Australia e Giappone firmano un patto di difesa “storico” tra le preoccupazioni della Cina

0
69

Il Trattato è solo il secondo patto di difesa del Giappone e arriva tra le preoccupazioni globali per la crescente potenza economica e militare della Cina.

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida (a destra) e il primo ministro australiano Scott Morrison mostrano i documenti firmati durante la cerimonia di firma video dell’accordo bilaterale di accesso reciproco presso la residenza ufficiale di Kishida a Tokyo, in Giappone, il 6 gennaio 2022 [Issei Kato/Pool via Reuters]

I leader di Australia e Giappone hanno firmato uno “storico” trattato di difesa che, secondo il primo ministro australiano Scott Morrison, “contribuirà a un Indo-Pacifico sicuro e stabile” mentre la Cina espande il suo peso militare ed economico nella regione.

Il trattato è stato firmato giovedì durante un vertice virtuale tra Morrison e il suo omologo australiano, Fumio Kishida.

Chiamato l’Accordo di Accesso Reciproco (RAA), il trattato è solo il secondo accordo del genere del Giappone.

Il suo unico altro patto militare è con gli Stati Uniti, uno status di accordo di forza che risale al 1960.

Morrison ha definito la firma della RAA un “momento cruciale per Australia e Giappone” che “costituirà una parte importante” della risposta dei due paesi all'”incertezza che ora dobbiamo affrontare”.

Il trattato “sosterà anche un impegno maggiore e più complesso nell’operatività tra l’Australia Defence Force e le Japan Self-Defense Forces”, ha affermato.

La firma della RAA segue più di un anno di colloqui e l’agenzia di stampa giapponese Kyodo ha affermato che il patto faciliterà le esercitazioni congiunte, il dispiegamento più rapido del personale militare giapponese e australiano e ridurrà le restrizioni sul trasporto di armi e rifornimenti per l’addestramento congiunto e il disastro operazioni di soccorso.

Kishida ha salutato l’accordo come “uno strumento fondamentale che eleverà la cooperazione in materia di sicurezza tra le nazioni a nuovi livelli”.

Kyodo ha affermato che il Giappone cercherà anche di firmare un tale patto con il Regno Unito e la Francia poiché i due paesi europei “hanno aumentato la cooperazione in materia di difesa con Tokyo in risposta a una Cina sempre più assertiva”.

Gli analisti hanno affermato che l’accordo ha riconosciuto l’importanza di stabilire solide partnership di difesa per scoraggiare Pechino.

“Il Giappone si sta allontanando dai suoi vincoli costituzionali del dopoguerra sull’uso della forza militare perché Tokyo riconosce le sfide che sta affrontando dalla Cina”, ha affermato Malcom Davis, analista senior presso l’Australian Strategic Policy Institute.

“C’è una disputa territoriale tra Cina e Giappone”, ha detto all’emittente Sky News, “e più significativamente c’è una crescente preoccupazione che la Cina farà una mossa su Taiwan nei prossimi anni”.

Ali Wyne, analista senior di Eurasia Group, ha dichiarato all’agenzia di stampa AFP che il trattato sottolinea anche lo slancio del Quad, un gruppo informale che comprende Giappone, Australia, India e Stati Uniti.

Il Quad è stato formato per la prima volta nel 2007, ma ha scartato i piani per esercitazioni militari congiunte di fronte alle critiche della Cina. Ma il gruppo ha intensificato le sue attività nel 2020, tenendo per la prima volta esercitazioni militari congiunte, tra le preoccupazioni per le azioni di Pechino.

Wyne ha detto che la Cina “probabilmente lancerà” [the RAA] come ulteriore prova che le democrazie industriali avanzate cercano di ostacolarne la rinascita”.

Nessun commento immediato da Pechino sul nuovo patto.

Alla domanda sul trattato durante un briefing regolare mercoledì, il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin ha affermato che “l’Oceano Pacifico è abbastanza vasto per lo sviluppo comune dei paesi della regione”.

“Gli scambi e la cooperazione da stato a stato dovrebbero favorire il rafforzamento della comprensione e della fiducia reciproche tra i paesi della regione e la salvaguardia della pace e della stabilità regionali, piuttosto che prendere di mira o minare gli interessi di terzi”, ha affermato.

“Speriamo che il Pacifico sia un oceano di pace, non un luogo in cui agitare le onde”.

La firma del trattato Australia-Giappone arriva mesi dopo che Canberra ha annunciato la formazione di una nuova alleanza con gli Stati Uniti e il Regno Unito: l’AUKUS.

L’alleanza, formata a settembre, consentirà ai sottomarini a propulsione nucleare australiani di utilizzare la tecnologia statunitense.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here