Il fornitore cinese di cotone su sonde fornitore cinese tra timori di lavoro forzato

0
88

– Il rivenditore di abbigliamento australiano Cotton On Group ha dichiarato martedì di indagare su un fornitore cinese dopo che l'operatore del supermercato britannico Tesco PLC ha sospeso i legami con lo stesso fornitore a causa dei timori dell'uso del lavoro forzato.

Tesco ha avviato un'indagine sui legami con Zhejiang Yunguang Printing dopo che i media hanno riportato che un cliente ha trovato un messaggio all'interno di una cartolina di Natale prodotta da Zhejiang e acquistato da uno dei negozi Tesco dicendo che il prodotto era stato imballato da prigionieri stranieri.

"Nel prendere coscienza del problema, Cotton On Group ha avviato un'indagine sul fornitore", ha dichiarato Greer McCracken, direttore generale delle comunicazioni presso Cotton On.

Cotton On ha affermato di adottare un approccio a tolleranza zero nei confronti di qualsiasi forma di schiavitù moderna, incluso il lavoro forzato.

Tesco ha detto che le cartoline di Natale sono state prodotte in una fabbrica di stampa Zhejiang Yunguang, a circa 100 km (60 miglia) dalla prigione di Shanghai Qingpu.

Zhejiang Yunguang Printing non ha risposto a una richiesta di commenti Reuters. Il ministero degli Esteri cinese lunedì ha respinto le accuse di lavoro forzato nella prigione di Shanghai.

ABC News lunedì ha riferito che Zhejiang Yunguang Printing elenca anche le società statunitensi Walt Disney Co e Big Lots Inc tra i suoi partner internazionali.

Né Disney né Big Lots hanno risposto alle richieste di commenti di Reuters al di fuori del normale orario di lavoro.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here