Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi 3 semplici domande per aiutarti a lasciar andare l'imbarazzo

3 semplici domande per aiutarti a lasciar andare l'imbarazzo

0
62

Pensa al tuo ricordo più imbarazzante, quello che ti salta inconsapevolmente in testa quando stai cercando di addormentarti o stai per uscire per un evento sociale. O quello che ti fa venire voglia di afferrare il tuo sé passato per le spalle ed esclamare: "Perché ?!"

Ottenuto uno? (Sì, ma non sto condividendo!)

Ora, immagina di poter disarmare questo ricordo. Invece di farti rabbrividire o vuoi nasconderti sotto le coperte, sorriderai o addirittura riderai, o almeno sarai in pace con esso.

No, non ho inventato un dispositivo di cancellazione della memoria fantascientifico. Questo approccio è molto più economico e probabilmente meno pericoloso.

Melissa Dahl, giornalista ed editrice del New York Magazine, ha cercato imbarazzo e imbarazzo per il suo libro "Cringeworthy", uscito l'anno scorso. Dahl era curioso di sapere cosa sia davvero questo sentimento che chiamiamo "imbarazzo" e se c'è qualcosa da guadagnare o meno. Si scopre, c'è.

Durante l'esplorazione di vari eventi di performance e gruppi online dedicati alla messa in onda dei momenti imbarazzanti delle persone – a volte con la loro partecipazione o autorizzazione, a volte no – Dahl ha scoperto che alcune persone usano situazioni imbarazzanti di altre persone per ridicolizzarle e distinguersi da esse.

Ad altri, tuttavia, piace leggere o ascoltare i momenti importanti perché li aiuta a sentirsi più connessi alle persone. Si contraggono insieme alle persone nelle storie e gli piace il fatto che provino empatia per loro.

Dahl ha capito che possiamo trasformarlo in un modo potente per far fronte ai nostri persistenti sentimenti di imbarazzo. Basta porsi tre domande.

Innanzitutto, pensa al ricordo che hai ricordato all'inizio di questo articolo. Se sei qualcosa come me, probabilmente sei abituato a cercare di spegnere la memoria ogni volta che si presenta e distrarti rapidamente dai sentimenti che provoca.

Questa volta, lasciati provare quei sentimenti cringey! Non ti preoccupare, non dureranno. Per ora, lasciali stare.

Ora, la prima domanda di Dahl:

1. Quante volte pensi che altre persone abbiano vissuto la stessa cosa che hai fatto o qualcosa di simile?

Probabilmente non c'è modo di saperlo con certezza – se qualcuno ha fatto un ampio studio di ricerca su questo, per favore correggimi, perché sarebbe delizioso – quindi dovrai fare una stima.

Probabilmente è abbastanza comune se la tua memoria prevede di svuotare un vuoto durante un colloquio di lavoro o di dire "anche tu" al server che dice che sperano che ti piaccia il tuo pasto.

Anche qualcosa di più raro, come bombardare completamente un set di stand-up, è probabile molto normale per le persone che hanno fatto una commedia stand-up.

Una volta che ci hai pensato un po ', ecco la seconda domanda:

2. Se un amico ti dicesse che questo ricordo è successo a loro, cosa diresti loro?

Dahl sottolinea che molte volte sarebbe una storia davvero divertente di cui entrambi ridereste. Oppure, potresti dire che non sembra un grosso problema e le probabilità che nessuno se ne accorga nemmeno. Oppure potresti dire: "Hai ragione, è molto imbarazzante, ma chiunque abbia opinioni importanti penserebbe comunque che tu sia fantastico".

Probabilmente non diresti al tuo amico nessuna delle cose che dici te stesso quando stai pensando a questo ricordo.

Infine, la terza domanda:

3. Puoi provare a pensare alla memoria dal punto di vista di qualcun altro?

Di 'che il tuo ricordo è di inciampare sulle tue parole mentre fai un discorso. Cosa potrebbe pensare un membro del pubblico? Cosa sarebbe voi hai pensato se stavi ascoltando un discorso e l'oratore ha fatto un errore?

Probabilmente penserei: "È vero. Memorizzare e tenere un discorso davanti a centinaia di persone è davvero difficile ”.

E se le persone ridessero del tuo errore? Anche allora, mettersi nei loro panni per un momento potrebbe essere illuminante.

Ricordo ancora di aver partecipato al Model United Nations come liceo senior e di aver partecipato a un vertice di fine anno con tutti i club delle scuole dello stato. È stata una lunga giornata di discorsi per lo più noiosi, ma durante uno di questi, uno studente ha sbagliato a parlare – invece di "successo", ha detto "succhiare il sesso". Il pubblico adolescente scoppiò a ridere.

Lo ricordo ancora così bene perché era così divertente. E ricordo che non pensavo affatto nulla di negativo sull'oratore. (Semmai, aveva il mio rispetto.) Ho riso gioiosamente perché era divertente e ha rotto la monotonia di ore di discorsi politici.

Da allora, ogni volta che mi sono umiliato pubblicamente in un modo che ha fatto ridere gli altri, ho cercato di ricordare il fatto che dare alle persone un motivo per ridere può essere una cosa meravigliosa, anche se ridono di me.

Questo approccio potrebbe non essere sempre utile

Se stai scoprendo che questo approccio non aiuta con una memoria particolarmente appiccicosa, tieni presente che la memoria potrebbe essere dolorosa per motivi diversi dall'imbarazzo.

Se qualcuno ti trattava male o se il tuo imbarazzo era causato dall'agire in un modo in contrasto con i tuoi valori, potresti provare vergogna o senso di colpa, non solo imbarazzo. In tal caso, questo consiglio potrebbe non essere applicabile.

Altrimenti, lasciare che il ricordo accada, sentire i sentimenti che porta, e porsi queste tre domande può aiutare a fermare la rabbia.

Puoi persino scrivere le domande su una scheda e tenerle nel tuo portafoglio o in qualche altro posto in cui potrai trovarle facilmente. Lascia che l'imbarazzo sia un promemoria per praticare l'autocompassione.


Miri Mogilevsky è una scrittrice, insegnante e terapista praticante a Columbus, nell'Ohio. Hanno conseguito una laurea in psicologia presso la Northwestern University e un master in assistenza sociale presso la Columbia University. A loro è stato diagnosticato un tumore al seno allo stadio 2a nell'ottobre 2017 e hanno completato il trattamento nella primavera del 2018. Miri possiede circa 25 diverse parrucche dai loro giorni di chemio e si diverte a distribuirle strategicamente. Oltre al cancro, scrivono anche di salute mentale, identità strana, sesso e consenso più sicuri e giardinaggio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here