Centinaia di proteste in Giordania contro l’accordo acqua-energia con Israele

0
28

I critici affermano che l’accordo lascia la Giordania dipendente da Israele senza fornire una soluzione ai problemi idrici del paese.

Proteste in Giordania [Hanna Davis/Al Jazeera]
L’accordo intende affrontare il disperato bisogno di acqua della Giordania e l’obiettivo di Israele di espandere il suo mix di energie rinnovabili [Hanna Davis/Al Jazeera]

Amman, Giordania – Centinaia di persone si sono radunate nella capitale giordana per protestare contro un accordo acqua-energia tra Giordania e Israele.

L’accordo, se attuato, sarebbe uno dei più grandi progetti di cooperazione da quando i paesi hanno firmato un accordo di pace 27 anni fa.

In base all’accordo, la Giordania riceverà 200 milioni di metri cubi (7,06 miliardi di piedi cubi) di acqua desalinizzata da Israele, in cambio di 600 megawatt di elettricità generata da un impianto di energia solare finanziato dagli Emirati Arabi Uniti in Giordania.

I giordani alla protesta di venerdì hanno respinto l’accordo, affermando che si è mosso verso la normalizzazione dei legami con Israele mentre continua ad occupare i territori palestinesi. Gli oppositori hanno anche avvertito che l’accordo costringerebbe la Giordania a dipendere dal suo vicino.

“Abbiamo il diritto di vivere; I palestinesi hanno il diritto di vivere”, ha detto ad Al Jazeera Nasreen, una manifestante. “Noi, giordani, sosteniamo la Palestina e ci teniamo alla Giordania, ecco perché siamo qui oggi”.

Nasreen ha tenuto un poster realizzato dai suoi tre figli. “Si tratta di essere UMANI”, recitava il poster.

La “dichiarazione di intenti” del progetto è stata firmata lunedì a Dubai dal ministro dell’acqua giordano, dal ministro dell’energia israeliano e dal ministro per il cambiamento climatico degli Emirati Arabi Uniti, alla presenza dell’inviato statunitense per il clima John Kerry.

“Non ci fidiamo dell’occupazione”, ha detto ad Al Jazeera il membro del parlamento giordano Saleh al-Armouti, riferendosi a Israele. “Se l’occupazione israeliana firma un accordo, di solito non fa quanto dichiarato”.

La polizia giordana martedì ha arrestato 16 studenti universitari che stavano protestando pacificamente contro l’accordo, secondo Fadi e Fuad Yousef, il cui fratello Yanal Yousef è stato arrestato.

“Mio fratello è andato con i suoi amici per protestare contro la decisione ed è stato arrestato. Ora è in prigione”, ha detto Fadi ad Al Jazeera.

Secondo Fadi, sono stati detenuti per “violazione dell’ordine pubblico”.

Giordania protesta 3 [Hanna Davis/Al Jazeera]L’accordo, se attuato, sarebbe uno dei più grandi progetti di cooperazione da quando Giordania e Israele hanno firmato un accordo di pace [Hanna Davis/Al Jazeera]

Scarsità d’acqua

L’accordo intende affrontare il disperato bisogno di acqua della Giordania e l’obiettivo di Israele di espandere il proprio mix di energie rinnovabili.

Israele ha drasticamente aumentato la sua capacità di desalinizzazione dell’acqua e la Giordania ha vaste aree desertiche adatte ad impianti di energia solare.

Il portavoce del ministero dell’Acqua Omar Salameh ha affermato in una dichiarazione che l’idea del progetto nasce dalla crescente domanda giordana di risorse idriche permanenti, esacerbata dalla crescita della popolazione del regno negli ultimi anni.

La Giordania è attualmente il secondo paese al mondo per paura dell’acqua, secondo l’UNICEF. Secondo un recente rapporto di Laboratory News, la sua fornitura di acqua pro capite dovrebbe essere dimezzata entro la fine del secolo.

La visione del progetto è nata nel 2015 da EcoPeace Middle East, una ONG ambientale regionale.

“Ora dobbiamo davvero concentrarci sulla lotta ai cambiamenti climatici insieme”, ha detto ad Al Jazeera il direttore di EcoPeace in Giordania Yana Abu Taleb.

“Dobbiamo ricostruire sane interdipendenze. Dobbiamo guardare a progetti di cooperazione come questo, a beneficio della nostra gente, per far fronte alla terribile situazione idrica in cui ci troviamo come Paese in questo momento”, ha affermato.

Benefici ambientali o guadagni politici?

“L’accordo non riguarda l’acqua, ma una decisione politica”, ha detto al-Armouti.

Il capo dell’Unione ambientale giordana, Omar Sushan, ha affermato che l’accordo è “un progetto politico”.

“Non puoi giustificare questo progetto dal cambiamento climatico; questo è un progetto di normalizzazione”, ha detto ad Al Jazeera.

“Dobbiamo rafforzare la nostra rete idrica nazionale, sensibilizzare l’opinione pubblica sulla gestione dell’acqua e utilizzare nuovi metodi di irrigazione in Giordania. Questa è la nostra opzione strategica. Non possiamo fare affidamento su Israele”, ha detto Sushan.

Rund Awwad, un ingegnere specializzato in energie rinnovabili e politica energetica in Giordania, ha dichiarato: “Non vedo questo accordo spuntare alcuna casella per raggiungere la sicurezza energetica e idrica… Questo è più un accordo politico, non riguarda la fattibilità o la strategia.”

Awwad ha sottolineato i molti “rischi nascosti e indiretti” coinvolti nella costruzione di un enorme campo di energia solare.

Il progetto utilizzerà una “enorme quantità” di terra giordana, ha affermato. “Preferirei usare [the land] per progetti strategici che andrebbero a beneficio della Giordania”.

Ha anche notato che i 200 milioni di metri cubi da fornire alla Giordania nell’ambito dell’accordo sono “un numero molto modesto rispetto alla capacità delle risorse idriche in Giordania”.

Awwad ha affermato che ci sono molti altri metodi più sostenibili ed efficaci per affrontare la scarsità d’acqua in Giordania.

Ad esempio, i finanziamenti per il clima potrebbero essere utilizzati per migliorare la capacità di stoccaggio dell’acqua del regno o per costruire il progetto di desalinizzazione del Mar Rosso della Giordania, noto come National Water Carrier Project, ha aggiunto.

Il ministero dell’Acqua giordano ha annunciato l’intenzione di implementare il National Water Carrier Project nel 2021, che fornirebbe circa 300 milioni di metri cubi (10,6 miliardi di piedi cubi) di acqua desalinizzata dalle rive del Mar Rosso ad Aqaba. Tuttavia, il progetto ha un costo stimato di circa due miliardi di dinari (2,8 miliardi di dollari) e ha dovuto affrontare recenti insidie ​​di finanziamento.

Jawad al-Anani, l’ex vice primo ministro giordano per gli affari economici, ha affermato che la fattibilità del National Water Carrier Project è “estremamente bassa” e sarà “estremamente costosa”.

Al-Anani ha fatto riferimento ai potenziali benefici di un accordo acqua-energia tra Israele e Giordania. “Dal punto di vista delle risorse, sembra un’ottima idea”, ha detto ad Al Jazeera.

Ha sottolineato il potenziale dell’accordo per sostenere un maggiore “equilibrio economico” tra Israele e Giordania: “Lo scambio assicura che se Israele, per qualsiasi motivo politico in futuro, deciderà di smettere di fornire a Israele gas o acqua, allora la Giordania ha la leva per ricambiare”.

Tuttavia, altri si chiedono se 600 megawatt di elettricità, da un impianto finanziato dagli Emirati Arabi Uniti, fornirebbero effettivamente alla Giordania questa leva.

Gli Emirati Arabi Uniti e Israele hanno firmato gli accordi di Abraham nel settembre 2020, che hanno consolidato la loro cooperazione economica e da allora hanno facilitato accordi multipli da miliardi di dollari tra i due paesi.

“Esso [the solar plant] è finanziato dagli Emirati per sostenere l’occupazione israeliana. Vogliono fare di Israele un punto di riferimento economico in Medio Oriente”, ha detto al-Armouti.

Commentando anche la decisione degli Emirati Arabi Uniti di finanziare l’impianto solare, Duried Mahasneh, presidente di EDAMA, una ONG ambientale in Giordania, ha dichiarato: “Capisco la buona volontà degli Emirati da [helping] fornire acqua alla Giordania, ma vorrei che ciò avvenisse attraverso il miglioramento della desalinizzazione ad Aqaba, non sulle coste israeliane”.

Ha aggiunto che mentre il progetto di desalinizzazione di Aqaba è costoso, impiegherebbe giordani.

“È anche la sostenibilità politica e ambientale che conta”, ha detto ad Al Jazeera.

Mahasneh, che era anche il co-presidente del Comitato congiunto per l’acqua di Giordania e Israele, ha notato la difficile storia degli accordi idrici della Giordania con Israele.

Ha fatto riferimento a una controversia nel 1999, quando Israele si rifiutò di fornire alla Giordania 25 milioni di metri cubi (882,9 milioni di piedi cubi) di acqua e il rifiuto dell’ex primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu di fornire alla Giordania otto milioni di metri cubi (282,5 milioni di piedi cubi) di acqua due anni fa.

“È più sicuro per la Giordania ottenere acqua desalinizzata per uso potabile … dalla Giordania, piuttosto che da Israele”, ha affermato.

La Giordania protesta 2 [Hanna Davis/Al Jazeera]I manifestanti sono scesi in piazza nel centro di Amman per manifestare contro l’accordo [Hanna Davis/Al Jazeera]

Al-Armouti ha sottolineato che l’accordo avrebbe dovuto essere presentato al parlamento. “Avrebbero dovuto presentarlo prima, ma fino ad ora non è stato presentato nulla”.

Ha indicato l’articolo 33 della costituzione giordana, che afferma che qualsiasi accordo che comporti impegni finanziari per il Tesoro non è valido se non approvato dall’Assemblea nazionale.

C’erano timori persistenti che il recente accordo sarà gestito in modo simile all’accordo sul gas del 2016, in cui la National Electric Power Company (NEPCO) della Giordania ha stipulato un accordo di 15 anni con Noble Energy per acquistare miliardi di dollari di gas naturale da Israele.

Nel 2019, la Corte costituzionale giordana ha stabilito che l’accordo sul gas non aveva bisogno dell’approvazione del Parlamento, dato che la società era interamente di proprietà del governo e quindi non era un’istituzione pubblica ufficiale né soggetta a discrezione pubblica.

Diversi legislatori mercoledì hanno chiesto un dibattito pubblico “urgente” per discutere il documento di dichiarazione di intenti.

“Se la gente lo contesta [the recent agreement] e non c’è sostegno popolare”, ha detto Jawad al-Anani, “allora la domanda è: a che serve la riforma politica se non si rispetta la volontà del popolo?”

Il portavoce del ministero dell’Acqua giordano è stato chiaro nel notare in una dichiarazione che la dichiarazione “non è un accordo tecnico o legale”.

Il ministro dell’Acqua giordano Mohammad al-Najjar ha dichiarato in una conferenza stampa che gli studi di fattibilità per il progetto acqua per energia inizieranno nel 2022.

Al-Najjar ha aggiunto che se il progetto sarà ritenuto fattibile, “entreranno in trattative per firmare accordi e non firmeranno alcun accordo in alcun modo, fino a quando non lo annunceremo al Parlamento, ai notabili, ai cittadini e a tutta la stampa e i media”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here