spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoCyril Ramaphosa rieletto presidente sudafricano dopo l'accordo tra ANC e DA

    Cyril Ramaphosa rieletto presidente sudafricano dopo l’accordo tra ANC e DA

    -

    Il leader dell’African National Congress, Cyril Ramaphosa, ottiene il secondo mandato con l’aiuto dei parlamentari dei partiti di opposizione.

    Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa parla dopo essere stato rieletto presidente del Sudafrica
    Cyril Ramaphosa parla dopo essere stato rieletto presidente del Sudafrica [Nic BothmaReuters]

    Cyril Ramaphosa è stato rieletto presidente del Sudafrica per un secondo mandato dopo che il suo partito ha raggiunto un accordo dell’ultimo minuto con i rivali politici.

    L’African National Congress di Ramaphosa, salito al potere nel 1994 dopo aver condotto una battaglia decennale contro l’apartheid, ha perso la maggioranza per la prima volta in un’elezione il mese scorso e ha trascorso due settimane impegnato in intensi colloqui dietro le quinte con altri partiti.

    Mentre il neoeletto parlamento si è riunito venerdì, il leader dell’Alleanza Democratica (DA) John Steenhuisen ha affermato che il suo principale partito di opposizione guidato dai bianchi ha firmato formalmente un accordo di governo con l’ANC e parte di esso renderebbe Ramaphosa presidente.

    In uno scrutinio segreto poche ore dopo, durante una maratona di sessione parlamentare, Ramaphosa si è assicurato il suo secondo mandato con l’aiuto dei legislatori del procuratore distrettuale e di alcuni partiti minori. Il 71enne è stato rieletto dai suoi colleghi parlamentari con 283 voti, respingendo la sfida a sorpresa di Julius Malema, il leader acceso dell’estrema sinistra Economic Freedom Fighters (EFF), la cui candidatura ha ottenuto 44 voti.

    Ramaphosa ha definito l’accordo una “nuova nascita, una nuova era per il nostro Paese” e ha affermato che è giunto il momento che le parti “superino le loro differenze e lavorino insieme”.

    “Questo è ciò che faremo e questo è ciò che mi impegno a realizzare come presidente”, ha aggiunto Ramaphosa.

    L’Assemblea nazionale aveva precedentemente eletto un parlamentare del DA come vicepresidente, dopo aver scelto come portavoce un politico dell’ANC – il primo esempio concreto di condivisione del potere tra i due partiti.

    ‘Nuova era’

    L’accordo ha portato il Sudafrica in acque inesplorate. La politica nel paese è stata dominata dall’ANC da quando è salito al potere nelle elezioni del 1994 dopo la fine dell’apartheid.

    Ma il partito del defunto combattente per la libertà Nelson Mandela, a lungo considerato imbattibile alle elezioni nazionali, ha perso sostegno negli ultimi anni poiché gli elettori erano stanchi di livelli persistentemente elevati di povertà, disuguaglianza e criminalità, di continui tagli al potere e di corruzione nelle fila del partito.

    Ramaphosa presterà giuramento la prossima settimana a Pretoria e poi presenterà il suo nuovo gabinetto.

    “Si prevede che il presidente Ramaphosa farà una serie di concessioni quando nominerà i ministri del gabinetto, assegnando alcuni di questi incarichi ai partiti politici nella nuova partnership”, ha detto Fahmida Miller di Al Jazeera, riferendo da Città del Capo.

    “Molti sperano che questo compromesso con il sostegno di quello che era il più grande oppositore dell’ANC non avrà un costo elevato”.

    In precedenza il procuratore distrettuale si è spesso opposto alle politiche dell’ANC relative alle decisioni economiche, lavorative, sanitarie e di politica estera, compresi i diritti dei lavoratori alla posizione del Sud Africa a sostegno della Palestina.

    “Anche se non è realmente una questione di far rispettare legalmente l’accordo, l’accordo è parte del processo per costruire fiducia tra quelli che ora apparentemente diventeranno partiti di coalizione”, ha detto ad Al Jazeera l’esperto costituzionale Pierre de Vos.

    “Se funzionerà o meno, non lo sappiamo davvero.”

    La sessione del Parlamento è iniziata alle 10 di mattina nell’insolita cornice di un centro congressi vicino al lungomare di Città del Capo, dopo che lo storico edificio dell’Assemblea Nazionale della città fu distrutto da un incendio nel 2022. La Camera ha prima assistito al giuramento durato ore di centinaia di nuovi legislatori e eleggere un presidente e un vicepresidente.

    La votazione per la presidenza è iniziata a tarda notte, con i risultati annunciati ben dopo le 22. Ramaphosa ha terminato il suo discorso di accettazione mentre l’orologio ticchettava oltre la mezzanotte e fino a sabato.

    Il partito MK dell’ex presidente Jacob Zuma ha boicottato la sessione, ma ciò non ha influito sul voto poiché per raggiungere il quorum è necessario solo un terzo della Camera.

    Il segretario generale dell’ANC Fikile Mbalula ha detto che il partito è aperto a parlare con chiunque altro voglia unirsi al governo di unità nazionale. Ci sono 18 partiti politici rappresentati in parlamento e ha affermato che l’accordo multipartitico “darà priorità al Paese superando le divisioni politiche e ideologiche”.

    Alcuni partiti, compreso l’EFF di Malema, si sono rifiutati di aderire.

    Gli altri due partiti che hanno aderito all’accordo di coalizione sono stati l’Inkatha Freedom Party e l’Alleanza Patriottica, che ha attirato l’attenzione in parte perché il suo leader, Gayton McKenzie, ha scontato una pena detentiva per rapina in banca.

    McKenzie ha detto che gli è stata data una seconda possibilità nella vita e che anche il Sudafrica ne ha una adesso, la possibilità di risolvere i suoi profondi problemi socioeconomici.

    Giacobbe Zuma
    Jacob Zuma saluta i sostenitori nella cittadina di Soweto il 18 maggio [Jerome Delay/AP Photo]

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts