Glover’s Reef: "Off the Grid" in vacanza in Belize

0
66

Raggi di stringa

L'oceano scintillante rivela una seconda volta la forma massiccia, simile ad un'ala, che ora avvolge un cerchio lento, guidato dalla curiosità, attorno a noi.

Conoscendo poco bene le razze, sapevo solo che la coda a punta di pungiglione, ora fuori dalla vista e serpeggiando verso il basso da qualche parte ancora più sotto di noi, divenne un'arma potenzialmente mortale se provocata. Ma non provocherei nulla, mi sono ripromesso, ondeggiando lungo la superficie all'interno del mio giubbotto da snorkeling giallo mentre il cocktail di meraviglia e paura che provavo ora mi si riversava dentro.

Sebbene Christian, comodamente sdraiato all'interno dei suoi confini ancorati e stagionati a malapena a 15 metri di distanza, la cosa da asporto per me è chiara: quando sei fuori dalla griglia in Belize, sei da solo.

Glover’s Reef

In effetti, l'autosufficienza, uno spirito avventuroso e molta pazienza sono strumenti obbligatori per attrezzarti per un'esperienza isolana in Belize. E Glover’s Reef, un atollo parzialmente sommerso a circa 45 chilometri dalla costa meridionale del paese, mette alla prova il tuo coraggio, ma lo fa solo giocosamente, il matrimonio ideale tra rilassamento dell'isola ed emozioni adrenaliniche.

Glover's Reef - Belize

I resort più modesti abbondano in tutta la barriera corallina, i nostri con umili bungalow coperti di paglia, sospesi sull'acqua baciata dal sole e profondi alla caviglia, si ergono come sentinelle vigili, pattugliando ciascuno un campione di costa sabbiosa. Il lusso non vive qui, ma questi alloggi modesti e privi di elettricità – poco più di un semplice letto, tavolo con sedie, piastra calda e amaca (che ondeggiano delicatamente sul portico posteriore, naturalmente) – esistono sottilmente, opportunamente perfetti per un disinserito fuga. Ci si aspetta che lavori qui, prestando i muscoli per caricare e successivamente scaricare la barca noleggiata di medie dimensioni che trasporta te e i tuoi compagni dell'isola dalla manciata di ore dalla terraferma, ma l'investimento è piccolo rispetto all'abbinamento di avventura e la tranquillità ti aspetta.

Glover's Reef - Belize

Le rive sabbiose lasciano il posto a acque poco profonde e limpide, dove probabilmente seguirai curiosi pesci pappagallo o qualsiasi numero di razze scivolanti che spazzano il fondo dell'oceano. Qui esistono davvero promesse di luoghi ideali per lo snorkeling raggiungibili dalla riva, dal momento che Glover è una riserva naturale protetta dal 1993. Ben oltre 700 scogliere che prosperano con coralli ricchi e colorati, il parco giochi perfetto per cernia, barracuda e tarpon. Fluttua ulteriormente e lascia che la corrente prenda il controllo, scivolando uno dopo l'altro su imponenti contrafforti di corallo per assistere a pesci chiazzati di arcobaleno che giocano. Se sei davvero fortunato, potresti individuare una manta, la sua forma massiccia che proietta un'ombra altrettanto intimidatoria mentre si muove attraverso, spazzando dietro di sé minuscole scie di sabbia.

Glover's Reef - Belize

Alzando il livello di avventura ancora più in alto, abbiamo fatto l'autostop su una delle barche per immersioni subacquee diretti una mattina. Rispecchiando una scena di un film di spionaggio, sono diventato un po 'innervosito dopo essere caduto all'indietro nel mezzo dell'oceano riscaldato dal sole con altri tre snorkelers, socchiudendo gli occhi danzando, il sole splendente mentre il motore gutturale del mezzo agile si affievoliva dalla distanza tra noi . Anche a queste profondità, dove la visibilità è facilmente in grado di competere con 100 piedi o più, la vita si rivela, presentandosi sotto forma di una tartaruga di falco che nuota pigramente vicino al profondo, sconosciuto blu dell'apice del muro dell'oceano.

Glover's Reef - Belize

Snorkeling notturno

Ma nessuna singola esperienza dell'intero viaggio può competere con il puro brivido dello snorkeling notturno. Al crepuscolo, proprio mentre il sole splendente e arancione scende lentamente verso ovest, saliamo a bordo di piccole imbarcazioni a motore stipate di giubbotti di salvataggio rossi e gialli e serpenti di spessa corda annodata sparsi sul pavimento. Un sottile frammento di sole è tutto ciò che rimane come motori, che fa le fusa più dolce, lento. Ho consegnato una luce intensa su una corda che mi ricorda il colore di un jack-o-lantern di Halloween e lo fisso saldamente – ma non troppo stretto – intorno al mio collo. Quindi controllo e ricontrollo la torcia impermeabile che ho portato, atterrando un lungo raggio giallo sull'oceano apparentemente vuoto e immobile. Mentre il cielo notturno si annerisce, vedo già deboli tracce di stelle in alto.

Glover’s Reef: in vacanza "Off the Grid" in Belize #belize #travel #islandTenendo una grande torcia quadrata, la nostra guida si alza rapidamente dal suo sedile per condividere alcune parole sulla sicurezza prima di lanciarsi in mare, scomparendo momentaneamente nell'inchiostro nero prima di affiorare.

"Il tuo turno", ci dice, abbassando la maschera blu sugli occhi appena prima di giocoso che brilla la sua luce attraverso il gruppo.

Facendo diversi respiri profondi, scendo dalla barca, volutamente tenuto vicino mentre affondo lentamente nell'oceano freddo. L'acqua schiaffeggia in modo intermittente sulla barca a dondolo leggero. In mezzo al silenzio virtuale, seguo l'esempio dei miei compagni di snorkeling e guado dolcemente, assicurandomi di non schizzare troppo forte o fare movimenti rapidi e improvvisi. Sotto la luce della luna fornita, la nostra guida rotola il collo lungo le spalle alcune volte prima di puntare la sua luce, facendola atterrare cinque metri alla sua sinistra lungo la superficie nera simile a un vetro. Seguo il raggio radiante mentre passa sotto diversi piedi, risalendo al suo proprietario ormai profondo fino al collo, e so cosa ci aspetta.

"In questo modo", chiama la guida, facendo una nuotata mentre la sua enorme fonte di luce spazza il fondale oceanico poco profondo.

Non permettendo alcuna esitazione, ci ammassiamo da vicino e ci spostiamo rapidamente dietro, trascinando lucciole luccicanti che avanzano nella notte espansiva. Quando la guida si allontana improvvisamente, avverto un leggero brivido quando noto la fila singola di luce calda e ambrata, infilata in modo lasco per segnare l'ufficio principale della nostra isola, situata in lontananza attraverso il campo espansivo. Essere in profondità nell'oceano, nell'oscurità praticamente pura, non mi limita a minacciare la mia sensibilità. Li colpisce. Difficile. L'equivalente di dare un pungente "cosa pensi di fare?" – tipo schiaffo sul viso progettato per sconvolgerti nella realtà.

Ho deciso di concentrarmi sul nuoto, di stare vicino al gruppo e, soprattutto, di abbracciare l'avventura, gran parte di ciò che Belize incarna per me. In poco tempo, dopo aver spiato le aragoste spinose a riposo e le piccole scuole di cernia solitaria che si nascondono tra gli scoscesi affioramenti di corallo, ora mi sento a mio agio. Ancora molto attento a ciò che mi circonda, abbraccio il privilegio che provo per la vetrina notturna a cui sono autorizzato a testimoniare sotto di me. Salimmo sulla barca per il nostro ritorno sull'isola circa 20 minuti dopo, senza alcuna apparizione da parte degli squali nutrice e delle razze che avevamo notato durante le escursioni di snorkeling di un giorno.

Mi sentivo a mio agio anche con quello.


LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here