Arrestato in India il presunto creatore di un’app che “vendeva” donne musulmane

0
103

Si sospetta che una studentessa di ingegneria, 20 anni, sia dietro l’app “Bulli Bai” che ha messo “in vendita” più di 100 donne musulmane.

Funzionari di polizia scortano Niraj Bishnoi attraverso l’aeroporto di Nuova Delhi dopo che è stato arrestato con l’accusa di aver creato un’app online che condivideva immagini di donne musulmane per un'”asta” virtuale [Reuters]

La polizia indiana afferma di aver arrestato un uomo di 20 anni che sospettano abbia creato un’app online che condivideva immagini di donne musulmane per una “asta” virtuale, mentre l’indagine sul caso di odio religioso si allarga.

Un’app open source sulla piattaforma Github di proprietà di Microsoft chiamata “Bulli Bai” – un termine dispregiativo per descrivere le donne musulmane – aveva condiviso le foto di dozzine di donne senza il loro consenso prima di essere rimossa una settimana fa.

KPS Malhotra, un funzionario di polizia nella capitale, Nuova Delhi, ha detto giovedì che la sua squadra ha arrestato Niraj Bishnoi, uno studente di ingegneria di 20 anni, di Jorhat, nello stato nord-orientale dell’Assam, dopo un’indagine che ha coinvolto l’azienda statale Computer. Squadra di pronto intervento.

“È la persona che ha creato l’app Bulli Bai su Github. Aveva anche creato l’handle di Twitter @bullibai_ e altri handle”, ha detto Malhotra.

La polizia della città occidentale di Mumbai, che sta indagando anche sull’app, questa settimana ha arrestato separatamente tre persone, tra cui due studenti di ingegneria di 21 anni – Vishal Kumar e Mayank Rawal – e Shweta Singh, una donna di 19 anni .

La polizia di Mumbai ha affermato che stava indagando se l’app, che non prevedeva alcuna vendita all’asta di persone, fosse parte di una “cospirazione più ampia”.

‘Assolutamente agghiacciante’

Diversi giornalisti musulmani indiani sono stati presi di mira dall’app, tra cui Ismat Ara che domenica ha presentato e poi condiviso sui social media una denuncia alla polizia secondo cui l’app era “progettata per insultare le donne musulmane”.

“Dopo l’arresto di oggi da parte di @DelhiPolice, spero che i colpevoli dietro questa elaborata molestia alle donne musulmane, comprese le giornaliste come me, alla fine vengano catturati e puniti”, ha detto Ara in un tweet giovedì.

Reporters sans frontières (RSF) ha descritto l’app come “assolutamente agghiacciante” e ha esortato le autorità indiane ad agire.

“Non fare nulla significherebbe tollerare una forma estremamente violenta di molestia, una forma di intimidazione che discrimina un intero settore della comunità giornalistica ed espone coloro che sono presi di mira a potenziali attacchi fisici”, ha affermato Daniel Bastard di RSF.

Singh, il più giovane degli arrestati finora nel caso dell’app ‘Bulli Bai’, viene dallo stato dell’Uttarakhand, nel nord dell’India.

La diciannovenne ha iniziato a passare del tempo sui social media e ha preso contatto con utenti di destra indù dopo aver terminato gli esami di maturità lo scorso anno, ha detto all’agenzia di stampa Reuters un funzionario della polizia locale che ha parlato con lei all’inizio di questa settimana.

Il funzionario, che ha rifiutato di essere nominato, ha detto che Singh gli aveva detto che le sue azioni erano basate sull’ideologia di destra indù, che aveva raccolto su piattaforme di social media, tra cui Facebook, WhatsApp e Twitter.

“È venuta sui social media per distrarsi, ma ha continuato a rimanervi impigliata”, ha detto il funzionario.

I musulmani, che rappresentano circa il 14% della popolazione indiana di 1,3 miliardi, hanno assistito a un aumento dell’odio religioso e della violenza da quando il primo ministro Narendra Modi è salito al potere nel 2014 ed è stato rieletto con una maggioranza più ampia nel 2019.

Nel luglio dello scorso anno, un’app simile, chiamata “Sulli Deals”, sempre su GitHub, aveva messo “in vendita” quasi 80 donne musulmane. In quel caso non sono ancora stati effettuati arresti.

Molte donne che sono apparse su entrambe le app in passato hanno rilasciato dichiarazioni critiche sull’ascesa del nazionalismo indù e sul trattamento delle minoranze in India.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here