Cosa sappiamo del nuovo ceppo COVID trovato in Sudafrica?

0
36

La scoperta di una nuova variante con un numero elevato di mutazioni solleva preoccupazioni sulle trasmissioni di COVID-19, innescando restrizioni di viaggio.

La nuova variante COVID-19, chiamata B.1.1.529, ha una costellazione di mutazioni molto insolita [File: Siphiwe Sibeko/Reuters]

Una nuova variante di COVID-19 rilevata in Sudafrica con un numero elevato di mutazioni ha sollevato preoccupazioni tra gli scienziati e ha innescato restrizioni di viaggio da parte di numerosi paesi tra i timori di trasmissione del coronavirus.

L’Istituto nazionale per le malattie trasmissibili (NICD) ha affermato che 22 casi positivi della nuova variante sono stati registrati nel paese a seguito del sequenziamento genomico. La notizia dell’annuncio è stata diffusa giovedì.

Il ministro della Sanità del Sudafrica Joe Phaahla ha affermato che la variante è alla base di un aumento “esponenziale” dei casi segnalati, rendendola “una grave minaccia”.

Cosa sappiamo della nuova variante?

In una dichiarazione di venerdì, l’OMS ha designato il nuovo ceppo di coronavirus come “variante di preoccupazione”, nominandolo “omicron” dopo una lettera dell’alfabeto greco.

Chiamata anche B.1.1.529, la variante ha una costellazione molto insolita di mutazioni, che sono preoccupanti perché potrebbero aiutarla a eludere la risposta immunitaria del corpo e renderla più trasmissibile, hanno detto gli scienziati.

Scienziati sudafricani hanno rilevato più di 30 mutazioni nella proteina spike, la parte del virus che aiuta a creare un punto di ingresso per il coronavirus per infettare le cellule umane.

Lawrence Young, un virologo dell’Università di Warwick, ha descritto l’omicron come “la versione più fortemente mutata del virus che abbiamo visto”, inclusi cambiamenti potenzialmente preoccupanti mai visti prima tutti nello stesso virus.

Tulio de Oliveira, direttore della piattaforma di sequenziamento di ricerca e innovazione KwaZulu-Natal, ha affermato che la variante ha sconcertato gli esperti. “Ha un grande salto nell’evoluzione, molte più mutazioni di quanto ci aspettassimo”, ha detto de Oliveira.

In confronto, la variante Beta e Delta hanno rispettivamente tre e due mutazioni. Quest’ultimo è nato in India e ha causato la devastante seconda ondata lo scorso anno.

“L’unica buona notizia è che può essere rilevata da un test PCR”, ha aggiunto de Oliveira.

I vaccini COVID-19 sono efficaci contro la nuova variante?

Gli scienziati sanno che l’omicron è geneticamente distinto dalle varianti precedenti, comprese le varianti Beta e Delta, ma non sanno se questi cambiamenti genetici lo rendano più trasmissibile o pericoloso. Finora, non ci sono indicazioni che la variante causi una malattia più grave.

I vaccini COVID-19 si basano sulla proteina spike originale del coronavirus, sollevando preoccupazioni sul fatto che la nuova proteina spike drammaticamente diversa potrebbe rendere i vaccini meno efficaci.

Maria Van Kerkhove, capo delle malattie emergenti e zoonosi dell’OMS, ha dichiarato giovedì che “la preoccupazione è che quando si hanno così tante mutazioni, può avere un impatto sul comportamento del virus”.

“Ci vorranno alcune settimane per capire quale impatto ha questa variante su eventuali vaccini”, ha aggiunto Van Kerkhove.

Qualsiasi nuova variante in grado di eludere i vaccini o di diffondersi più rapidamente della variante Delta ora dominante potrebbe rappresentare una minaccia significativa mentre il mondo emerge dalla pandemia.

Ma la professoressa Helen Rees, dell’African Regional Immunization Technical Advisory Group dell’OMS, ha esortato le persone a non farsi prendere dal panico.

“[Currently] stiamo cercando di identificare quanto sia ampiamente diffuso. Ci sarà molto lavoro su: è più trasmissibile? È associato a una maggiore gravità della malattia? Rende i vaccini meno efficaci?” Rees ha detto ad Al Jazeera.

“Nel frattempo, la nostra grande richiesta al mondo, in termini di vaccinazione della regione africana, è di portare i vaccini nella regione perché, come sappiamo, le varianti non rimangono in un paese”, ha aggiunto.

Rilevamento e risposta

La variante si è diffusa rapidamente nella provincia sudafricana di Gauteng, sede del polo economico Johannesburg e della capitale Pretoria.

Un totale di circa 50 casi confermati sono stati identificati in Sud Africa, Botswana, Hong Kong, Belgio e Israele. I casi confermati in Botswana, Hong Kong e Israele sono stati rilevati tra i viaggiatori dal Sudafrica.

In risposta, il Regno Unito ha vietato tutti i viaggi dal Sudafrica e da altre cinque nazioni dell’Africa meridionale, ovvero Botwsana, Eswatini, Lesotho, Namibia e Zimbabwe a partire da mezzogiorno ora locale di venerdì.

Israele ha anche annunciato giovedì che sta impedendo ai suoi cittadini di viaggiare in Sudafrica. Includeva anche Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia ed Eswatini nella sua lista di viaggi a più alto rischio.

Anche le nazioni dell’Unione Europea si sono mosse rapidamente venerdì per vietare i viaggi aerei dall’Africa meridionale e gli Stati Uniti hanno anche affermato che avrebbero vietato i viaggi dal Sudafrica e da altre sette nazioni africane da parte di cittadini non statunitensi a partire da lunedì.

I tassi di infezione sono aumentati?

Il numero di infezioni giornaliere nel paese più colpito dell’Africa è aumentato di 10 volte dall’inizio del mese.

Il NICD ha affermato che il numero di casi rilevati e la percentuale di risultati positivi stanno “aumentando rapidamente” in tre delle province del paese, tra cui Gauteng.

Il NICD non ha attribuito l’ultima rinascita alla nuova variante, anche se alcuni scienziati sospettano che possa essere la causa.

Mercoledì il numero giornaliero di infezioni nel Paese ha raggiunto quota 1.200, rispetto alle 106 di inizio mese.

Prima del rilevamento della nuova variante, le autorità avevano previsto una quarta ondata che avrebbe colpito il Sudafrica prima delle festività natalizie, a partire dalla metà di dicembre.

Il Sudafrica ha il più alto numero di pandemie in Africa con circa 2,95 milioni di casi, di cui 89.657 fatali.

L’anno scorso, la variante Beta del virus è emersa per la prima volta in Sudafrica, anche se fino ad ora i suoi numeri di infezione sono stati guidati da Delta.

Circa il 41% degli adulti in Sudafrica ha ricevuto almeno una dose, mentre il 35% è completamente vaccinato. Questi numeri sono molto al di sopra della media continentale del 6,6% delle persone vaccinate.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here