Due ex leader di Hong Kong nominati nella fuga di notizie di Pandora Papers

0
23

CY Leung accusato di non aver rivelato la vendita di azioni della società mentre Tung Chee-hwa avrebbe costituito società offshore per eludere le tasse.

Gli ex amministratori delegati di Hong Kong CY Leung, a sinistra, e Tung Chee-hwa, al centro, brindano con l’attuale leader Carrie Lam durante il 23° anniversario del passaggio di Hong Kong dalla Gran Bretagna alla Cina lo scorso anno [File: Anthony Wallace/AFP]

Due ex leader di Hong Kong sono stati nominati nella fuga di notizie di Pandora Papers, la più ampia raccolta di dati globali che descrive in dettaglio le trattative finanziarie segrete delle persone più ricche del mondo che mirano a nascondere i loro beni.

Secondo quanto riferito, Leung Chun-ying, o CY Leung, non ha dichiarato il suo reddito dalla vendita di azioni di una società giapponese mentre era ancora amministratore delegato del territorio cinese. Tung Chee-hwa, un miliardario, avrebbe fondato società offshore dopo essersi ritirato dall’incarico.

CY Leung è stato il leader di Hong Kong tra il 2012 e il 2017, mentre Tung è stato il primo amministratore delegato della città dopo il passaggio di Hong Kong alla Cina nel 1997. È rimasto in carica fino al 2005.

Entrambi gli uomini sono ora membri senior di un comitato consultivo per il governo cinese e ci sono rapporti secondo cui CY Leung potrebbe cercare un ritorno politico quando il mandato dell’attuale amministratore delegato di Hong Kong, Carrie Lam, volge al termine.

L’indagine storica ha coinvolto 600 giornalisti di 150 testate giornalistiche in 117 paesi, smistando circa 11,9 milioni di file provenienti da più di una dozzina di istituzioni finanziarie. Si stima che i leader mondiali nel mondo degli affari e della politica siano legati a ricchezze offshore pari a trilioni di dollari.

L’apertura di conti offshore non è vietata dalla legge. Ma se lo scopo di quei conti è quello di evitare le tasse nei rispettivi paesi, allora potrebbe essere considerato illegale.

Oltre a CY Leung e Tung, sono stati nominati anche circa 35 attuali ed ex leader mondiali, tra cui il presidente russo Vladimir Putin e il re Abdullah II di Giordania.

Secondo l’International Consortium of Investigative Journalists (ICIJ), CY Leung non ha dichiarato la vendita nel 2015 di un valore stimato di 2,3 milioni di dollari di Hong Kong ($ 295.000) di azioni della società DTZ Japan Ltd. ICIJ ha collaborato con Stand News di Hong Kong in l’investigazione.

Stand News ha affermato che CY Leung deteneva il 30 percento delle azioni della società attraverso due società offshore.

Il rapporto afferma anche che anche dopo aver assunto l’incarico di amministratore delegato di Hong Kong il 1 luglio 2012, Leung ha continuato a servire come direttore di tre società offshore e ha lasciato i suoi incarichi solo nell’agosto dello stesso anno.

Secondo il rapporto, Leung non ha mai riconosciuto pubblicamente il suo ruolo e i suoi doveri nelle tre società.

Leung furioso

Leung ha definito il rapporto di Stand News come fuorviante e ha messo in guardia contro le “fiamme del giornalismo irresponsabile” in una serie di post sui social media.

Scrivendo su Facebook, ha affermato che era tenuto a dichiarare solo le azioni che possedeva di proprietà diretta, e non quelle in società controllate.

“Non è necessario dichiarare il possesso e le transazioni di azioni in società controllate”, ha affermato, aggiungendo che non ha esercitato diritti decisionali nelle società menzionate, inclusa DTZ Japan.

Ha anche giustificato la sua continua presenza come direttore delle tre società nel suo mandato come leader di Hong Kong, dicendo che c’erano diverse procedure nei contratti e, in alcuni casi, le dimissioni non hanno avuto effetto immediato.

“Ho attivato tutte le procedure di dimissioni prima di assumere l’incarico di amministratore delegato”, ha detto.

Leung ha reagito con rabbia alla fuga di notizie di Pandora Papers e ha messo in guardia contro le “fiamme del giornalismo irresponsabile” in seguito alla denuncia delle sue transazioni commerciali [File: Anthony Wallace/AFP]

Leung è stato indagato in seguito alle accuse pubblicate nel Sydney Morning Herald nel 2014 secondo cui aveva ricevuto 50 milioni di dollari di Hong Kong (6,4 milioni di dollari) in relazione a un’offerta per la società immobiliare DTZ che non aveva dichiarato.

Il rapporto affermava che a Leung era stata pagata la somma per impedirgli di assumere una posizione con il concorrente di DTZ. La denuncia contro di lui è stata archiviata nel 2018, con il dipartimento di giustizia che citava prove insufficienti.

È stato anche indagato per presunto potenziale conflitto di interessi ed evasione fiscale, ma quei casi sono stati archiviati nel 2020.

Il rapporto di Stand News ha anche affermato che sia CY Leung che Tung erano clienti di Trident Trust, una società internazionale che gestisce trust e fondi. Il giornale affermava che entrambi gli uomini usavano intermediari per registrare conti offshore e società di comodo in tutto il mondo per se stessi e i membri della famiglia per proteggerli dalle tasse.

Nel frattempo, secondo quanto riferito, Tung ha anche creato almeno sette società offshore dopo aver lasciato l’incarico. Utilizzando una di queste società, è stato aperto un conto con HSBC con un patrimonio stimato di $ 1 milione (7,8 milioni di dollari di Hong Kong).

Tung e i suoi familiari hanno anche aperto 72 conti di società offshore.

Secondo Forbes Magazine, che traccia le fortune delle persone più ricche del mondo, la ricchezza di Tung è stimata in 2,6 miliardi di dollari.

Tung e la sua famiglia devono ancora rispondere al rapporto.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here