Il francese Le Pen sostiene il “riavvicinamento” tra NATO e Russia

0
24

Il leader di estrema destra riafferma anche la sua intenzione di ripetere la mossa francese del 1966 di lasciare il comando militare integrato della NATO, pur continuando a rispettare il suo fondamentale articolo 5 sulla protezione reciproca.

Una vittoria di Le Pen si sarebbe riverberata attraverso l’Europa e attraverso l’Atlantico, installando un profondo euroscettico nel Palazzo dell’Eliseo [Pascal Rossignol/Reuters]

Il leader francese di estrema destra Marine Le Pen ha sostenuto legami più stretti tra NATO e Russia, promettendo che se avesse vinto la presidenza Parigi avrebbe nuovamente lasciato il comando militare dell’alleanza guidata dagli americani.

Le Pen, che il 24 aprile affronterà il presidente Emmanuel Macron in un ballottaggio, ha affermato che dovrebbe esserci un “riavvicinamento strategico” tra NATO e Russia una volta terminata la guerra lanciata da Mosca contro l’Ucraina.

“Dobbiamo interrogarci sul ruolo dell’alleanza dopo la fine del Patto di Varsavia”, ha detto ai giornalisti l’alleanza militare guidata da Mosca che raggruppava le nazioni del blocco sovietico.

Una vittoria di Le Pen si ripercuoterebbe attraverso l’Europa e attraverso l’Atlantico, installando un profondo euroscettico nel Palazzo dell’Eliseo che ha a lungo professato ammirazione per il presidente russo Vladimir Putin.

Le Pen ha attirato critiche in passato per una comprensione traballante della geopolitica, una volta affermando che la Russia non aveva invaso la Crimea nel 2014.

La conferenza stampa, progettata per presentare Le Pen come una figura credibile sulla scena mondiale, è stata brevemente interrotta da un manifestante che brandiva una foto a forma di cuore di Le Pen e Putin, che è stato rapidamente trascinato via dalle guardie di sicurezza.

“Riavvicinamento strategico”

Le Pen ha detto ai media internazionali e francesi di voler chiarire “incomprensioni” sulla sua politica estera.

“La Francia non è una nazione di mezzo, ma una grande potenza che conta”, ha affermato, lanciando un monologo di 30 minuti sui risultati storici della Francia prima di delineare le differenze con quella che ha definito la diplomazia “chiacchierona, abbozzata e male informata” della diplomazia pro-europea Macron centrista.

Ha detto di essere stata giudicata male nelle sue precedenti espressioni di stima per Putin, dicendo che aveva solo difeso gli interessi francesi nei suoi cordiali contatti con il leader del Cremlino, comprese le richieste di un’alleanza con Mosca.

“Non appena la guerra russo-ucraina sarà finita e sarà stata risolta da un trattato di pace, chiederò l’attuazione di un riavvicinamento strategico tra NATO e Russia”, ha affermato Le Pen.

Le Pen ha sottolineato che migliori legami con la Russia impedirebbero anche a Mosca di avvicinarsi troppo alla Cina, notando che stava facendo eco a un argomento fatto da Macron in passato.

“Questo è nell’interesse della Francia e dell’Europa, ma penso anche degli Stati Uniti… che non hanno alcun interesse a vedere emergere una stretta relazione sino-russa”, ha detto Le Pen.

Ha anche riaffermato la sua intenzione di ripetere la mossa francese del 1966 di lasciare il comando militare integrato della NATO, pur aderendo al suo fondamentale articolo 5 sulla protezione reciproca.

“Non collocherei le nostre truppe né sotto un comando integrato della NATO né sotto un futuro comando europeo”, ha detto, aggiungendo di aver rifiutato qualsiasi “sottomissione a un protettorato americano”.

INTERACTIVE--Mappa-NATO-in-Europa-aggiornata

“La burocrazia di Bruxelles”

Le Pen ha anche suggerito di volere una maggiore distanza nelle relazioni con la Germania, la connazionale dell’Unione europea.

Pur sostenendo l’amicizia franco-tedesca e affermando che il francese e il tedesco dovrebbero sostituire l’inglese come lingue operative delle istituzioni europee, ha avvertito che “differenze strategiche” significherebbero un nuovo modo di lavorare con Berlino.

Avrebbe posto fine alla cooperazione militare franco-tedesca, compresi i futuri programmi di aerei da guerra e carri armati.

“Continuerei… la riconciliazione senza seguire il modello Macron-Merkel di cecità francese nei confronti di Berlino”, ha detto, riferendosi all’ex cancelliere tedesco di lunga data.

Sull’Europa, Le Pen ha chiarito che qualsiasi “Frexit” sulla falsariga dell’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea non era all’ordine del giorno.

Ma ha sostenuto che le previsioni francesi secondo cui la Brexit si sarebbe rivelata “un cataclisma per gli inglesi” non si erano avverate.

“Gli inglesi si sono sbarazzati della burocrazia di Bruxelles, che non avrebbero mai potuto sopportare, per passare a un progetto ambizioso della Gran Bretagna globale”, ha affermato.

Ma ha aggiunto: “Questo non è il nostro progetto. Vogliamo riformare l’UE dall’interno”.