Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi 4 illustrazioni di ciò che l'ansia sembra davvero

4 illustrazioni di ciò che l'ansia sembra davvero

0
58

Per le persone che vivono con ansia cronica, può essere difficile descrivere agli altri come si sente realmente.

Molte persone con cui ho parlato pensano che l'ansia sia uno stato preoccupante o stressato da qualcosa, come un esame scolastico, un problema di relazione o un grande cambiamento di vita come cambiare carriera o trasferirsi in una nuova città.

Pensano che sia una sensazione di preoccupazione per una causa alla radice diretta – e se risolvi la causa alla radice, non ti sentirai più ansioso.

Non è questa l'angoscia cronica che provo per me. Vorrei che fosse così semplice e pulito.

L'ansia cronica è disordinata e imprevedibile, prepotente e insidiosa, fisica e mentale, e talvolta così inaspettatamente debilitante che non sono in grado di parlare o pensare chiaramente o addirittura muovermi.

Ma anche quelle parole non descrivono esattamente quello che sto cercando di dire. Mi sono rivolto al linguaggio visivo per aiutare a illustrare cosa intendo, quando le parole non sono abbastanza.

Ecco 4 illustrazioni che mostrano come si sente davvero l'ansia.

Come un coltello che ti accoltella al petto ad ogni respiro che fai

Potrebbe sembrare un'esagerazione, ma l'ansia può manifestarsi con intensi sintomi fisici, come acuti dolori al petto.

È il dolore toracico più intenso che abbia mai provato. Ad ogni respiro, mi sembra che la punta affilata di una lama sia premuta contro l'interno del mio petto. A volte dura per minuti – a volte dura per ore o addirittura giorni.

Altri sintomi fisici che ho riscontrato includono un cuore pulsante, palmi sudati e una tensione persistente nelle spalle.

All'inizio pensavo che la tenuta fosse legata al fatto di sedersi a una scrivania e scrivere tutto il giorno. Ma alla fine mi sono reso conto che il senso di oppressione andava e veniva a seconda di quanto ero ansioso.

Ho persino avuto un attacco di panico indotto dall'ansia che mi ha convinto del tutto di avere un infarto. È culminato in un giro in ambulanza verso il pronto soccorso e una stretta nei miei avambracci che ha causato un'intensa sensazione di spilli e aghi, che è durata per 2 ore fino a quando mi sono finalmente calmato.

Niente di tutto questo sembra semplicemente preoccuparsi di qualcosa, vero?

Come una nuvola di pioggia di parole negative che seguono ogni tua mossa

Una delle caratteristiche che definiscono l'ansia per me è il giudizio personale. Una voce aspra, forte e testarda che emette un flusso infinito di negatività. Quando la mia mente viene catturata da questo circuito, è difficile uscirne. Davvero difficile.

Può colpirmi così forte e inaspettatamente che mi sento intrappolato sotto il suo peso.

So cosa stai pensando: trasforma i tuoi pensieri in qualcosa di positivo e starai bene. Ci ho provato, credimi. Semplicemente non funziona per me.

Ci sono alcune cose che, dopo molta pratica e pazienza, mi hanno aiutato a uscire da questo ciclo.

Il primo passo è riconoscere che anche il parlare negativo sta accadendo. Perché quando rimani impigliato in questi anelli per giorni e giorni, puoi dimenticare che è persino lì.

Poi ho dedicato del tempo per concentrarmi sui miei pensieri e sentimenti senza distrazioni. Le tecniche di respirazione profonda – come il 4-7-8 – aiutano a calmare i pensieri negativi fino al punto in cui posso venire in aria e pensare a ciò che sta realmente accadendo.

Un'altra tecnica che aiuta è l'inserimento nel journal. Il solo fatto di portare i miei pensieri – negativi o meno – sulla pagina è una forma di rilascio, che può aiutare a interrompere il ciclo.

Una volta mi sono seduto e ho riempito due intere pagine del mio diario con aggettivi che descrivono quanto odio me stesso. La depressione, il fidato aiutante dell'ansia, era certamente presente per quell'occasione, immerso nell'odio. Non è stato divertente, ma è stato un rilascio molto necessario.

Mentre il pensiero positivo non ha funzionato per me, il pensiero positivo basato sulla realtà ha.

Pensa alla differenza in questo modo: il pensiero positivo potrebbe trasformare i miei pensieri in idee astratte come essere felici e sentirsi gioiosi e avere una cosa immaginaria come innamorarmi accadere a me; il pensiero positivo basato sulla realtà trasforma i miei pensieri in cose tangibili che ho sperimentato di recente, come il premuroso regalo di compleanno che mio fratello mi ha fatto, la sensazione di soddisfazione che provo dalla mia carriera e la canzone che ho scritto durante il fine settimana.

Come un impostore ha dirottato il tuo sé normale

Quando mi sento ansioso, spesso sento che il mio sé normale è stato sostituito da un impostore furbo. Qualcuno che assomigli solo a te, ma si comporti come qualcun altro – per lo più, un sacco di sguardi vuoti e irrequieti e non molto interessanti da dire.

Dove sono andato? Mi chiedo in questi momenti.

Ha una qualità fuori dal corpo. Sto guardando l'impostore dall'esterno, incapace di combatterlo e mostrare a tutti il ​​vero me.

L'ansia ha deciso di organizzare una festa e l'impostore era l'unica persona invitata. Che maleducato, pensa il mio io normale.

C'è una frustrazione impotente nei momenti, in cui non importa quanto ci provi, non riesco proprio a convocare me.

So quando ciò accade, la mia ansia è passata alla modalità di attacco completo e devo concedermi spazio e tempo per raccogliere i miei pensieri e immergermi nella mia borsa degli attrezzi: respirazione profonda, tecniche di messa a terra, journaling, terapia, esercizio fisico, igiene del sonno e mangiare bene.

Se ho l'energia, mi sforzo anche di parlare con persone di cui mi fido, o di uscire con un amico intimo e lasciare che le loro storie e i loro problemi occupino la mia mente per un momento.

Alla fine, il mio sé normale riappare sempre, spingendo l'impostore fuori dalla vista. Almeno per un po ', comunque.

Come un'esplosione nel tuo cervello, mandando i tuoi pensieri fuori controllo

Sono stato tentato di descrivere l'ansia come una nebbia del cervello che offusca i miei pensieri, ma un'esplosione nel cervello mi è sembrata più accurata.

L'ansia può colpire il mio cervello con una forza tale da spezzare i miei pensieri in frammenti sparsi di schegge che volano via in tutte le direzioni. Ciò che resta è un vuoto, un cratere di vuoto.

Hai mai interagito con qualcuno che pensavi potesse essere nel mezzo di un attacco d'ansia e hai notato uno sguardo vuoto nei loro occhi o una generale mancanza di reattività? Sono disposto a scommettere che vorrebbero darti una risposta adeguata alla tua domanda, ma in quel momento la loro mente è un cratere senza niente da dare.

I pensieri possono sentirsi così fuori portata che evito del tutto le interazioni sociali, per evitare che gli altri debbano interagire con il vuoto del mio cervello ansioso. A volte mi sento davvero frustrato da questo. Ma più lotta contro di essa, più i miei pensieri diventano congelati.

Quindi, come posso sbloccarmi? Purtroppo non esiste una risposta facile. È una questione di tempo, pazienza e darmi spazio per rilassarmi, riflettere e tornare a un livello base di controllo sulla mia mente e sul mio corpo.

Avere a portata di mano la borsa degli attrezzi per l'ansia, un terapista che può darmi una prospettiva sui miei pensieri e alcune persone fidate con cui parlare possono aiutarmi a ritrovare quel controllo.

Riflessione di chiusura

Spero che queste illustrazioni ti abbiano fornito maggiori informazioni su come si sente davvero la vita con ansia cronica. È molto diverso dall'essere un po 'preoccupato per qualcosa. A volte è paralizzante.

La mia speranza è che con una maggiore comprensione di ciò che sta realmente accadendo, le persone potrebbero iniziare a provare un po 'più di empatia per gli altri che vivono con ansia cronica. Anche se è scomodo interagire con loro.

Ricorda che le persone che vivono con ansia cronica non hanno necessariamente un difetto fatale che stanno ignorando o un desiderio nascosto di mettere a disagio tutti coloro che li circondano. Possono essere persone normali come te e me che stanno attraversando qualcosa che non capiscono, qualcosa che li ha colti di sorpresa, qualcosa di profondo nel loro subconscio di cui hanno bisogno di aiuto per disimballare.

Un po 'di empatia e sostegno possono fare molto.


Steve Barry è uno scrittore, editore e musicista con sede a Portland, nell'Oregon. È appassionato di destigmatizzare la salute mentale e di educare gli altri sulle realtà del vivere con ansia e depressione croniche. Nel suo tempo libero, è un aspirante cantautore e produttore. Attualmente lavora come redattore senior presso Healthline. Seguitelo su Instagram.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here