I repubblicani americani chiedono sanzioni complete e accuse contro la cinese Huawei, SMIC

0
12

I legislatori repubblicani chiedono misure più severe dopo che il rilascio dello smartphone Huawei solleva dubbi sui controlli sulle esportazioni statunitensi.

congresso
I repubblicani americani chiedono sanzioni più severe contro Huawei e SMIC [File: Mariam Zuhaib/AP Photo]

I legislatori repubblicani negli Stati Uniti hanno chiesto sanzioni più severe contro la Huawei e la Semiconductor Manufacturing International Corporation (SMIC) cinesi dopo che le società sono state in grado di sviluppare uno smartphone avanzato nonostante i controlli sulle esportazioni statunitensi.

I 10 repubblicani alla Camera dei Rappresentanti – che includono i presidenti delle commissioni chiave su Cina, energia, commercio e difesa – sollecitano il Dipartimento del Commercio a imporre “sanzioni di blocco totale” a Huawei e SMIC, nonché accuse penali contro i loro dirigenti .

In una lettera firmata giovedì dal presidente della commissione per gli affari esteri della Camera Michael McCaul e da altri nove repubblicani, il gruppo di legislatori ha affermato che l’uso da parte dello smartphone Huawei Mate 60 Pro di chip avanzati a 7 nanometri suggerisce che i controlli sulle esportazioni statunitensi sono stati violati.

La lettera delineava sette misure proposte in totale, inclusa la revoca di tutte le licenze di esportazione esistenti per Huawei e SMIC.

“Siamo estremamente preoccupati e perplessi nei confronti dell’Ufficio dell’Industria e della Sicurezza [BIS] incapacità di scrivere e far rispettare in modo efficace le regole di controllo delle esportazioni contro i trasgressori, in particolare la Cina”, si legge nella lettera.

“Per più di due anni, i nostri comitati e numerosi membri del Congresso vi hanno scritto riguardo alle lacune nelle regole della BRI tentando, senza successo, di limitare la tecnologia a Huawei e SMIC, tra gli altri. Nonostante questa conoscenza e la continua pressione del Congresso affinché adottasse politiche più severe, la BRI ha continuato a concedere licenze al Partito Comunista Cinese [CCP] società controllate, come la SMIC, che valgono centinaia di miliardi di dollari”.

Huawei e SMIC non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

Gli Stati Uniti hanno inserito Huawei e SMIC in una lista nera commerciale rispettivamente nel 2019 e nel 2020, a causa di presunte preoccupazioni per la sicurezza nazionale.

Da allora, i fornitori statunitensi hanno dovuto ottenere una licenza speciale per spedire merci alle aziende.

Il Mate 60 Pro di Huawei, presentato il mese scorso durante la visita in Cina del segretario al commercio americano Gina Raimondo, utilizza un processore avanzato in grado di supportare il 5G.

Le funzionalità di fascia alta dello smartphone hanno sollevato dubbi sull’efficacia della campagna del presidente americano Joe Biden per ostacolare lo sviluppo cinese di chip avanzati.

Il repubblicano Mike Gallagher, presidente della commissione della Camera sulla Cina, all’inizio di questo mese ha chiesto la sospensione di tutte le esportazioni di tecnologia verso Huawei e SMIC.

Il Dipartimento del Commercio ha affermato che sta esaminando le capacità del nuovo chip.

“Cerchiamo di essere chiari: i controlli sulle esportazioni sono solo uno degli strumenti a disposizione del governo degli Stati Uniti per affrontare le minacce alla sicurezza nazionale presentate dalla RPC”, ha affermato la scorsa settimana il dipartimento in una dichiarazione, riferendosi all’acronimo della Repubblica popolare cinese.