spot_img
More
    spot_img
    HomeMondoBeryl tocca terra come uragano di categoria 4 su un'isola vicino a...

    Beryl tocca terra come uragano di categoria 4 su un’isola vicino a Grenada

    -

    Il primo uragano della stagione atlantica del 2024 si abbatte su Carriacou, che fa parte di Grenada, tra avvertimenti di “condizioni pericolose per la vita”.

    Berillo
    Un albero caduto sulla strada mentre l’uragano Beryl passa da Bridgetown, Barbados [Chandan Khanna/AFP]

    L’uragano Beryl, la prima tempesta della stagione atlantica del 2024, si è abbattuto sull’isola caraibica di Carriacou, che fa parte di Grenada, come una potente tempesta di categoria 4, afferma il National Hurricane Center.

    “L’occhio di #Beryl ha toccato terra sull’isola di Carriacou”, ha scritto lunedì l’NHC su X, avvisando i residenti in un bollettino separato di “condizioni pericolose per la vita” e che “i venti aumenteranno rapidamente all’interno dell’occhio”.

    Carriacou è una delle isole di Grenada, dove, secondo le autorità, i venti sono aumentati fino a 240 km/h (150 mph), facendo saltare i tetti e causando altri danni.

    Sono stati emanati avvisi di allerta uragano per Barbados, Grenada, Tobago e Saint Vincent e Grenadine, mentre migliaia di persone si sono rintanate nelle loro case e nei rifugi.

    L’ultimo uragano di forte intensità a colpire i Caraibi sudorientali è stato l’uragano Ivan 20 anni fa, che ha ucciso decine di persone a Grenada.

    Un avviso di tempesta tropicale era in vigore per Santa Lucia, Martinica e Trinidad. Un avviso di tempesta tropicale è stato emesso per l’intera costa meridionale di Haiti e da Punta Palenque nella Repubblica Dominicana a ovest fino al confine con Haiti. Un avviso di uragano è stato emesso per la Giamaica.

    I meteorologi hanno lanciato l’allarme: nelle aree in cui Beryl ha toccato terra si verificherà un’ondata di tempesta pericolosa per la vita, alta fino a 3 metri, con 76-150 mm di pioggia per Barbados e le isole vicine e forse 250 mm in alcune aree, soprattutto a Grenada e nelle Grenadine.

    Si prevedeva che la tempesta si sarebbe indebolita leggermente sul Mar dei Caraibi, seguendo un percorso che l’avrebbe portata appena a sud della Giamaica e in seguito verso la penisola messicana dello Yucatan, come tempesta di categoria 1.

    “Va sottolineato che si prevede che Beryl rimarrà un uragano significativo durante tutto il suo percorso attraverso la regione caraibica”, ha affermato il National Hurricane Center.

    I funzionari di alcune isole caraibiche sudorientali hanno annunciato interruzioni controllate dell’elettricità e hanno avvisato di interruzioni idriche prima della tempesta, esortando le persone a cercare riparo. Hanno avvertito di frane e inondazioni improvvise mentre scuole, aeroporti e uffici governativi erano chiusi.

    Barbados
    Le persone fanno la fila in un negozio di ferramenta mentre si preparano all’arrivo dell’uragano Beryl a Bridgetown, Barbados [File: Chandan Khanna/AFP]

    Beryl ha accumulato la sua forza grazie alle acque calde da record, che ora sono più calde di quanto non sarebbero nel periodo di massimo splendore della stagione degli uragani a settembre, ha affermato.

    Secondo Philip Klotzbach, ricercatore sugli uragani della Colorado State University, si è verificato anche il punto più a est in cui un uragano si è formato nell’Atlantico tropicale nel mese di giugno, battendo il record stabilito nel 1933.

    Tra coloro che hanno resistito alla tempesta c’era Jaswinderpal Parmar di Fresno, California, che si era recato a Barbados per la finale della Coppa del Mondo Twenty20 di sabato, il più grande evento di cricket nel suo formato più breve. Lui e la sua famiglia sono rimasti bloccati lì con decine di altri fan perché i loro voli sono stati cancellati domenica.

    Ha detto al telefono che era la prima volta che si imbatteva in un uragano, con forti piogge a partire da mezzanotte. Lui e la sua famiglia hanno pregato, oltre a ricevere telefonate da amici e parenti preoccupati provenienti da posti lontani come l’India.

    “Non siamo riusciti a dormire la notte scorsa”, ha detto Parmar, 47 anni. “Lo tenevamo d’occhio”.

    Related articles

    Stay Connected

    0FansLike
    0FollowersFollow
    0FollowersFollow
    0SubscribersSubscribe
    spot_img

    Latest posts