Chi è Viktor Medvedchuk, l’uomo principale di Putin in Ucraina?

0
10

Medvedchuk è stato recentemente catturato dalle forze ucraine dopo essere fuggite dagli arresti domiciliari subito dopo l’inizio della guerra.

Viktor Medvedchuk nella foto a destra, dopo la sua cattura dopo essere sfuggito agli arresti domiciliari, ea sinistra, in tempi meno tesi [Reuters]

Vinnytsia, Ucraina – Lo scorso maggio, il 67enne Viktor Medvedchuk, un politico ucraino vicino al presidente russo Vladimir Putin, è stato accusato di tradimento a Kiev, accusato di aver venduto segreti militari alla Russia e di aver saccheggiato le risorse naturali nella Crimea annessa.

È stato posto agli arresti domiciliari e Putin ha subito accusato Kiev di “aver epurato il campo politico da tutte le forze che si battono per una soluzione pacifica” della crisi Russia-Ucraina.

“Quindi, tutti coloro che lavorano con la Russia in Ucraina saranno ritenuti responsabili?” ha detto Putin, che è il padrino della figlia di Medvedchuk.

Il 28 febbraio di quest’anno, quattro giorni dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina, Medvedchuk è fuggito dagli arresti domiciliari.

La sua fuga senza ostacoli è stata vista come un segno di debolezza del governo del presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy nel caos e nell’incertezza dei primi giorni di guerra.

Ma le forze ucraine hanno contrastato la guerra lampo di Putin e i servizi di intelligence hanno continuato a cercare Medvedchuk, il cui partito politico filorusso, Eurosceptic Opposition Platform – For Life, ha sospeso le operazioni un mese dopo la sua fuga.

INTERACTIVE_UCRAINA_CONTROL MAP DAY49_INTERACTIVE Russia Ucraina Guerra Chi controlla cosa Giorno 49
(Al Jazeera)

Martedì, Zelenskyy ha annunciato in un post su Twitter che Medvedchuk era stato arrestato dopo una “operazione alla velocità della luce” dal servizio di sicurezza ucraino.

Il post includeva una foto del Medvedchuk ammanettato, pallido e arruffato con un’uniforme militare che calzava male; in passato lo si vedeva spesso in abiti su misura e con il sorriso sulle labbra.

La trasformazione di Medvedchuk da braccio destro di Putin in latitante è diventata un perfetto contrappunto della metamorfosi politica e ideologica dell’Ucraina.

Le forze politiche filo-mosca e filo-occidentali avevano polarizzato l’ex nazione sovietica di 43 milioni, dove un terzo della popolazione parla ancora russo a casa. La mancanza di unità nelle sale del potere ha ostacolato le riforme, ha alimentato la corruzione e ha reso Medvedchuk il canale più potente dell’influenza di Mosca.

Da avvocato a uomo di Putin in Ucraina

Un avvocato dell’era sovietica criticato per la scarsa difesa dei dissidenti ucraini negli anni ’80, Medvedchuk è entrato in politica un decennio dopo dopo essersi unito e poi dirigere un partito socialista filo-Mosca.

All’inizio degli anni 2000, ha guidato l’amministrazione di Leonid Kuchma, un presidente filo-russo, e ha sviluppato l’immagine di un taciturno “cardinale grigio”.

Ha incontrato Putin per la prima volta nel 2003 e, un anno dopo, il presidente russo ha battezzato la figlia più giovane Darya in una cattedrale di San Pietroburgo.

Medvedchuk ha poi gestito la campagna elettorale di Victor Yanukovich, un candidato presidenziale ferocemente filo-Mosca.

La vittoria di Yanukovich nel voto del 2004 ha dato il via alla Rivoluzione arancione, la prima rivolta filo-occidentale dell’Ucraina, i cui organizzatori hanno accusato Medvedchuk di truccare il voto.

Fu anche soprannominata la “battaglia dei tre vincitori”, perché il principale rivale di Yanukovich era Viktor Yushchenko, il cui volto era stato sfigurato dopo quello che, secondo lui, era un avvelenamento con diossina orchestrato dal Cremlino.

Il presidente russo Vladimir Putin e il politico ucraino Viktor Medvedchuk
Il presidente russo Putin e Viktor Medvedchuk visitano il monastero della Resurrezione della Nuova Gerusalemme in Istria, fuori Mosca, Russia, nel 2017 [Alexei Nikolsky/Sputnik/Kremlin via Reuters]

La successiva vittoria dell’anti-russo Viktor in un ballottaggio ripetuto ha segnato la caduta temporanea di Medvedchuk dall’Olimpo politico. Non è riuscito a essere rieletto come legislatore e il suo partito politico ha votato miseramente.

Ma iniziò a mettere insieme un impero dei media che alla fine avrebbe incluso tre reti televisive e una serie di pubblicazioni.

L’ex protetto di Medvedchuk, Yanukovych, ha vinto il voto presidenziale del 2010, ma Medvedchuk è stato in gran parte messo da parte.

È rimasto l’uomo principale di Putin e ha riguadagnato influenza dopo che Yanukovich è stato rovesciato nel 2014 dalla seconda rivolta filo-occidentale dell’Ucraina, nota come Rivoluzione della dignità.

Medvedchuk ha finanziato Opposition Platform – For Life, il più grande partito filo-russo, che ha schierato un candidato nel voto presidenziale del 2018.

Ha visitato il Cremlino per promuovere il candidato, Yuri Boyko, innescando una tempesta politica in Ucraina. Ma Boyko è arrivato quarto e Zelenskyy ha vinto con uno sbalorditivo 73%.

In un’elezione parlamentare un anno dopo, il partito di Medvedchuk vinse 44 seggi nella Verkhovna Rada da 450 seggi, la camera bassa del parlamento ucraino, diventando la più grande fazione contraria al partito dei dipendenti pubblici di Zelenskyy.

Il partito di Medvedchuk ha resistito agli sforzi di “de-comunizzazione” dell’Ucraina per rimuovere monumenti e simboli dell’era sovietica e si è opposto alla “legge sulla lingua” che limitava l’uso del russo nei mass media e nella vita pubblica.

Medvedchuk ha rafforzato la presenza mediatica del partito attraverso le sue reti televisive, che si sono astenute dal lodare direttamente il Cremlino.

Ma i loro ancore hanno spesso descritto il conflitto di Kiev con i separatisti sostenuti dalla Russia come una “guerra civile”, hanno affermato che la popolazione della Crimea ha sostenuto l’annessione del 2014 e ha chiesto il ripristino del commercio con Mosca.

Il partito ha anche pagato per storie in altri punti vendita, ha affermato un monitor dei media nel 2018. Medvedchuk ha “commesso” circa un terzo dei resoconti dei media online che contenevano forti segni di pregiudizio, ha affermato l’Institute of Mass Information.

Lui e i suoi più stretti alleati sono stati sanzionati nel 2021 da Zelenskyy, che ha anche congelato i loro beni e chiuso le sue reti televisive.

Se processato e condannato, Medvedchuk rischia fino a 15 anni di carcere. Tuttavia, Zelenskyy ha detto che preferirebbe scambiarlo con prigionieri di guerra ucraini.

“Propongo alla Federazione Russa di scambiare questo tuo ragazzo con i nostri ragazzi e le nostre ragazze che ora sono in cattività russa”, ha detto Zelenskyy in un indirizzo video, pubblicato su Telegram.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here