Zelenskyj licenzia aiutanti nel rimpasto, la Russia lancia un attacco aereo sull’Ucraina

0
20

Tra i licenziati figurava anche il principale aiutante Serhiy Shefir, tre consiglieri e due rappresentanti presidenziali.

Ucraina
Volontari e studenti dell’Accademia statale delle arti di Kiev ripuliscono le macerie dopo che l’Accademia è stata parzialmente distrutta durante l’attacco missilistico russo di pochi giorni fa a Kiev, Ucraina, 30 marzo 2024 [Efrem Lukatsky/AP Photo]

Sabato il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha licenziato un suo collaboratore di lunga data e diversi consiglieri in un continuo rimpasto, mentre la Russia ha scatenato nuovi attacchi durante la notte.

Zelenskyj ha licenziato il principale assistente Serhiy Shefir dal suo incarico di primo assistente, dove prestava servizio dal 2019.

Il presidente ucraino ha anche lasciato andare tre consiglieri e due rappresentanti presidenziali che supervisionavano le attività di volontariato e i diritti dei soldati.

Nessuna spiegazione è stata fornita immediatamente per gli ultimi cambiamenti in una vasta riorganizzazione del personale avvenuta negli ultimi mesi.

Martedì sono state licenziate Oleksii Danilov, segretario del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale, e Valerii Zaluzhnyi, capo delle forze armate, l’8 febbraio.

Zaluzhnyi è stato nominato ambasciatore dell’Ucraina nel Regno Unito all’inizio di questo mese.

Droni e missili lanciati in tutta l’Ucraina

Sabato l’aeronautica ucraina ha dichiarato che la Russia ha lanciato durante la notte 12 droni Shahed, nove dei quali sono stati abbattuti, e ha lanciato quattro missili sull’Ucraina orientale.

La Russia ha scatenato una raffica di 38 missili, 75 raid aerei e 98 attacchi con lanciarazzi multipli nelle ultime 24 ore, hanno affermato le forze armate ucraine nei post sui social media.

Due persone sono state uccise e una ferita nei bombardamenti russi nella provincia ucraina di Donetsk, parzialmente occupata, ha detto sabato il governatore regionale Vadym Filashkin.

La società energetica ucraina Centrenergo ha annunciato che la centrale termica di Zmiiv, una delle più grandi centrali termoelettriche nella regione orientale di Kharkiv, è stata completamente distrutta in seguito ai bombardamenti russi della scorsa settimana.

I programmi di interruzione dell’elettricità erano ancora in vigore per circa 120.000 persone nella regione, dove 700.000 persone avevano perso l’elettricità dopo che l’impianto era stato colpito il 22 marzo.

Negli ultimi giorni la Russia ha intensificato i suoi attacchi alle infrastrutture energetiche ucraine, causando danni significativi in ​​diverse regioni.

I funzionari della regione di Poltava hanno detto sabato che ci sono stati “diversi colpi” a un impianto infrastrutturale senza specificare se si trattasse di un impianto energetico.

Nel frattempo, sabato è venuto alla luce il bilancio del massiccio bombardamento di 99 droni e missili di venerdì che ha colpito regioni dell’Ucraina, con funzionari locali nella regione di Kherson che hanno annunciato la morte di un civile. Un residente della regione di Dnipropetrovsk è morto in un ospedale per ferite da arma da fuoco, ha riferito il governatore regionale Serhiy Lisak.