Costa d'Avorio afferma che il candidato presidenziale Soro ha pianificato un colpo di stato

0
58

ABIDJAN – Guillaume Soro, ex leader ribelle in Costa d'Avorio e candidato alle elezioni presidenziali del prossimo anno, potrebbe affrontare la vita in prigione per un presunto complotto di colpo di stato che prevedeva l'accumulo di armi, ha riferito giovedì il procuratore del paese.

Il pubblico ministero Adou Richard detiene un'immagine durante una conferenza stampa ad Abidjan, Costa d'Avorio, 26 dicembre 2019. REUTERS / Thierry Gouegnon

Le autorità ivoriane hanno emesso un mandato di arresto per Soro lunedì, spingendolo a annullare un ritorno a casa pianificato dopo mesi all'estero.

È probabile che il mandato aumenti le tensioni in vista delle elezioni dell'ottobre 2020 che sono viste come una prova della stabilità della Costa d'Avorio dopo due guerre civili dall'inizio del secolo.

Durante una conferenza stampa, il procuratore Richard Adou ha riprodotto una registrazione fatta dai servizi segreti ivoriani in cui Soro avrebbe potuto essere ascoltato mentre pianificava un colpo di stato.

"La pena per aver tentato un complotto contro la sicurezza dello stato è una condanna all'ergastolo", ha detto Adou, aggiungendo che l'inchiesta era in corso.

L'avvocato e portavoce di Soro, Affoussy Bamba Lamine, non ha negato l'autenticità della registrazione presentata dai pubblici ministeri, ma ha affermato che era del 2017 e incompleta. Ha detto in un video pubblicato su Facebook giovedì che il team di Soro avrebbe presto rilasciato una versione completa dell'audio.

Si ritiene che Soro sia in Europa, anche se la sua esatta ubicazione non è chiara. Ha denunciato il caso contro di lui come politicamente motivato.

"È solo in una dittatura che viene emesso un mandato di arresto contro un candidato elettorale", ha detto su Twitter mercoledì.

Finora, più di 15 persone sono state arrestate in relazione alle indagini, che includono le accuse di riciclaggio di denaro e di raccolta di armi illegali, ha affermato il procuratore.

"Ricerche di case delle parti accusate, tra cui Soro, armi scoperte come missili anticarro, giochi di ruolo (granate a propulsione spaziale), Kalashnikov e munizioni".

Soro, 47 anni, guidò i ribelli che non riuscirono a cacciare l'allora presidente Laurent Gbagbo nel 2002. Le forze di Soro installarono il presidente Alassane Ouattara durante una guerra civile che seguì le elezioni del 2010, in cui sia Gbagbo che Ouattara rivendicarono la vittoria.

Ouattara ha vinto la rielezione nel 2015 ma ha dato segnali contrastanti sul fatto che cercherà un terzo mandato, aggiungendo incertezza sul voto nella più grande economia dell'Africa occidentale francofona.

Soro mantiene la lealtà di molti ex comandanti ribelli che ricoprono posizioni senior nell'esercito. Ha servito per diversi anni come presidente dell'Assemblea nazionale, ma da allora è caduto in guerra con Ouattara.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here