Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi 7 migliori (e peggiori) integratori naturali per la tua scorta di latte

7 migliori (e peggiori) integratori naturali per la tua scorta di latte

0
60

Stai aumentando la tua scorta? O stai cercando di asciugarlo? Ci sono erbe e integratori naturali che possono fare entrambe le cose. Questo doula postpartum vuole essere sicuro di utilizzare quelli giusti.

Illustrazione di Brittany England

Aumenterà la mia scorta di latte? Mi farà male alla mia scorta di latte? È sicuro da prendere durante l'allattamento o il pompaggio?

Queste sono le domande postpartum che regolano ogni tua mossa durante l'allattamento. E dato che così tanti bambini nascono ogni anno, anno dopo anno, lo faresti pensare ormai avremmo tutte le risposte. Si scopre, tutt'altro.

I farmaci prescritti e da banco richiedono una supervisione medica e il medico sarà in grado di informarti sui rischi e benefici dell'assunzione di una Rx, sulla base delle linee guida per l'etichettatura del Food and Drug Administration (FDA).

Ma quando si tratta di tè, tinture, integratori ed erbe, questa è un'altra storia. Il tuo OB-GYN, francamente, probabilmente non ne avrà idea. E non è colpa loro.

I supplementi sono confusi

"Il problema con gli integratori è che, poiché non sono regolati dalla FDA, non vi sono molti incentivi per studiarli o finanziare studi", afferma l'assistente medico OB-GYN di Los Angeles Kristy Goodman, di The OBGYN PA. Di conseguenza, “molte di queste cose in pratica sono piuttosto aneddotiche. I risultati sono così variabili, è difficile dire se sia utile o meno ".

Quando un paziente le chiede di una particolare erba o integratore, Goodman tende a rinviare a tentativi ed errori se non ci sono danni noti o evidenti. Il suo motto: se funziona, fantastico. Se si verificano sintomi negativi, interrompere.

"Dalla mia esperienza nella salute delle donne, ci sono molti fornitori che, se non conoscono la risposta a qualcosa, il loro default – specialmente con la gravidanza e il postpartum – è un" no ". Odio questo approccio perché proibiscono alle persone di provare cose può anche essere dannoso. Tutti sono così avversi al rischio in ostetricia. Non vogliamo essere citati in giudizio o incolpati. C'è così tanta ansia per l'ignoto quando si tratta di nuove mamme. "

Qui sta il problema. Per tutta la nostra saggezza medica collettiva, gran parte di essa non si applica al quarto trimestre. Ci rimane una massa amorfa di "vedere cosa succede", che può essere frustrante e spaventosa perché il postpartum è quando siamo incredibilmente vulnerabili, sopraffatti e bisognosi di una guida. In sintesi: Uggggggh.

Ecco la buona notizia, però. Ci sono alcune cose che sappiamo in un certo senso, forse, sicuramente, e ora ti guiderò attraverso ognuna.

Il bene

Fai spazio alla moringa

"Sarò onesto, mi sto sporgendo dal raccomandare il fieno greco in questi giorni perché ho scoperto la moringa", afferma Gina Boling, IBCLC, direttore clinico del Centro per l'allattamento al seno nella Grande Washington.

"È stato usato nell'allattamento in tutto il mondo per molti, molti anni, ma negli ultimi 5 anni ha iniziato a ricevere maggiore attenzione in Nord America", osserva. "Aneddoticamente, l'ho visto fare cose straordinarie per alcuni dei miei clienti. È il mio integratore preferito. "

Il Moringa Oleifera la pianta è stata studiata negli animali ed è propagandata per il suo robusto contenuto di nutrienti e i suoi effetti antiossidanti e antinfiammatori, secondo un Recensione 2017. Sebbene siano necessari ulteriori studi sull'uomo, uno piccolo studio durante l'allattamento le madri non hanno riscontrato effetti collaterali avversi.

Puoi trovare la moringa nel tè, in forma di capsule o in polvere, che Boling dice che può essere facilmente aggiunta a un frullato mattutino. Viene anche indicato con il suo nome filippino, malunggay.

Sentiamo per la lecitina

Che si tratti di soia o di girasole, gli integratori di lecitina possono essere utilizzati per aiutare il flusso del latte ed è "considerato sicuro durante la gravidanza e il postpartum", afferma Goodman.

Proprio come il suo ruolo nei prodotti alimentari, la lecitina agisce come emulsionante, impedendo al latte di coagularsi nel condotto. Boling in genere lo consiglia per i clienti che hanno dotti ostruiti cronici o mastiti.

Il cattivo

Sayonara, saggio

Di tutti gli ingredienti discutibili, ce n'è uno su cui tutti sono d'accordo: la salvia. "Questa è l'unica erba che conosco che riduce il latte", afferma Ilana Stanger-Ross, un'ostetrica registrata nella Columbia Britannica e l'autore di A è per consigli. "A volte se abbiamo qualcuno che non vuole allattare al seno o sta dando un bambino in adozione, raccomandiamo il tè alla salvia insieme ad altre cose."

La madre di tre Katie M. può attestare la sua potenza: “Ho fatto l'errore di usare il tè alla salvia quando ho avuto un eccesso di offerta – una piccola tazza – e ho quasi perso la mia scorta. Ho imparato che il mio corpo reagisce più velocemente e, in misura maggiore, di altri. Mentre alcune mamme hanno bisogno di intere bottiglie di tè alla salvia ogni giorno per far sparire la loro scorta, avevo solo bisogno di una tazza! Conoscere il tuo corpo è fondamentale e anche provare cose per te è importante. Ciò che funziona per uno non funziona per tutti. "

Salta il CBD e gli oli essenziali per essere al sicuro

Queste sono due cose completamente separate, ma il CBD e gli oli essenziali sono entrambi super trendy e controversi.

Esistono ricerche promettenti sugli effetti positivi dell'olio di CBD, ma non è chiaro quale impatto l'ingestione avrebbe sulla gravidanza o durante l'allattamento. Il cannabidiolo, il principio attivo nel CBD, non è stato studiato in modo specifico, ma secondo NIH, è stato rilevato nel latte materno.

Gli oli essenziali sono ugualmente complicati. Sono stati usati per secoli, sono derivati ​​da prodotti botanici e molte persone lo giurano.

D'altro canto, sono versioni estremamente concentrate di quegli ingredienti naturali, hanno effetti collaterali noti e destano particolare preoccupazione per le applicazioni topiche e diffuse in gravidanza e postpartum (fino a quando i bambini raggiungono i 6 anni per alcuni oli).

"Quando qualcosa diventa di moda, divento diffidente", afferma Stanger-Ross. “Non esiste una cura per tutti. Ha senso essere cauti, soprattutto quando abbiamo a che fare con un neonato ".

Passare la menta piperita

Quando ero incinta, il mio OB-GYN ha menzionato che avrei dovuto evitare il tè alla menta, oltre a tutti gli altri miei cari: formaggio blu, sushi, succo verde non pastorizzato.

Travolto e felice, non ho mai chiesto perché; Ho semplicemente preso la sua parola come un dato di fatto. Ma ora lo so! La colpa è del mentolo. Perché? Chissà. Letteralmente. Gli studi sono tutti inconcludenti. (Anche se un rapporto del 2014 osserva che la menta piperita ha il potenziale di prosciugare l'apporto di latte.)

Aneddoticamente, Boling dice che se stai lottando con l'offerta o stai cercando di stabilire la tua offerta, è meglio evitare la menta piperita. Detto questo, una o due tazze non dovrebbero spaventarti. Il tè è generalmente un modo molto più delicato di testare qualcosa contro le capsule, che può contenere fino a 10 volte la dose di tè.

Forse

Il fieno greco è un miscuglio

"Il fieno greco mi ha causato terribili dolori di stomaco!" Dice Emily F., madre di uno. Nessuna sorpresa. È probabilmente la galattagoga più conosciuta e ampiamente utilizzata (sostanza utilizzata per aumentare l'approvvigionamento di latte), ma "ha più effetti collaterali di qualsiasi altra opzione", afferma Boling.

"Se hai uno stomaco sensibile, può causare diarrea, gas o problemi gastrointestinali", osserva. "Può abbassare gli ormoni tiroidei e lo stesso con la glicemia. Se hai problemi di zucchero nel sangue o diabete, vuoi evitarlo. "

I dati (ce ne sono alcuni!) Ne fanno un backup. Secondo uno piccolo studio delle 85 donne che allattano al seno che hanno usato il fieno greco, il 45% ha riferito di una reazione avversa. (È enorme.)

Vale anche la pena notare che il fieno greco fa parte della famiglia dei legumi. Sebbene non sia noto se causi reazioni crociate, quelli allergici alle arachidi, ai ceci e ai legumi dovrebbero procedere con maggiore cautela.

La capra in soccorso?

La ruta di capra è una pianta originaria del Medio Oriente ed è presumibilmente utile non solo per l'allattamento, ma anche per la digestione, le ghiandole surrenali e il fegato. Lo troverai come un integratore o miscelato in miscele che aumentano il latte con altre galattagoghe.

Sfortunatamente, la maggior parte del studi fatto sulla ruta di capra è stato piccolo, non randomizzato o scarsamente controllato – generalmente di pessima qualità. Quindi, mentre la ricerca non supporta chiaramente l'utilizzo della ruta di capra, può valere la pena provarla.

Il National Institutes of Health riferisce: "In generale, la ruta di capra è ben tollerata, ma potrebbe causare ipoglicemia, quindi si dovrebbe usare cautela nelle donne che assumono farmaci antidiabetici".

Quando tutto il resto fallisce, chiama uno specialista dell'allattamento

Qualunque cosa tu stia attraversando, sappi questo: "Le erbe sono secondarie alla rimozione del latte", dice Boling.

“Devi avere un'efficace rimozione del latte per fare rifornimento. Se una mamma ha problemi di approvvigionamento, dovrebbe chiedere aiuto a un IBCLC (International Board Certified Lactation Consultant) ", suggerisce. Forse hai bisogno di un supplemento di qualche tipo, ma potrebbe anche essere un problema di meccanica (pensa: posizionamento e fermo).

Puoi lasciarti sfuggire a questo consiglio, chiedendoti, ma per quanto riguarda il mio dottore?

L'assistente medico Goodman in realtà concorda nel contattare uno specialista dell'allattamento: “Molti fornitori, incluso me stesso, non sono addestrati molto su (argomenti postpartum). Quindi, a meno che non perseguiate (postpartum) in particolare … beh, non direi mai di avere il livello di conoscenza di un consulente per l'allattamento. Riconosci che (il tuo OB-GYN) non ha la stessa formazione di qualcuno che si allena e vede centinaia e centinaia di donne che allattano. "


Mandy Major è una mamma, giornalista, certificata postpartum doula PCD (DONA) e fondatrice di Motherbaby Network, una comunità online per il supporto del quarto trimestre. Segui lei @motherbabynetwork.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here