Abdul Qadeer Khan: eroe nucleare in Pakistan, cattivo in Occidente

0
13

Venerato in Pakistan, Khan era visto da West come un pericoloso rinnegato per il contrabbando di tecnologia nucleare in altri paesi.

Abdul Qadeer Khan, venerato come il padre della bomba nucleare pakistana, è morto a 85 anni, secondo quanto riportato dall’emittente statale PTV il 10 ottobre 2021 [File: Aamir Qureshi/AFP]

Abdul Qadeer Khan, venerato come il padre del programma nucleare del Pakistan, è morto domenica.

È stato lodato in Pakistan per averlo trasformato nella prima potenza nucleare islamica al mondo. Ma è stato visto dall’Occidente come un pericoloso rinnegato responsabile del contrabbando di tecnologia verso stati canaglia.

Lo scienziato nucleare è morto a 85 anni nella capitale, Islamabad, dopo essere stato recentemente ricoverato in ospedale con COVID-19.

È stato visto come un eroe nazionale per aver portato il paese alla pari con i vicini dell’India nel campo atomico e aver reso le sue difese “inespugnabili”.

Ma si è trovato nel mirino delle polemiche quando è stato accusato di aver proliferato illegalmente la tecnologia nucleare in Iran, Libia e Corea del Nord.

Khan è stato posto agli arresti domiciliari effettivi a Islamabad nel 2004 dopo aver ammesso di aver gestito una rete di proliferazione nei tre paesi.

Nel 2006 gli è stato diagnosticato un cancro alla prostata, ma si è ripreso dopo un intervento chirurgico.

Un tribunale ha posto fine ai suoi arresti domiciliari nel febbraio 2009, ma i suoi movimenti erano rigorosamente sorvegliati ed era accompagnato dalle autorità ogni volta che lasciava la sua casa in un settore esclusivo della verdeggiante Islamabad.

Il personale di sicurezza fa la guardia vicino alla residenza del defunto scienziato nucleare pakistano Abdul Qadeer Khan dopo la sua morte [Aamir Qureshi/AFP]

Contributo cruciale

Nato a Bhopal, in India, il 1 aprile 1936, Khan era solo un ragazzino quando la sua famiglia emigrò in Pakistan durante la sanguinosa spartizione del subcontinente del 1947 alla fine del dominio coloniale britannico.

Ha completato una laurea in scienze all’Università di Karachi nel 1960, quindi ha studiato ingegneria metallurgica a Berlino prima di completare studi avanzati nei Paesi Bassi e in Belgio.

Il contributo cruciale al programma nucleare del Pakistan è stato l’acquisizione di un progetto per le centrifughe di uranio, che trasformano l’uranio in combustibile per armi per materiale fissile nucleare.

Fu accusato di averlo rubato dai Paesi Bassi mentre lavorava per il consorzio di ingegneria nucleare anglo-olandese-tedesco Urenco, e di averlo riportato in Pakistan nel 1976.

Al suo ritorno in Pakistan, l’allora primo ministro Zulfikar Ali Bhutto ha incaricato Khan del nascente progetto di arricchimento dell’uranio del governo.

Nel 1978, la sua squadra aveva arricchito l’uranio e nel 1984 erano pronti a far esplodere un ordigno nucleare, ha detto in seguito Khan in un’intervista a un giornale.

Il test nucleare del 1998 ha visto il Pakistan schiaffeggiato con sanzioni internazionali e ha mandato la sua economia in caduta libera.

L’aura di Khan ha cominciato a affievolirsi nel marzo 2001 quando l’allora presidente Pervez Musharraf, secondo quanto riferito sotto la pressione degli Stati Uniti, lo ha rimosso dalla presidenza dei Kahuta Research Laboratories e lo ha nominato consigliere speciale.

Ma l’establishment nucleare pakistano non si sarebbe mai aspettato di vedere il suo eroe più venerato sottoposto a interrogatorio.

La mossa è arrivata dopo che Islamabad ha ricevuto una lettera dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica, un cane da guardia delle Nazioni Unite, contenente accuse secondo cui gli scienziati pakistani erano la fonte di conoscenze nucleari svendute.

Khan ha detto in un discorso al Pakistan Institute of National Affairs nel 1990 che aveva rapporti sui mercati mondiali durante lo sviluppo del programma nucleare del Pakistan.

“Non è stato possibile per noi realizzare ogni singolo pezzo di attrezzatura all’interno del paese”, ha affermato.

“Ho salvato il Paese”

Khan è stato graziato da Musharraf dopo la sua confessione, ma in seguito ha ritrattato le sue osservazioni.

“Ho salvato il paese per la prima volta quando ho reso il Pakistan una nazione nucleare e l’ho salvato di nuovo quando ho confessato e mi sono preso tutta la colpa su me stesso”, ha detto Khan all’agenzia di stampa AFP in un’intervista nel 2008 mentre era agli arresti domiciliari.

Lo scienziato credeva nella difesa nucleare come il miglior deterrente.

Dopo che il Pakistan ha effettuato test atomici nel 1998 in risposta ai test dell’India, Khan ha affermato che il Pakistan “non ha mai voluto fabbricare armi nucleari, è stato costretto a farlo”.

Quasi un decennio fa, Khan tentò la fortuna nell’arena politica, formando un partito – il Tehreek-e-Tahafuz Pakistan (Movimento per la salvezza del Pakistan) – nel luglio 2012 nella speranza di vincere voti sulla base del rispetto che ancora gode in Pakistan .

Ma lo sciolse un anno dopo, dopo che nessuno dei suoi 111 candidati aveva vinto un seggio alle elezioni nazionali.

Khan ha anche suscitato una nuova polemica nello stesso anno quando, in un’intervista al quotidiano urdu Daily Jang, ha affermato di aver trasferito la tecnologia nucleare in due paesi sotto la direzione del primo ministro ucciso Benazir Bhutto.

Non ha nominato i paesi, né ha detto quando Bhutto, il premier due volte eletto assassinato nel 2007, avrebbe presumibilmente emesso gli ordini.

“Non ero indipendente, ma ero tenuto a rispettare gli ordini del primo ministro”, ha detto.

Il Pakistan Peoples Party della Bhutto ha negato l’affermazione come “infondata e infondata”.

Nessuna delle controversie sembra aver intaccato la popolarità di Khan, anche anni dopo.

Scriveva regolarmente editoriali, spesso predicando il valore di una formazione scientifica, per il popolare gruppo di giornali Jang.

Molte scuole, università, istituti e ospedali di beneficenza in tutto il Pakistan prendono il nome da lui, il suo ritratto decora le loro insegne, articoli di cancelleria e siti web.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here