Facilitazione del centro militare del Venezuela meridionale, un soldato morto: funzionari

0
62

CARACAS – Domenica mattina mattina gli assalitori hanno fatto irruzione in una struttura militare nel sud del Venezuela, rubando armi e uccidendo un soldato.

Il ministro della Difesa Vladimir Padrino ha dichiarato che la polizia e i militari hanno recuperato tutte le armi rubate e arrestato alcuni sospetti. Ha incolpato l'attacco a "settori estremisti dell'opposizione", senza nominare alcun individuo.

Il Venezuela, la cui economia è crollata sotto il presidente socialista Nicolas Maduro, è nel mezzo di una profonda crisi politica. A gennaio, il presidente dell'Assemblea nazionale dell'opposizione Juan Guaido ha invocato la costituzione per assumere una presidenza rivale e ha incoraggiato i militari a schierarsi con lui.

Guaido sostiene che Maduro è illegittimo perché la sua rielezione del 2018 è stata una farsa. Un portavoce di Guaido non ha rilasciato commenti sull'attacco di domenica. Maduro licenzia Guaido come un burattino degli Stati Uniti che cerca di cacciarlo in un colpo di stato e ha mantenuto il controllo del territorio e dei militari.

Il ministro dell'informazione Jorge Rodriguez ha dichiarato che sei persone sono state arrestate in relazione all'attacco nello stato di Bolivar meridionale, vicino al confine con il Brasile. Ha aggiunto che i predoni erano stati addestrati nei "campi paramilitari in Colombia" e avevano ricevuto assistenza dal presidente brasiliano Jair Bolsonaro.

Il ministro degli Esteri venezuelano Jorge Arreaza ha descritto il gruppo come "mercenari" con sede in Perù, descrivendo l'attacco come parte di una strategia regionale per destabilizzare il paese. Né Rodriguez né Arreaza hanno fornito prove delle loro dichiarazioni.

Il ministro degli Esteri peruviano Gustavo Meza-Cuadra ha dichiarato in un tweet che ha respinto le "false dichiarazioni" di Arreaza e che il Perù è rimasto impegnato a trovare una "soluzione pacifica" alla crisi del Venezuela.

Un portavoce di Bolsonaro ha rifiutato di commentare. Il ministero degli esteri della Colombia non ha avuto commenti immediati. Tutti e tre i paesi hanno riconosciuto Guaido come il leader legittimo del paese, insieme agli Stati Uniti e alla maggior parte delle democrazie occidentali.

Negli ultimi anni, il vasto e remoto stato di Bolivar è stato il luogo di violenti scontri tra forze governative e minatori informali.

A febbraio, durante un tentativo guidato dal Guaido di portare aiuti umanitari attraverso il confine, ci furono scontri mortali tra truppe e popolazioni indigene nello stato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here