Green Hydrogen: la nuova corsa per il Nord Africa

0
14

I piani europei per progetti energetici a idrogeno in Nord Africa sanno di colonialismo verde.

L’importazione di energia dal Nord Africa fa parte dei piani di transizione verde dell’Unione Europea [File: Maxar Technologies/AFP]

Il potenziale del deserto del Sahara in Nord Africa per generare grandi quantità di energia rinnovabile grazie al suo clima secco e alle vaste distese di terra è stato a lungo propagandato. Per anni, gli europei, in particolare, l’hanno considerata una potenziale fonte di energia solare in grado di soddisfare una fetta considerevole del fabbisogno energetico europeo.

Nel 2009, il progetto Desertec, un’ambiziosa iniziativa per alimentare l’Europa dagli impianti solari sahariani, è stata lanciata da una coalizione di imprese industriali e istituzioni finanziarie europee con l’idea che una minuscola superficie del deserto possa fornire il 15% dell’elettricità europea tramite un’alta tensione speciale cavi di trasmissione in corrente continua.

L’impresa Desertec alla fine si fermò tra le critiche sui suoi costi astronomici e le sue connotazioni neocoloniali. Dopo un tentativo di rilanciarlo come Desertec 2.0 con un focus sul mercato locale delle energie rinnovabili, il progetto è finalmente rinato in Desertec 3.0, che mira a soddisfare la domanda europea di idrogeno, un’alternativa energetica “pulita” ai combustibili fossili.

All’inizio del 2020, Desertec Industrial Initiative (DII) ha lanciato la MENA Hydrogen Alliance per aiutare a creare progetti energetici nella regione del Medio Oriente e del Nord Africa che producono idrogeno per l’esportazione.

Mentre in Europa tali progetti possono sembrare una buona idea – aiutare il continente a raggiungere i suoi obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra – la vista dal Nord Africa è radicalmente diversa. Ci sono crescenti preoccupazioni che invece di aiutare la regione con la sua transizione verde, questi schemi porteranno al saccheggio delle risorse locali, all’espropriazione delle comunità, al danno ambientale e al radicamento delle élite corrotte.

Idrogeno: la nuova frontiera dell’energia in Africa

Mentre il mondo cerca di passare alle energie rinnovabili in mezzo a una crescente crisi climatica, l’idrogeno è stato presentato come un combustibile alternativo “pulito”. La maggior parte dell’attuale produzione di idrogeno è il risultato dell’estrazione da combustibili fossili, che porta a grandi emissioni di carbonio (idrogeno grigio). La forma più pulita di idrogeno – l’idrogeno “verde” – deriva dall’elettrolisi dell’acqua, un processo che può essere alimentato dall’elettricità proveniente da fonti energetiche rinnovabili.

Negli ultimi anni, sotto la forte pressione di vari gruppi di interesse, l’UE ha abbracciato l’idea di una transizione all’idrogeno come elemento centrale della sua risposta climatica, introducendo nel 2020 la sua strategia sull’idrogeno nel quadro del Green Deal europeo (EGD). Il piano propone di passare all’idrogeno “verde” entro il 2050, attraverso la produzione locale e stabilendo un approvvigionamento costante dall’Africa.

È stato ispirato dalle idee avanzate dall’ente commerciale e dal gruppo di pressione Hydrogen Europe, che ha definito “l’iniziativa sull’idrogeno verde 2 x 40 GW”. In base a questo concetto, entro il 2030 l’UE dovrebbe disporre di 40 gigawatt di capacità di elettrolizzatore di idrogeno rinnovabile domestico e importare altri 40 gigawatt da elettrolizzatori nelle aree limitrofe, tra cui i deserti del Nord Africa, utilizzando i gasdotti esistenti che già collegano l’Algeria verso l’Europa.

La Germania, dove è stato lanciato Desertec, è stata in prima linea nella strategia dell’UE sull’idrogeno. Il suo governo si è già rivolto alla Repubblica Democratica del Congo, al Sudafrica e al Marocco per sviluppare un “carburante decarbonizzato” generato da energia rinnovabile, da esportare in Europa e sta esplorando altre potenziali aree/paesi particolarmente adatte alla produzione di idrogeno verde. Nel 2020, il governo marocchino ha stretto una partnership con la Germania per sviluppare il primo impianto di idrogeno verde nel continente.

Iniziative come Desertec sono state veloci a saltare sul carro dell’idrogeno, che probabilmente porterà miliardi di euro di finanziamenti dell’UE. Il suo manifesto riflette la narrativa generale utilizzata per promuovere i progetti dell’idrogeno e delle energie rinnovabili. Cerca di presentarli come benefici per le comunità locali. Afferma che potrebbe portare “sviluppo economico, posti di lavoro orientati al futuro e stabilità sociale nei paesi nordafricani”.

Ma chiarisce anche la natura estrattiva di questo schema: “per un sistema energetico completamente rinnovabile in Europa, abbiamo bisogno del Nord Africa per produrre energia solare ed eolica a costi competitivi, convertita in idrogeno, per l’esportazione via gasdotto in Europa”. E si assicura di indicare il suo impegno per “Fortezza Europa”, sostenendo che i progetti potrebbero “[reduce] il numero di migranti economici dalla regione verso l’Europa”.

In altre parole, la visione dietro Desertec e molti di questi progetti “verdi” europei in Nord Africa cerca di preservare le attuali relazioni di sfruttamento e neocoloniali che l’Europa ha con la regione.

Una “transizione verde” neocoloniale

Durante l’era coloniale, le potenze europee crearono un vasto sistema economico per estrarre ricchezza, materie prime e lavoro (schiavo) dal continente africano. Sebbene il XX secolo abbia portato l’indipendenza alle colonie africane, questo sistema non è mai stato smantellato; è stato solo trasformato, spesso con l’aiuto di leader ed élite autoritarie postcoloniali locali.

Ora il timore è che la transizione verde dell’UE continui ad alimentare questo sistema economico di sfruttamento a vantaggio delle grandi imprese europee ea scapito delle comunità locali nei paesi africani con cui collaborano. La spinta verso nuove catene di approvvigionamento dell’idrogeno proposta in progetti come Desertec fa ben poco per alleviare queste preoccupazioni.

Questo perché una delle più grandi lobby dietro la svolta dell’UE verso l’idrogeno è rappresentata dalle compagnie di combustibili fossili, le cui origini sono strettamente legate alle imprese coloniali delle potenze europee. Due dei partner di DII, ad esempio, sono il colosso energetico francese Total e il colosso petrolifero olandese Shell.

In Africa e altrove, le compagnie di combustibili fossili continuano a utilizzare le stesse strutture economiche di sfruttamento create durante il colonialismo per estrarre risorse locali e trasferire ricchezza fuori dal continente.

Sono anche desiderosi di preservare lo status quo politico nei paesi africani in modo che possano continuare a beneficiare di relazioni lucrative con élite corrotte e leader autoritari. Ciò consente loro sostanzialmente di impegnarsi impunemente nello sfruttamento del lavoro, nel degrado ambientale, nella violenza contro le comunità locali, ecc.

In questo senso, non sorprende che l’industria dei combustibili fossili e le sue lobby stiano spingendo per abbracciare l’idrogeno come carburante “pulito” del futuro per rimanere rilevanti e in attività. L’industria vuole preservare le infrastrutture e le condutture del gas naturale esistenti, insieme alle relazioni economiche di sfruttamento dietro di esse.

Data la lunga esperienza del settore in termini di danni ambientali e abusi, non sorprende nemmeno che l’azionamento dell’idrogeno nasconda grandi rischi di inquinamento. Il manifesto di Desertec, ad esempio, sottolinea che “in una fase iniziale (tra il 2030-2035) si può produrre un volume consistente di idrogeno convertendo il gas naturale in idrogeno, per cui la CO2 viene stoccata in giacimenti di gas/petrolio vuoti”. Questo, insieme all’uso delle scarse risorse idriche per produrre idrogeno, è un altro esempio di scarico di rifiuti nel Sud del mondo e di spostamento dei costi ambientali dal Nord al Sud.

Sono in discussione anche i benefici economici per la popolazione locale. Sarebbe necessario un enorme investimento iniziale per creare le infrastrutture necessarie per produrre e trasportare idrogeno verde in Europa. Date le precedenti esperienze nella realizzazione di progetti così costosi e ad alta intensità di capitale, l’investimento finisce per creare più debito per il paese ricevente, approfondendo la dipendenza dai prestiti multilaterali e dall’assistenza finanziaria occidentale.

I progetti energetici nordafricani avviati con il sostegno europeo nell’ultimo decennio mostrano già come il colonialismo energetico si riproduca anche nelle transizioni verso le energie rinnovabili sotto forma di colonialismo verde o green grabbing.

In Tunisia, un progetto di energia solare chiamato TuNur, approvato da Desertec, è stato esaminato per i suoi piani orientati all’esportazione. Data la massiccia carenza energetica del Paese e la dipendenza dalle importazioni di gas naturale algerino per la produzione di energia, esportare elettricità mentre la popolazione locale soffre di ripetuti blackout ha poco senso.

In Marocco, il processo di acquisizione della terra poco trasparente e i piani di sfruttamento dell’acqua dell’impianto solare di Ouarzazate, supportati anche dai membri del DII, hanno sollevato interrogativi sui possibili danni che le comunità locali potrebbero subire. L’alto costo del progetto – pagato con prestiti di istituzioni finanziarie internazionali – ha anche sollevato preoccupazione per il suo carico di debito sul bilancio nazionale.

In mezzo alla crescente crisi climatica, i paesi nordafricani non possono permettersi di continuare a impegnarsi in tali progetti di sfruttamento. Non possono continuare ad essere esportatori di risorse naturali a basso costo verso l’Europa e il luogo dei costi socio-ambientali spostati della sua transizione verde.

Hanno bisogno di una transizione giusta che implichi il passaggio a un’economia ecologicamente sostenibile, equa e giusta per tutti. In questo contesto, le relazioni e le pratiche neocoloniali esistenti devono essere messe in discussione e fermate.

Per quanto riguarda i paesi e le società europee, devono rompere con la logica imperialista e razzializzata dei costi di esternalizzazione. Altrimenti, continuerebbero ad alimentare il colonialismo verde e l’ulteriore ricerca dell’estrattivismo e dello sfruttamento della natura e del lavoro per un’agenda presumibilmente verde, che minerebbe gli sforzi collettivi per una risposta globale efficace e giusta al cambiamento climatico.

Le opinioni espresse in questo articolo sono proprie dell’autore e non riflettono necessariamente la posizione editoriale di Al Jazeera.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here