Il rigido inverno dell’Ucraina è un ricordo, ma le nuove tattiche russe seminano distruzione

0
40

L’ultimo inverno dell’Ucraina difficilmente assomiglia alla brutale stagione fredda del 2022, afflitta da blackout, ma i bombardamenti russi persistono.

Artem Honcharuk mostra come le lampade alimentate a batteria illuminavano la sua tipografia a Kiev durante i blackout-1705572911
Artem Honcharuk mostra come le lampade alimentate a batteria illuminavano la sua tipografia a Kiev durante i blackout [Mansur Mirovalev/Al Jazeera]

Kiev, Ucraina – Artem Honcharuk spegne le luci e accende due lampade alogene per illuminare le lettere di plastica nera appese al muro del suo negozio che recitano “centro fotocopie” in ucraino.

Più di un anno fa, ha modificato queste lampade in modo che potessero funzionare a batterie e illuminare la sua tipografia in un centro commerciale sotterraneo nel centro di Kiev.

“Questa è la luce sotto la quale lavoravo”, ha detto il 31enne ad Al Jazeera, in piedi accanto a un computer desktop, fotocopiatrici e stampanti. “Ho già dimenticato com’era.”

Nell’inverno tra la fine del 2022 e l’inizio del 2023, Mosca ha scatenato l’inferno sull’Ucraina, prendendo di mira le infrastrutture civili per privare i residenti di elettricità, riscaldamento centralizzato, acqua e della volontà di reagire.

Andriy Kostin, il procuratore generale dell’Ucraina, all’epoca li definì “terrorismo e crimini di guerra”.

Ogni raid aereo è iniziato con dozzine di droni Shahed lenti e rumorosi, di fabbricazione iraniana, carichi di un massimo di 50 kg (110 libbre) di esplosivo.

INTERACTIVE-CHI CONTROLLA COSA IN UCRAINA-1705492015

Tiratori esperti ne hanno abbattuti molti, ma i droni sono stati seguiti da missili balistici e, in alcuni casi, missili da crociera supersonici lanciati da bombardieri strategici a mezz’aria nella Russia occidentale.

I bombardamenti si sono intensificati dopo che le forze russe si sono ritirate da Kiev, nel nord dell’Ucraina e in diverse aree dell’est e del sud, perdendo decine di migliaia di militari e la fiducia nella guerra lampo del presidente Vladimir Putin.

Tra il 10 ottobre 2022 e il 9 marzo 2023, i bombardamenti hanno avuto luogo ogni singolo giorno, spesso durando ore, uccidendo e ferendo centinaia di persone e tenendo milioni di persone svegli e inorriditi.

Dopo aver esaurito le sue scorte, Mosca ha colpito meno frequentemente, ma ha accumulato missili e droni per renderli sempre più letali.

Molti attacchi hanno avuto successo – in tutto o in parte – distruggendo centrali elettriche, di trasmissione e di riscaldamento centrale in tutta l’Ucraina, così come condomini e ospedali.

I kievani “non hanno più paura” dei bombardamenti e dei blackout russi-1705572819
Gli ucraini a Kiev affermano di avere meno paura dei bombardamenti e dei blackout russi quest’inverno [Mansur Mirovalev/Al Jazeera]

I danni hanno portato a blackout, interruzioni del riscaldamento centrale e della fornitura di acqua, quando interi quartieri sono rimasti neri e freddi per diversi giorni.

Una famiglia ucraina media ha trascorso cinque settimane cumulative senza elettricità nell’inverno 2022-23, hanno affermato le Nazioni Unite.

La Russia ha colpito le infrastrutture energetiche ucraine 271 volte, ha dichiarato Herman Halushchenko, ministro dell’Energia ucraino, nel luglio 2023, aggiungendo che il danno complessivo è stato stimato in 11 miliardi di dollari.

Ciò che il suo ministero non ha stimato è il danno a decine di migliaia di piccole imprese, come quella di Honcharuk.

La preparazione dell’Ucraina

L’Ucraina si stava preparando per un inverno altrettanto rigido, poiché la Russia ha ripreso i bombardamenti in autunno.

Le infrastrutture energetiche sono state ricoperte con sacchi di sabbia, lastre di cemento e gabbie metalliche o spostate sottoterra. È stata ripristinata la fornitura di energia elettrica a nove milioni di persone.

Kiev ora ha anche due Patriot, i più avanzati sistemi di difesa aerea fabbricati negli Stati Uniti in grado di intercettare i missili da crociera ipersonici Kinzhal che Putin definisce “indistruttibili”.

Ma ogni missile Patriot costa 4 milioni di dollari, e gli Stati Uniti hanno recentemente avvertito che ci sarebbe una carenza di rifornimenti. Washington fornì anche gli Hawks, i predecessori decennali dei Patriots, e i carri armati antiaerei Gepart.

L’Ucraina dispone anche di sistemi missilistici terra-aria avanzati nazionali (NASAM) di fabbricazione statunitense, proprio come quelli che proteggono la Casa Bianca, così come di sistemi IRIS-T simili di fabbricazione tedesca.

Alcuni analisti affermano che l’efficacia degli attacchi russi su Kiev è minima; non c’è stato un solo blackout nel negozio e nel condominio di Honcharuk quest’inverno.

Anche così, il negoziante si è abituato agli assordanti colpi di missili di difesa aerea che sorvegliano la sua zona residenziale.

“Anche se i missili volano forte, mi giro e torno a dormire”, ha detto Honcharuk. “Adesso non c’è più paura, assolutamente.”

Nuove tattiche russe

Ma il Cremlino non ha rinunciato agli attacchi e “cerca modi per migliorare l’efficacia” utilizzando varie combinazioni di droni e missili, ha detto un esperto militare.

I russi inventano percorsi complicati affinché i missili da crociera possano zigzagare sull’Ucraina aggirando le aree coperte dalla difesa aerea e colpendo i loro obiettivi da direzioni inaspettate, ha affermato il tenente generale Ihor Romanenko, ex vice capo dello stato maggiore generale delle forze armate ucraine.

Rendendosi conto che i sistemi di difesa aerea occidentali a Kiev abbattono quasi tutti i loro missili e droni, i russi si concentrano su altre aree urbane come le città orientali di Dnipro e Kryvyi Rih, ha detto.

“La mattina del 29 dicembre è stata orrenda”, ha detto ad Al Jazeera Ihor Kolesnichenko, un ingegnere di Dnipro, descrivendo il raid aereo che ha ucciso sei persone, ne ha ferite tre dozzine e ha danneggiato un ospedale di maternità.

Un ucraino passa davanti a un finto francobollo raffigurante una mappa russa
Un uomo ucraino passa davanti a un finto francobollo raffigurante una mappa russa in fiamme con le parole “L’impero del male deve cadere” [Mansur Mirovalev/Al Jazeera]

Quel giorno, la Russia ha utilizzato 110 missili e 36 droni per colpire 18 città e paesi, uccidendo 58 persone e ferendone 158 in quello che è diventato l’attacco più letale del 2023, hanno detto funzionari ucraini.

I russi hanno iniziato a dipingere di nero alcuni droni per gli attacchi notturni e hanno sostituito le loro eliche con motori a reazione in modo che possano volare a 500 km/h (310 miglia all’ora), ha detto Romanenko.

Il 30 dicembre hanno iniziato a lanciare missili a corto raggio, presumibilmente fabbricati nella Corea del Nord.

“Colpiscono per fare pressione sui nostri cittadini moralmente e psicologicamente, in modo che spingano i nostri leader ad avviare colloqui di pace, a fermare le ostilità, il che significa la legalizzazione dell’occupazione” nell’Ucraina orientale e meridionale, ha detto Romanenko.

“La parte più difficile”

A partire dalla fine del 2022, i blackout hanno gettato nell’oscurità la tipografia di Honcharuk mentre i prezzi dei materiali di consumo come l’inchiostro della stampante sono aumentati da tre a quattro volte.

Il freddo era spesso paralizzante senza il riscaldamento centralizzato. Ma Honcharuk ha trasformato i limoni in limonata.

Dato che il suo negozio era sotterraneo, non doveva chiudere durante i raid aerei e le persone sedute fuori venivano a copiare un documento, a fare una stampa o a scattare una foto.

Ha speso circa 1.000 dollari per un generatore di corrente, lampade e altri accessori, ma non ha aumentato i prezzi perché il proprietario del centro commerciale gli ha concesso uno sconto sull’affitto.

“La parte più difficile è stata scattare foto alle persone al buio. Il flash acceca me e loro e non vedo il secondo sparo”, ha detto Honcharuk.

Due metri di terra e asfalto sopra il suo negozio, il sistema di difesa occidentale vicino al suo condominio nel sud-ovest di Kiev, lo facevano sentire al sicuro dai bombardamenti, ma non dal freddo. Milioni di ucraini hanno dovuto dormire completamente vestiti, con maglioni, cappotti e due paia di calzini.

Facevano scorta di power bank, candele, torce elettriche e thermos e caricavano meticolosamente ogni gadget quando tornava l’elettricità, a volte solo per un paio d’ore al giorno.

Il sole invernale tramontava prima delle 18, la neve e il ghiaccio trasformavano le strade buie in piste di pattinaggio e solo le torce dei telefoni cellulari salvavano le persone dalle cadute.

“È stato l’inverno peggiore della nostra vita”, ha detto Kateryna Ivanenko, avvocato fiscale e madre di due figli, il cui figlio Ihor di sei anni è sopravvissuto a malapena alla polmonite a febbraio. “Voglio che tutti i russi vivano un inverno così, è il minimo che meritano.”

Durante i blackout, gli ucraini si riversavano nelle stazioni della metropolitana, nei centri commerciali o nei bar che avevano generatori di corrente e spesso offrivano prese di corrente gratuite.

Si sono scambiati consigli su come conservare il cibo, come appenderlo in sacchetti fuori dalle finestre o mettere bottiglie di plastica con acqua nei congelatori.

Quest’inverno Honcharuk “si aspettava lo stesso”.

“Ciò che mi ha tenuto al caldo è stato il fatto che ero pronto”, ha detto.