gli ex agenti del servizio di intelligence, che avevano protestato contro i loro pacchetti di separazione, martedì hanno anche chiuso due piccoli giacimenti petroliferi.

I militari hanno preso il controllo dei due campi, che hanno una produzione di circa 5.000 barili al giorno e la produzione è ripresa mercoledì.

La rivolta ha anche costretto le autorità a chiudere lo spazio aereo del Sudan, ma è stato riaperto martedì.

In un discorso all'inizio di mercoledì, il capo del consiglio sovrano, il tenente generale Abdel Fattah al-Burhan, ha promesso di resistere a qualsiasi tentativo di colpo di stato e ha aggiunto che l'esercito aveva il controllo di tutti gli edifici utilizzati dal servizio di intelligence.

Ristrutturare l'apparato di sicurezza, incolpato da molti sudanesi per aver soppresso il dissenso sotto Bashir, era una richiesta chiave dell'insurrezione che aveva costretto alla sua rimozione. Tuttavia, una volta licenziato dal nuovo governo di transizione, molti degli agenti di sicurezza tornarono in caserma senza consegnare le armi.