Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi COVID-19 e artrite reumatoide: come sono collegati?

COVID-19 e artrite reumatoide: come sono collegati?

0
4

Il COVID-19 è una malattia causata dal nuovo coronavirus SARS-CoV-2. Il virus è altamente infettivo e si diffonde attraverso le goccioline respiratorie nell’aria.

Chiunque può contrarre il nuovo coronavirus. Tuttavia, le persone con malattie autoimmuni come l’artrite reumatoide (RA) hanno maggiori probabilità di contrarre infezioni, incluso il COVID-19.

I trattamenti per l’AR possono anche influenzare il sistema immunitario, aumentando il rischio di COVID-19.

AVVERTIMENTO

L’AR viene spesso trattata con idrossiclorochina, un farmaco che si pensava avesse potenziali benefici per il COVID-19. Tuttavia, i funzionari sanitari hanno stabilito che l’idrossiclorochina è non efficace per il COVID-19. È stato riconosciuto che il farmaco può causare gravi effetti collaterali che coinvolgono il cuore.

Continua a leggere per sapere come COVID-19 colpisce l’AR e cosa puoi fare per proteggerti.

Come COVID-19 colpisce le persone con RA

L’AR è una malattia infiammatoria cronica. Coinvolge principalmente le articolazioni, ma può colpire anche altri tessuti. L’AR è il risultato del sistema immunitario che attacca erroneamente il corpo.

Di conseguenza, le persone con AR potrebbero essere più a rischio di COVID-19 rispetto ad altre. Se si verifica un’infezione, il sistema immunitario potrebbe essere compromesso nella lotta al virus.

Il rischio è maggiore per qualcuno con AR se:

  • sono un adulto anziano
  • avere altre condizioni mediche, come il diabete di tipo 2 o l’obesità
  • soffre di RA . grave e non gestita
  • sono stati precedentemente ricoverati in ospedale con un’infezione respiratoria

Questi fattori aumentano le possibilità di sviluppare complicanze più gravi di COVID-19.

Inoltre, l’AR viene talvolta trattata con farmaci chiamati immunosoppressori. Questi farmaci agiscono riducendo la risposta del sistema immunitario.

Gli immunosoppressori possono aiutare a gestire l’AR, ma potrebbero anche aumentare la suscettibilità alle malattie infettive.

L’AR può causare complicazioni che coinvolgono il cuore e i polmoni. Poiché COVID-19 è una malattia respiratoria, anche le persone con problemi cardiaci e polmonari hanno maggiori probabilità di avere sintomi gravi.

Il COVID-19 peggiorerà i sintomi dell’AR?

Gli scienziati stanno ancora studiando il legame tra COVID-19 e RA.

Tuttavia, le infezioni sono un noto innesco di razzi RA. Questo accade quando i sintomi aumentano di gravità. Se contrai il nuovo coronavirus e sviluppi il COVID-19, l’infezione può causare una riacutizzazione.

Affrontare l’infezione è anche emotivamente faticoso. Lo stress può aumentare l’attività della malattia e peggiorare i sintomi dell’AR.

Sintomi COVID-19 nelle persone con RA

Generalmente, se hai l’AR, i sintomi del COVID-19 sono simili a quelli di altre persone con COVID-19 che non hanno l’AR.

I sintomi più comuni includono:

  • febbre
  • tosse secca
  • fatica
  • fiato corto

I sintomi meno frequenti includono:

  • mal di testa
  • brividi
  • gola infiammata
  • dolori muscolari
  • perdita di appetito
  • nausea
  • vomito
  • diarrea
  • perdita dell’olfatto
  • perdita di gusto
  • confusione

È anche possibile avere dolori articolari, che è un sintomo più raro di COVID-19.

I sintomi di COVID-19 di solito si presentano in questo ordine

COVID-19 e idrossiclorochina

L’idrossiclorochina è un farmaco orale. Originariamente era usato per prevenire e curare la malaria. Oggi è approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) per il trattamento dell’AR.

Nel marzo 2020, la FDA ha emesso un autorizzazione all’uso di emergenza (EUA) consentendo l’uso dell’idrossiclorochina in alcune persone con COVID-19 solo se i professionisti medici potevano monitorarle o se fossero state arruolate in uno studio clinico con screening e monitoraggio appropriati.

Studi di laboratorio avevano riferito che l’idrossiclorochina potrebbe prevenire la crescita del nuovo coronavirus. Ci sono state anche alcune segnalazioni di persone con COVID-19 che assumevano il farmaco e stavano migliorando.

Si pensava che l’idrossiclorochina aiutasse perché ha un effetto antivirale che distrugge gli enzimi di cui il virus ha bisogno per infettare le cellule sane. La FDA ha continuato a esplorare la ricerca non appena è diventata disponibile.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha pubblicizzato l’idrossiclorochina per il COVID-19 poco prima dell’emissione dell’EUA. L’EUA ha anche permesso agli Stati di immagazzinare il farmaco per questo uso. Tutti questi fattori hanno portato a una carenza di idrossiclorochina.

Tuttavia, questi studi sono stati ritirati all’inizio di giugno. E il 15 giugno 2020, la FDA revocato l’EUA per l’idrossiclorochina. Ha concluso che il farmaco non è efficace per COVID-19.

In effetti, l’idrossiclorochina è stata associata a gravi problemi cardiaci nelle persone con COVID-19. La FDA ha stabilito che i potenziali rischi superano i benefici.

Inoltre, il sostegno di Trump all’idrossiclorochina faceva riferimento a un piccolo, mal progettato studio 2020.

Per diversi mesi, le persone con AR e altre condizioni autoimmuni hanno avuto difficoltà a ottenere i farmaci prescritti.

Ma la carenza è ora risolta, secondo la FDA.

Proteggersi da COVID-19 se si dispone di RA

Poiché alcuni farmaci per l’AR sopprimono il sistema immunitario, potresti chiederti se dovresti smettere di prenderli per proteggerti da COVID-19.

Ma è fondamentale continuare a prendere i farmaci come indicato. L’interruzione del farmaco può innescare una riacutizzazione. Ciò potrebbe causare gravi complicazioni, che richiedono ancora più farmaci.

Inoltre, quando hai una riacutizzazione, potresti avere un rischio maggiore di infezione.

Segui sempre le indicazioni del medico. Ti faranno sapere se dovresti cambiare o interrompere il farmaco.

Nel frattempo, segui le regole generali per la prevenzione del COVID-19:

  • Resta a casa ogni volta che puoi.

  • Evita i viaggi e le folle non essenziali.
  • Lavati regolarmente le mani con acqua e sapone per almeno 20 secondi.

  • Usa un disinfettante per le mani con almeno il 60% di alcol se acqua e sapone non sono disponibili.
  • Evita di toccarti occhi, naso e bocca con le mani non lavate.
  • Stai ad almeno 6 piedi di distanza dagli altri al di fuori della tua famiglia.
  • Indossa una maschera quando sei in pubblico.

  • Evita il contratto stretto con le persone malate.
  • Pulisci e disinfetta spesso le superfici toccate di frequente.

Puoi anche seguire i seguenti passaggi per assicurarti di avere abbastanza farmaci:

  • Chiedi al tuo medico una ricarica se sei dovuto o quasi dovuto.
  • Chiedi al tuo medico una fornitura di 90 giorni invece dei soliti 30 giorni.
  • Contatta altre farmacie se la tua posizione abituale è esaurita.

Quando vedere un dottore

Se pensi di avere il COVID-19, evita semplicemente di presentarti in ospedale. Se hai il virus, può diffondersi rapidamente ad altre persone.

Chiama invece il tuo medico di base o il reumatologo. Possono spiegare i passaggi successivi, a seconda dei sintomi.

Fissa un appuntamento telefonico o online quando possibile. Ciò ti consentirà di rimanere a casa ed evitare di esporre potenzialmente gli altri al virus.

EMERGENZA MEDICA

Fai attenzione ai sintomi gravi di COVID-19. Se noti i seguenti sintomi, chiama immediatamente il 118:

  • respirazione difficoltosa
  • dolore o pressione toracici persistenti
  • confusione
  • difficoltà a stare sveglio
  • labbra o viso bluastre

Assicurati di dire ai primi soccorritori al telefono che hai l’AR e sospetti COVID-19.

Trattamento COVID-19 e gestione dei sintomi

Ad oggi, non esiste una cura per il COVID-19. Invece, i trattamenti gestiscono i sintomi. Anche il trattamento varia notevolmente, a seconda dei sintomi specifici.

Se hai sintomi lievi, probabilmente ti riprenderai a casa. Ecco cosa puoi fare per gestire i sintomi:

  • Prendi un medicinale per la tosse da banco (OTC).
  • Prendi antidolorifici da banco.
  • Rimani idratato.

  • Riposati molto.

Ti verrà chiesto di rimanere a casa e di isolarti dalle persone della tua famiglia.

Se hai sintomi gravi, potresti aver bisogno di cure ospedaliere. Il tuo team sanitario creerà un piano di trattamento basato sui tuoi sintomi, età e salute generale.

prospettiva

Per le persone con AR, le prospettive di recupero da COVID-19 variano notevolmente. Secondo a Recensione 2020, la tua prospettiva dipende principalmente dalla tua età e da qualsiasi altra condizione che hai.

Le persone più anziane e con altre condizioni di salute hanno maggiori probabilità di avere una prospettiva scadente. Questo è particolarmente vero per le malattie cardiache. L’AR grave, che può portare a problemi cardiaci e polmonari, può anche portare a una cattiva prospettiva.

Ma puoi migliorare la tua prospettiva gestendo la tua RA e qualsiasi altra condizione di salute che hai.

Puoi anche migliorare ulteriormente la tua prospettiva evitando o limitando la tua esposizione al virus. Indossa una mascherina, mantieni il distanziamento fisico e lavati spesso le mani.

Porta via

Se hai l’AR, assicurati di prendere ulteriori misure per proteggerti da COVID-19. Potresti avere un rischio più elevato di contrarre il virus o di sviluppare sintomi gravi se sviluppi COVID-19. Questo è particolarmente vero se sei più vecchio o hai altri problemi di salute.

Gli scienziati stanno continuando a conoscere il legame tra COVID-19 e RA. Tuttavia, è meglio continuare a prendere i farmaci e seguire le linee guida generali per prevenire il COVID-19.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here