Donne e oppioidi: l'impatto invisibile

0
65

Sono passati 2 anni da quando il Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) ha dichiarato a stato di emergenza per far fronte alla crisi degli oppiacei. E mentre la consapevolezza è maggiore, gli Stati Uniti e il Canada sono ancora nel mezzo di una delle peggiori crisi di droga finora viste.

Con una continua dipendenza dalle prescrizioni per potenti oppioidi come il fentanil e un boom mercato nero, c'è una crescente necessità di azione a livello nazionale per affrontare l'epidemia di oppioidi.

Affrontare e aiutare a risolvere la crisi degli oppiacei non è una semplice equazione. Implica la determinazione delle cause alla base della dipendenza da oppiacei, lo sviluppo di piani terapeutici efficaci e il sostegno alla ricerca in corso per migliorare gli interventi.

Ma le soluzioni devono anche affrontare uno dei maggiori problemi: la mancanza di un approccio di genere per determinare le differenze (e i trattamenti) per donne con un disturbo da uso di oppioidi (OUD).

Le donne avvertono dolore in modo diverso rispetto agli uomini

Ricerca ha trovato l'uso di oppioidi come trattamento medico per dolore è uno dei percorsi più comuni verso OUD per le donne rispetto agli uomini. Uno dei motivi alla base di ciò è che le donne hanno riportato una maggiore sensibilità agli stimoli dolorosi e quindi hanno un rischio più elevato di dolore.

Ci sono molti motivi per cui le donne usano farmaci antidolorifici, che vanno da problemi ormonali e dolori del ciclo mestruale a menopausa, gravidanza, allattamento e fertilità. Ma poiché OUD è cresciuto fino a raggiungere proporzioni epidemiche, anche gli oppioidi sono stati usati, spesso per automedicare, per tutto, dal controllo del peso e dell'esaurimento ai problemi di salute mentale.

"La crisi del disturbo da uso di oppiacei colpisce le donne di tutte le fasce d'età, di tutti i gruppi razziali, di tutte le etnie, di tutti i quartieri geografici d'America e di tutti i livelli di status socioeconomico".
– Brian LeClair, vice amministratore principale di HRSA

Secondo una ricerca indipendente condotta dall'Istituto QuintilesIMS nel 2016 e 2017:

“Alle donne di età compresa tra 40 e 59 anni vengono prescritti più oppioidi rispetto a qualsiasi altra fascia di età e ricevono il doppio delle prescrizioni di oppiacei rispetto alle loro controparti maschili. Questa popolazione è anche particolarmente vulnerabile quando gli oppioidi vengono prescritti dopo l'intervento chirurgico, con circa il 13% delle donne di mezza età che diventano utenti di oppioidi di nuova insistenza che continuano a usare gli oppioidi da 3 a 6 mesi dopo l'intervento chirurgico, il che li mette ad alto rischio di dipendenza e dipendenza. Tra le donne, questa fascia d'età ha dimostrato di avere i più alti tassi di mortalità per oppioidi. "

disturbo da uso di oppioidi

Le donne soffrono di disturbo da uso di oppiacei più degli uomini

Proprio come le donne avvertono dolore più acutamente degli uomini, hanno anche maggiori probabilità di farlo ricevere una prescrizione per un antidolorifico oppioide per condizioni croniche, come l'emicrania. Per aggravare ulteriormente il problema, le donne hanno maggiori probabilità di ricevere una prescrizione per ulteriori farmaci che possono aumentare il rischio di sovradosaggio.

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie riferiscono che le donne hanno maggiori probabilità di vivere con dolore cronico. Di conseguenza, possono utilizzare oppioidi da prescrizione a dosi più elevate per periodi di tempo più lunghi.

Alcuni degli oppioidi più comunemente prescritti includono idrocodone, fentanil, codeina, ossicodone, metadone e morfina.

Le benzodiazepine sono comunemente prescritte più frequentemente per le donne rispetto agli uomini. Tuttavia, nonostante il livello significativamente più alto di oppioidi da prescrizione per le donne, ci sono più disturbi da uso di oppioidi mortitra gli uomini.

“Esistono conoscenze emergenti sui numerosi fattori che influenzano il percorso di una donna verso l'abuso di oppiacei e il disturbo da uso di oppiacei, comprese le influenze biologiche e sociali, le esperienze passate, la geografia e le caratteristiche demografiche, ma è necessario imparare di più su ogni aspetto di questo percorso. "- Office on Women's Health

Il National Institute on Drug Abuse (NIDA) riferisce che le donne sono:

  • maggiore probabilità di sviluppare dipendenza e dipendenza da quantità minori di sostanze in un periodo di tempo più breve
  • è più probabile che siano sensibili agli effetti di alcuni farmaci rispetto agli uomini
  • più probabilità di andare al pronto soccorso o morire per overdose

Problemi Note NIDA che inducono le donne ad abusare di sostanze includono:

  • vivendo violenza domestica
  • divorzio
  • perdita della custodia dei figli
  • morte di un figlio o di un partner

Uno studio HHS del 2017 ha rilevato che le donne che entrano in un programma di trattamento per l'uso di sostanze generalmente arrivano con una serie di problemi comportamentali, medici, psicologici e sociali. Questi problemi tendono ad essere più complessi dell'OUD che li ha portati al trattamento.

disturbo da uso di oppioidi

Le donne hanno bisogno di un trattamento di genere

Dato che l'OUD sembra essere più comune e grave nelle donne, è logico che i trattamenti debbano essere specifici per genere.

Esistono alcuni trattamenti per l'uso di sostanze noti per funzionare meglio negli uomini, come l'uso di disulfiram nel trattamento della dipendenza da cocaina. Allo stesso tempo, altri trattamenti – come l'uso del naltrexone per il disturbo da uso di alcol – funzionano bene sia per gli uomini che per le donne.

Fino ad oggi, la ricerca ha scoperto che l'uso della buprenorfina, uno dei trattamenti più efficaci per OUD, funziona almeno tanto per le donne quanto per gli uomini.

Tuttavia, l'assistenza sanitaria ha storicamente evitato i trattamenti di genere. Si potrebbe sostenere che ciò, in parte, ha contribuito all'aumento del livello di OUD nelle donne. I piani di trattamento per le donne devono includere elementi quali:

  • assistenza all'infanzia
  • screening per problemi psicologici, come ansia e depressione
  • consulenza relazionale

Il trattamento dovrebbe anche cercare di trovare modi per proteggere le donne che hanno bambini o che sono in stato di gravidanza dal perdere la custodia se decidono di entrare in un programma di trattamento ospedaliero.

Ulteriori informazioni sul trattamento di genere

Oggi, ci sono ampie opportunità di saperne di più sul trattamento di genere per OUD rispetto a qualsiasi altro momento nella storia. I ricercatori devono condurre ulteriori studi su:

  • come i livelli di dolore differiscono nelle donne e negli uomini
  • i modi migliori per personalizzare la consulenza
  • i tipi di farmaci usati nel trattamento
  • come sostanze controllate come gli oppioidi influenzano i percorsi neurobiologici delle donne nel cervello

Per superare i problemi unici e significativi che OUD presenta nelle donne, dobbiamo continuare a finanziare studi di genere e impegnarci nella ricerca e nelle risorse necessarie per garantire che le donne ottengano i trattamenti efficaci di cui hanno bisogno.

Storie personali del nostro pubblico sul disturbo da uso di oppiacei

Mi chiamo Lisa Bright. Vengo da Trussville, in Alabama, e sono una mamma amorevole per tre figli, una moglie devota e una donna d'affari di successo. Sono stato benedetto in così tante aree della mia vita – ma alcune di quelle benedizioni sono arrivate dopo difficoltà inimmaginabili. Sette anni fa, abbiamo perso il nostro bambino, il nostro figlio minore Will, a causa di un'overdose di eroina. Quelle parole non sono più facili oggi di quanto non lo fossero al momento in cui l'abbiamo perso.

Mio figlio Will era tutto ciò che una madre potesse mai sognare. Era intelligente, gentile e un vero amico per tutti. Ma Will aveva anche un disturbo da uso di sostanze. So che ha fatto del suo meglio per superare la sua dipendenza, perché ero con lui ad ogni passo. Da quando le sue lotte sono iniziate nella scuola media, ho dedicato gran parte della mia vita cercando di aiutarlo: consulenza, riabilitazione, amore duro, tutto il mio amore. Alcuni di questi programmi hanno funzionato, temporaneamente; Will diventerebbe sobrio, ma ricadeva sempre quando cercava di rientrare in una comunità in cui il consumo di droga è ancora dilagante.

Quando penso a cosa avrebbe potuto salvare Will, penso a due estremità dello spettro. In primo luogo, credo che ci sia una profonda necessità di un luogo in cui gli individui possano passare dalla riabilitazione e imparare a costruire una solida base per il recupero. Le strutture di riabilitazione tradizionali non insegnano ai pazienti come socializzare senza essere alti, o mantenere un posto di lavoro o provvedere a se stessi in assenza di sostanze. Mio marito ed io abbiamo fondato la Will Bright Foundation (WBF) e il suo centro di recupero, Restoration Springs, e l'abbiamo progettata per avere successo dove nostro figlio non è stato in grado di farlo. Nel fondare WBF, abbiamo messo insieme tutte le risorse che potevamo attraverso gli amici, la famiglia e la nostra comunità per creare uno spazio in cui gli individui in recupero potessero venire a guarire completamente prima di rientrare nella società. Forniamo ai giovani una comunità. Offriamo corsi di formazione professionale e di abilità di vita per raggiungere ciò che chiamiamo ABC: un lavoro, un lavoro migliore e, soprattutto, una carriera. Siamo orgogliosi di aver sviluppato un luogo sicuro in cui gli individui possono imparare, porre domande e diventare membri produttivi della società.

Credo anche che dovremmo fare tutto il possibile per evitare di condurre le persone lungo il percorso verso il disturbo da uso di oppioidi in primo luogo. Oltre al nostro lavoro quotidiano nel recupero e nel trattamento, siamo anche leader in una lotta nazionale per prevenire la dipendenza da oppiacei tutti insieme. WBF è un orgoglioso membro di Voices for Non-Opioid Choices, una coalizione a Washington, D.C., che lavora per aumentare l'accesso alla gestione del dolore non oppioide, in modo che a nessuno venga prescritto inutilmente un oppioide. Molte persone in fase di recupero dal disturbo da uso di sostanze temono di vedere un operatore sanitario o di sottoporsi a un intervento chirurgico necessario, perché può portare alla prescrizione di oppioidi. Il governo federale potrebbe fare molto di più per aumentare l'accesso a questi farmaci salvavita e non oppioidi.

Cerco di vedere tutto nella mia vita come una benedizione, anche i momenti più difficili che si possano immaginare. Dopo la morte di Will, avremmo potuto vivere il resto della nostra vita in rabbia e amarezza. Ma scegliamo di creare una nuova piattaforma che metta le persone in cerca di recupero per il successo e scegliamo di sostenere i nostri legislatori in DC per cambiare il modo in cui pensiamo alla gestione del dolore e agli oppioidi in questo paese. Se Will fosse vissuto, avrebbe passato la vita a prendersi cura degli altri; Sono sicuro di questo. Stiamo scegliendo di onorare la sua memoria nel modo in cui avrebbe voluto che noi – in prima linea nell'epidemia che lo portò via da questa Terra troppo presto.


Mi chiamo Kimberly Robbins. Sono un orgoglioso veterano degli Stati Uniti e un coach e consulente per l'abuso di sostanze. La mia esperienza con l'abuso di sostanze, in particolare la dipendenza da oppiacei, va ben oltre il mio titolo professionale.

Come soldato, ho subito una lesione traumatica che ha comportato la necessità di un importante intervento chirurgico all'anca. Dopo l'intervento chirurgico, come nove pazienti su dieci in America, mi hanno prescritto oppioidi per gestire il mio dolore post-chirurgico, da dove è iniziata la mia dipendenza dai farmaci antidolorifici. Mi sono reso conto lentamente della mia crescente dipendenza dagli oppioidi, ma è arrivato troppo tardi e ho lottato per tutto l'anno successivo per superare la mia battaglia. I sintomi di astinenza hanno creato un ciclo pericoloso di cui avevo paura di non uscire mai. La mia più grande paura era che i miei figli mi trovassero morto per overdose. Ho promesso di non lasciare mai che ciò accadesse.

Dopo essere uscito dal viaggio angosciante del disturbo da uso di oppioidi, ho reso la mia missione personale quella di aiutare quante più persone sono state colpite dalla crisi e di impedire a molte altre persone di dover mai conoscere la lotta. Risiedo nella penisola superiore del Michigan e sono orgoglioso di poter utilizzare la mia esperienza personale per aiutare gli altri che stanno lottando nel mio stato e nella mia comunità. Lavoro per difendere tutte le strade possibili, sia attraverso eventi della comunità locale o sul palcoscenico nazionale prima del Congresso.

Per una crisi complessa e sfaccettata, dobbiamo sviluppare una soluzione globale che affronti il ​​problema su tutti i fronti. Quando penso a come mitigarlo, penso al mio viaggio. Sono diventato dipendente dagli oppioidi dopo l'intervento chirurgico; dobbiamo tutti lavorare insieme per limitare il numero di oppioidi nelle nostre comunità aumentando l'accesso alle opzioni non oppioidi. Ho approfittato degli oppioidi inutilizzati della famiglia e degli amici; dobbiamo lavorare sullo smaltimento sicuro di questi farmaci pericolosi. Ho faticato a trovare aiuto; dobbiamo portare maggiori risorse per quelli in recupero.

Un'organizzazione nazionale di cui sono orgoglioso di far parte è Voices for Non-Opioid Choices, un gruppo che lavora per intraprendere azioni federali per garantire ai pazienti un maggiore accesso alle opzioni non oppioidi per la gestione del dolore dopo l'intervento chirurgico. Non avevo un'opzione non oppioide per gestire il dolore dopo l'intervento chirurgico all'anca, ma sono ottimista sul fatto che molti pazienti, in particolare le donne, avranno l'opzione in futuro.

Il lavoro della mia vita è focalizzato sul portare consapevolezza su come inizia la dipendenza o la dipendenza da oppiacei e garantire che nessuno attraversi quella lotta da solo. Aumentare la conoscenza non solo della minaccia degli oppioidi presenti, ma delle alternative efficaci esistenti, è cruciale per porre fine all'epidemia di oppioidi. Fino a quando questa crisi non sarà finita, continuerò a usare la mia storia per aiutare gli altri.


Mi chiamo Kayla Leinenweber. Sulla carta, non c'era nulla in me che potesse dare a chiunque la minima idea di essere dipendente dagli oppioidi. Non ho avuto un'infanzia terribile; la mia famiglia era ed è tuttora amorevole e solidale; le attività extracurricolari erano la norma; Sono stato molto attivo nello sport.

Non c'è mai stato un aspetto specifico a cui qualcuno possa far riferimento che possa giustificare il mio consumo di droga, ma è così che funziona la dipendenza. È una malattia che non discrimina. Chiunque può essere influenzato, ovunque.

Un infortunio al ginocchio in una partita di calcio del liceo ha concluso una promettente carriera collegiale e mi ha fatto conoscere gli oppiacei. L'infortunio è stato piuttosto grave e il recupero è stato un po 'più doloroso del previsto, ma quando è diventato tollerabile, ho scoperto che mi piacevano molto gli oppioidi e ho continuato a prenderli. Questo è stato l'inizio.

La parola "dipendenza" non mi è mai passata per la testa fino a quando non ero dipendente dagli oppioidi. Non ci volle molto perché le cose si intensificassero. Alla fine, quando non sono riuscito a trovare le pillole, sono andato all'eroina.

Per molto tempo sono stato molto efficiente. Lavoravo, avevo il mio posto, avevo la mia macchina. A quel tempo, ho pensato: "Vedi, non sono un drogato! Sono troppo intelligente per esserlo. "Era una bugia. Non ero più intelligente di chiunque altro. Mi ci è voluto più tempo per perdere il controllo.

I miei genitori, nel frattempo, hanno fatto tutto il possibile per cercare di salvarmi da questa malattia. Mi hanno lasciato vivere a casa, il che ha dato loro un filo di pace. Mi hanno dato dei soldi quando ne avevo bisogno. Mi hanno mandato in tutti i migliori centri di trattamento che il denaro poteva comprare. Ma non ero ancora lì. Sono andato in più di 10 strutture ospedaliere e ambulatoriali quando tutto è stato detto e fatto.

Sapevo profondamente dentro di me che il mio uso era un problema, ma non era nulla che volessi cambiare. Niente batte un oppiaceo, almeno nella mia mente. In un arco di tempo molto breve, il mio uso ha provocato tre overdose quasi fatali. Se non fosse stato per Narcan, c'è una buona possibilità che la mia storia non sarebbe mai stata raccontata.

Alla fine del mio uso di sostanze, ero un guscio completo. Ogni singola cosa che ho fatto o pensato è stata guidata dall'eroina. Non ero più una persona ma una nave che esisteva per ottenere droghe. Alla fine, l'eroina ha preso tutto ciò che avevo tranne la mia vita. Ero un senzatetto. Tutta la mia vita è stata contenuta in due sacchi della spazzatura. Fu quando non mi rimase nulla da dare che cercai aiuto.

Oggi sono a poco più di una settimana dal raggiungimento di 6 anni di sobrietà. Ogni giorno mi rendo conto di quanto sia fortunato. Dal mio viaggio di recupero, ho lavorato nel settore del trattamento della dipendenza e ora sono un coordinatore di sensibilizzazione presso i centri di dipendenza americani, aiutando le persone che attualmente vivono la vita che una volta vivevo a ottenere le cure di cui hanno bisogno e che meritano.

È umiliante aiutare gli altri a tracciare il proprio percorso di recupero, perché so quanto può essere straordinario essere sobrio. È qualcosa che continuerò sempre a fare.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here