Gli Stati Uniti approvano bombe e jet per Israele in mezzo alla minaccia di offensiva a Rafah, a Gaza

0
17

La Casa Bianca autorizza il trasferimento di 2,5 miliardi di dollari di aerei da guerra e armi a Israele, riferisce il Washington Post.

Le persone recuperano il corpo di un bambino da un edificio distrutto in seguito agli attacchi aerei israeliani
Alcune persone recuperano il corpo di un bambino da un edificio distrutto in seguito agli attacchi aerei israeliani a Rafah, Gaza, il 29 marzo 2024 [Ahmad Hasaballah/Getty Images]

Gli Stati Uniti hanno dato il via libera al trasferimento di bombe e aerei da combattimento per miliardi di dollari a Israele, ha riferito il Washington Post, anche se esprimono pubblicamente preoccupazione per l’invasione israeliana a lungo minacciata di Rafah a Gaza e per le crescenti vittime civili nell’enclave.

Il nuovo pacchetto di armi comprende più di 1.800 bombe MK84 da 2.000 libbre e 500 bombe MK82 da 500 libbre, secondo funzionari del Pentagono e del Dipartimento di Stato, secondo quanto riportato venerdì dal Washington Post.

Le bombe da 2.000 libbre, che possono infliggere danni a persone fino a 300 metri di distanza, sono state “collegate a precedenti eventi con vittime di massa durante la campagna militare israeliana a Gaza”, afferma il rapporto. Gli Stati Uniti forniscono 3,8 miliardi di dollari in assistenza militare annuale al loro alleato di lunga data.

Kimberly Halkett di Al Jazeera, in un reportage da Washington, DC, ha affermato che il trasferimento “ammonta a circa 2,5 miliardi di dollari”, aggiungendo che “questo avviene nonostante una crescente spaccatura tra il governo israeliano e quello statunitense”.

Gli Stati Uniti continuano a fornire pacchetti di armi a Israele mentre spingono per la fine delle ostilità nella guerra durata cinque mesi e lunedì non hanno posto il veto a una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite che chiedeva un cessate il fuoco immediato nella Striscia di Gaza e il rilascio dei prigionieri.

Mentre Washington sta pubblicamente esercitando pressioni su Israele affinché “rimandi” la sua guerra a Gaza, le sue mosse politiche stanno inviando un segnale completamente diverso, ha detto ad Al Jazeera Marc Owen Jones, professore associato di studi sul Medio Oriente all’Università Hamad Bin Khalifa.

Di fronte alla diffusa condanna internazionale, anche da parte di Washington, Israele ha detto che presto lancerà un’invasione di terra di Rafah, la città più meridionale della Striscia di Gaza che confina con l’Egitto e dove si stanno rifugiando circa 1,5 milioni di palestinesi sfollati con la forza.

Sabato, il Ministero degli Affari Esteri palestinese ha criticato gli Stati Uniti, postando su X che “esigente [Israeli Prime Minister Benjamin] La decisione di Netanyahu di smettere di uccidere civili e di fornirgli armi è una contraddizione morale e di principio senza precedenti”.

Il ministero ha espresso rammarico per il “continuo fallimento” da parte del Consiglio di Sicurezza dell’ONU e della Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) nel portare Israele a rispettare le loro decisioni.

I senatori statunitensi hanno esortato il presidente Joe Biden a tagliare gli aiuti militari a Israele fino a quando non garantirà l’accesso agli aiuti umanitari per Gaza. Molti paesi e gruppi per i diritti umani hanno chiesto a Israele di obbedire a un ordine della Corte internazionale di giustizia per consentire la consegna senza ostacoli di aiuti a Gaza, dove è scoppiata la carestia.

Il senatore americano Bernie Sanders ha definito la mossa “oscena”.

“Gli Stati Uniti non possono implorare Netanyahu di smettere di bombardare i civili un giorno e il giorno dopo di inviargli altre migliaia di bombe da 2.000 libbre che potrebbero radere al suolo interi isolati”, ha detto in un post su X.

“Dobbiamo porre fine alla nostra complicità: niente più bombe su Israele”.

Il ministro degli Esteri giordano Ayman Safadi ha invitato la comunità internazionale a smettere di fornire armi a Israele.

“Le agenzie delle Nazioni Unite raccontano storie orribili di sofferenza a Gaza. Oltre 30.000 uccisi. Oltre due milioni di persone morirono di fame. Questi fatti fanno vergognare il mondo”, ha pubblicato su X.

“Le armi devono smettere di fluire verso Israele. Israele deve essere costretto a porre fine a questa catastrofe. Questo è ciò che richiedono il diritto internazionale e i valori umani”, ha affermato.

La Casa Bianca ha rifiutato di commentare i trasferimenti di armi.

‘Affari come al solito’

Biden venerdì ha riconosciuto “il dolore provato” da molti arabi americani per la guerra a Gaza. Tuttavia, ha promesso un sostegno continuo a Israele nonostante la crescente spaccatura pubblica con il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

Netanyahu ha improvvisamente annullato un incontro programmato tra funzionari statunitensi e israeliani per rivedere i piani israeliani per un’operazione a Rafah, in seguito all’astensione di Washington dal voto del Consiglio di Sicurezza.

Con una brusca inversione di rotta, ha chiesto che l’incontro venga riprogrammato, e dovrebbe aver luogo già lunedì, ha riferito l’emittente CNN.

L’assistenza illimitata a Israele, che secondo i gruppi umanitari sta ostacolando gli aiuti a Gaza mentre si diffondono condizioni simili alla carestia, sta minando gli sforzi di Biden per riposizionare gli Stati Uniti come “autorità morale nel mondo”, ha detto Owen Jones ad Al Jazeera.

“Dobbiamo tenere presente che solo poche settimane fa, gli Stati Uniti hanno approvato un disegno di legge sui finanziamenti federali che riafferma gli aiuti militari a Israele con oltre 3 miliardi di dollari e taglia i finanziamenti all’UNRWA”, il principale gruppo che fornisce aiuti a Gaza, ha detto. riferendosi all’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione dei rifugiati palestinesi nel Vicino Oriente.

“La politica degli Stati Uniti in realtà è semplicemente quella del business as usual.

“Biden sta infrangendo, o almeno non facendo rispettare, le leggi Leahy”, ha detto, riferendosi alle leggi statunitensi sui diritti umani che impediscono agli Stati Uniti di fornire armi a paesi plausibilmente coinvolti in violazioni dei diritti.

“Come farà Biden a posizionarsi come qualsiasi tipo di autorità morale quando contravviene alle leggi che hanno lo scopo di difendere i diritti umani di persone come quelle in Palestina?”

In un reportage da Rafah, Hani Mahmoud di Al Jazeera ha detto che le minacce di Israele di espandere l’invasione di terra alla città di Rafah “stanno esaurendo le persone qui che sono stanche di vivere in uno stato di panico”.

La paura che Rafah subisca la stessa sorte di Gaza City o di Khan Younis, “le cui strutture pubbliche e infrastrutture sono state cancellate”.