Il Modi indiano contraddice un aiutante chiave sul registro della cittadinanza mentre cerca di respingere le proteste

0
64

NUOVA DELHI – Il primo ministro indiano Narendra Modi ha contraddetto il suo tenente più vicino per i piani per un registro nazionale mentre cercava di disinnescare le proteste contro una legge sulla cittadinanza in cui almeno 21 persone sono state uccise.

Il governo nazionalista indù di Modi afferma che il Citizenship Emendamento Act (CAA), che è diventato legge l'11 dicembre, è necessario per dare alle minoranze non musulmane perseguitate dall'Afghanistan, dal Bangladesh e dal Pakistan che sono fuggite in India prima del 2015 un percorso verso la cittadinanza.

Ma molti indiani sentono che la legge discrimina i musulmani e viola la costituzione secolare dell'India facendo della religione un test per la cittadinanza. Dicono che la legge e un proposto registro nazionale dei cittadini (NRC) potrebbero essere usati per ridurre i musulmani ai cittadini di seconda classe.

"Devo assicurare ai cittadini musulmani dell'India che questa legge non cambierà nulla per loro", ha detto Modi domenica a una manifestazione a Nuova Delhi, cercando di evitare la più grande sfida alla sua leadership da quando è salito al potere nel 2014. il governo non ha avuto un pregiudizio religioso quando ha introdotto le riforme, ha aggiunto.

Modi ha anche affermato che non vi è stata alcuna discussione sulla creazione del registro nazionale dei cittadini, contraddicendo direttamente il principale alleato del Ministro degli Interni (Amico Shah).

"Da quando il mio governo è salito al potere, dal 2014 ad oggi, voglio dire ai (1,3 miliardi) cittadini, non si è discusso nemmeno della parola NRC", ha detto Modi a una folla di migliaia.

Ma parlando in parlamento il mese scorso, Shah ha detto ai legislatori inequivocabilmente che il governo avrebbe introdotto un registro nazionale.

Ad aprile, ha definito la cronologia del processo, dicendo ai giornalisti: "In primo luogo, ci sarà un disegno di legge sulla modifica della cittadinanza … dopo di ciò, ci sarà un NRC".

A giugno, dopo che il partito di Modi è tornato al potere con una maggioranza martellante, il presidente Ram Nath Kovind ha anche detto al parlamento che il registro sarebbe stato all'ordine del giorno del governo.

Shah è stato nominato presidente del partito al potere Bharatiya Janata (BJP) poco dopo la vittoria elettorale di Modi nel 2014, carica che ricopre ancora. Modi lo ha nominato potente ministero di casa dopo essere stato rieletto quest'anno.

"Solo chi stai chiamando un LIAR, PM?", Ha scritto il quotidiano The Telegraph su un titolo in prima pagina lunedì. Di seguito, ha evidenziato i commenti di tutti e tre, chiedendo: "Chi sta dicendo la verità?"

L'ufficio del primo ministro non ha risposto immediatamente alle domande in materia.

"ALTAMENTE IMPROBABILE"

Neelanjan Sircar, professore all'Università di Ashoka vicino a Nuova Delhi, ha affermato che il partito al potere probabilmente sta cercando di confondere la questione con l'elettorato per respingere la crescente opposizione.

“È credibile che Amit Shah e Narendra Modi non si trovino nella stessa pagina su qualcosa di così importante, su qualcosa che ha preso le redini dei titoli e causato proteste come è successo? Sembra altamente improbabile ", ha detto Sircar.

Nel suo discorso di domenica, Modi ha anche incolpato il partito del Congresso e altri gruppi di opposizione per aver diffuso voci secondo cui esistevano centri di detenzione per immigrati clandestini in India.

"È una bugia, è una bugia, è una bugia", ha detto il primo ministro.

A luglio, il governo ha informato il parlamento delle linee guida per i centri di detenzione, compresa la costruzione di servizi di base come elettricità, acqua potabile, alloggi e servizi igienici con acqua corrente.

Reuters ha visitato un centro di detenzione in costruzione nel nord-est dell'India a settembre.

Finora, il registro dei cittadini è stato limitato allo stato nord-orientale dell'Assam, dove è stato implementato su ordine della Corte suprema.

Dopo che i funzionari hanno esaminato i documenti presentati da circa 33 milioni di persone, 1,9 milioni di persone sono state escluse dall'elenco dei cittadini. Diverse centinaia di persone che non sono in grado di dimostrare la propria cittadinanza sono già nei campi di detenzione.

Molti musulmani indiani vedono l'Assam come un esempio di ciò che un esercizio nazionale potrebbe significare per loro, nonostante l'insistenza di Modi sul fatto che non esiste un piano immediato per un registro nazionale.

FOTO FILE: il primo ministro indiano Narendra Modi parla ai media all'interno dei locali del parlamento il primo giorno della sessione invernale a Nuova Delhi, in India, il 18 novembre 2019. REUTERS / Altaf Hussain

Mohammed Naeem, che si è unito a una manifestazione contro il disegno di legge sulla cittadinanza e il registro a Nuova Delhi poche ore dopo il discorso di Modi di domenica, ha dichiarato di essere ancora spaventato.

"Il primo ministro potrebbe dire che non c'è nulla da temere, ma vedi cosa sta succedendo in Assam?", Ha detto, camminando tra i manifestanti, raggiunti da sua moglie e tre bambini piccoli.

"Le persone vengono espulse con forza dalle loro case, detenute".

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here