I manifestanti di Hong Kong prendono di mira i centri commerciali il terzo giorno delle proteste di Natale

0
66

HONG KONG – Centinaia di manifestanti hanno marciato giovedì nei centri commerciali di Hong Kong, interrompendo gli affari nell'hub finanziario asiatico per un terzo giorno durante il periodo festivo e spingendo la polizia antisommossa a chiudere un centro commerciale in un distretto turistico.

La polizia antisommossa trattiene i manifestanti antigovernativi in ​​un centro commerciale a Hong Kong, Cina, 26 dicembre 2019. REUTERS / Navesh Chitrakar

Le "proteste commerciali" hanno preso di mira i centri commerciali in tutta la città governata dalla Cina dalla vigilia di Natale, diventando violenti a volte con la polizia che ha sparato gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti in aree piene di acquirenti e visitatori.

Mentre l'affluenza alle urne di giovedì è stata inferiore rispetto ai due giorni precedenti, la polizia antisommossa ha intensificato le pattuglie nei centri commerciali sulla penisola di Kowloon e nei nuovi territori rurali.

Dozzine di poliziotti con manganelli e scudi circondarono e sigillarono il centro commerciale Langham Place nel quartiere Tsim Sha Tsui di Kowloon dopo che i manifestanti mascherati e neri lo occuparono.

“Penso che lo scopo per cui veniamo fuori è … far capire alla gente che così tanti manifestanti in prima linea hanno sacrificato (cose) per loro. Non dovrebbero dimenticare e (semplicemente) celebrare il Natale ", ha detto Sandy, una giovane manifestante che indossava una maschera nera per nascondere la sua identità.

"… Abbiamo combattuto per quasi sette mesi e la polizia di Hong Kong ha fatto così tante cose cattive."

Le proteste sono iniziate più di sei mesi fa in risposta a un disegno di legge ora ritirato che avrebbe consentito l'estradizione nella Cina continentale, dove i tribunali sono controllati dal Partito Comunista.

Da allora si sono evoluti in un più ampio movimento per la democrazia e sono diventati più conflittuali durante la stagione delle feste. All'inizio di dicembre, dopo che i candidati democratici avevano vinto in modo schiacciante le elezioni del consiglio distrettuale, erano stati in gran parte pacifici.

Molti manifestanti si sono arrabbiati per quello che vedono come l'uso di forze inutili da parte della polizia e hanno chiesto un'indagine indipendente sul comportamento della forza.

La polizia, che afferma di aver usato solo la minima forza per controllare le proteste, giovedì ha arrestato diverse persone in un centro commerciale nelle zone rurali del Tai Po, a nord del centro finanziario della città, ha riferito l'emittente pubblica RTHK.

I manifestanti sono anche arrabbiati per ciò che percepiscono come una crescente ingerenza da parte di Pechino nelle libertà promesse all'ex colonia britannica quando tornò al dominio cinese nel 1997.

La Cina nega di interferire, dicendo di essere impegnata nella formula "un paese, due sistemi" messa in atto in quel momento e incolpa le forze straniere per fomentare disordini.

Il leader di Hong Kong Carrie Lam ha condannato i manifestanti in un post di Facebook mercoledì, dicendo che molti Hong Kong e turisti sono rimasti delusi dal fatto che le celebrazioni della vigilia di Natale siano state rovinate, mentre anche le imprese locali sono state colpite.

Giovedì, alcuni ristoranti e negozi hanno chiuso i battenti nei centri commerciali come manifestanti, alcuni indossavano passamontagna e portavano bandiere nere, sfilando.

Giovedì il governo ha criticato la "violenza senza precedenti" di alcuni manifestanti, ma ha affermato che la protezione delle libertà e dei diritti umani è rimasta una priorità assoluta.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here