Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Sì, puoi contrarre una MST senza avere rapporti sessuali penetranti

Sì, puoi contrarre una MST senza avere rapporti sessuali penetranti

0
20

Marc Bordons/Stocksy United

Anilingus. Cunnilingus. Masturbazione reciproca. Molti atti sessuali non penetranti sono * molto * molto degni di essere esplorati da una prospettiva di piacere.

Ma molti amanti del sesso si impegnano in questi atti sessuali partendo dal presupposto che le infezioni sessualmente trasmissibili (IST) possano essere trasmesse solo attraverso la penetrazione.

Questo mito porta molti esploratori a pensare di essere al sicuro™, quando in realtà si sono messi in una posizione in cui la trasmissione delle IST è davvero possibile.

Confuso? Ha riguardato? Non essere.

Di seguito, gli esperti spiegano esattamente come può essere trasmessa una STI quando un foro non viene penetrato. Inoltre, esattamente ciò che devi sapere sui test STI.

malattie sessualmente trasmissibili contro malattie sessualmente trasmissibili

Entrambi gli acronimi si riferiscono a condizioni che vengono trasmesse principalmente attraverso l’attività sessuale. STI sta per infezione a trasmissione sessuale, mentre STD sta per malattia a trasmissione sessuale.

Tecnicamente, una condizione si qualifica come malattia solo se si hanno sintomi avanzati, mentre il termine infezione si applica se non si hanno affatto sintomi.

Nella conversazione quotidiana e nelle risorse mediche, i due termini sono usati in modo intercambiabile.

Com’è possibile?

Le particelle infettive trasmesse sessualmente non si “nascondono” nel retro dei buchi (ad es. bocca, ano, vagina).

Invece, queste particelle infettive possono vivere su qualsiasi pelle interna o esterna o nei fluidi corporei, spiega il dott. Felice Gersh, autore di “PCOS SOS: un’ancora di salvezza di un ginecologo per ripristinare naturalmente i tuoi ritmi, ormoni e felicità”.

Per questo motivo, “alcune malattie sessualmente trasmissibili possono essere diffuse ogni volta che c’è un contatto pelle a pelle o quando si diffondono fluidi corporei”, afferma.

Importante: non tutte le IST possono essere trasmesse attraverso il contatto con ogni singola sezione della pelle o ogni singolo fluido corporeo.

Quali segmenti di pelle o quali fluidi corporei possono trasmettere l’IST dipende dalla particolare IST. Dipende anche da dove si trova la STI o se è considerata una STI di tutto il corpo.

Quali altre attività sessuali possono trasmettere una IST?

Per essere molto chiari, le malattie sessualmente trasmissibili non sono erbacce: non spuntano semplicemente dal nulla.

Affinché una IST venga trasmessa, è necessario che qualcuno stia trasmettendo. E affinché qualcuno possa trasmettere, deve essere positivo alle IST.

(E l’unico modo per sapere se sei positivo alle malattie sessualmente trasmissibili è fare il test, ma ne parleremo più avanti).

Secondo Gersh, a seconda di cosa sia la IST e dove si trova, una IST potrebbe essere trasmessa durante qualsiasi attività sessuale che comporti quanto segue:

  • la bocca, le labbra, la gola o la saliva
  • sangue o latte materno
  • fluido vaginale, pre-eiaculazione (pre-cum), sperma o secrezioni anali
  • il canale anale interno, l’ingresso anale o il perineo
  • il canale vaginale, la vulva, il pene o i testicoli

Ciò significa che, in teoria, una IST può essere trasmessa durante uno dei seguenti atti sessuali:

  • baciare
  • stimolazione del capezzolo orale
  • sesso orale, inclusi pompini e rimming

  • rapporti sessuali, compresi i rapporti anali e vaginali
  • sesso con le mani, tra cui diteggiatura anale, diteggiatura vaginale, stimolazione della vulva e lavori manuali
  • qualsiasi gioco che coinvolga sangue mestruale, sangue da un’altra parte del corpo o allattamento

Quali altre attività non sessuali possono trasmettere una IST?

Tutto ciò che comporta l’ingestione, l’esposizione o lo scambio di fluidi corporei potrebbe causare la trasmissione dell’infezione.

Per esempio:

  • bacio platonico in bocca
  • farsi un tatuaggio o un piercing
  • condividere giocattoli sessuali che non sono stati puliti
  • ricevere una trasfusione di sangue
  • condivisione di aghi
  • allattamento al seno o al seno
  • dando vita
  • autoinoculazione

Tuttavia, la maggior parte della paura intorno alle trasmissioni STI non sessuali – ad esempio, che puoi ottenere una STI da un sedile del water, una vasca idromassaggio o una piscina pubblica – * non * è basata sulla scienza nella maggior parte delle condizioni.

Le malattie sessualmente trasmissibili generalmente non possono esistere al di fuori dell’atmosfera familiare delle membrane mucose del corpo per molto tempo. E tutti i prodotti chimici nelle piscine e nelle vasche idromassaggio uccidono tutti gli agenti infettivi.

È possibile che una IST rimanga dormiente nel corpo prima di presentarsi in seguito?

Prima di rispondere a questa domanda, parliamo velocemente della parola ‘dormiente’. La maggior parte dei medici non lo usa più, secondo Gersh.

“Il concetto di una IST dormiente non è utile”, dice. “Si basa sull’idea che puoi avere una IST che semplicemente non sta facendo nulla nel tuo corpo.”

Le parole che i medici amano usare invece sono “asintomatiche” o “latenti”.

Una IST asintomatica si verifica quando qualcuno non sta attualmente vivendo sintomi che possono sentire, vedere o annusare. Secondo il Organizzazione mondiale della Sanità, la maggior parte delle malattie sessualmente trasmissibili è asintomatica.

“È possibile avere una IST, non avere sintomi e trasmetterla comunque a qualcun altro”, spiega Gersh.

“È anche possibile avere una IST, non avere sintomi che puoi sentire o vedere, e avere ancora qualcosa sul tuo corpo”, dice.

Ad esempio, qualcuno può avere il papillomavirus umano (HPV), non manifestare alcun sintomo, ma avere ancora la composizione cellulare della cervice alterata dal virus.

Puoi anche avere una IST, non avere sintomi ora, ma iniziare a manifestare sintomi più tardi.

Una IST non può essere rilevata da un test STI subito dopo l’esposizione.

La IST non può essere rilevata perché non è rimasta nel corpo abbastanza a lungo da consentire al corpo di sviluppare anticorpi in risposta ad essa, che è ciò che la maggior parte dei test STI sta cercando.

Quanto spesso dovresti fare il test?

La raccomandazione ufficiale del Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) è che la maggior parte delle persone sessualmente attive viene sottoposta a test almeno una volta all’anno.

Ma come dice Gersh, “È buona norma sottoporsi a test per le malattie sessualmente trasmissibili prima di ogni nuovo partner”.

Come mai? Perché questo è l’unico modo per conoscere il tuo stato attuale di STI e per ridurre il rischio di trasmissione.

Qual è il periodo di incubazione per ogni IST?

Il periodo di incubazione è la quantità di tempo che intercorre tra quando qualcuno contrae una IST e quando risulta positivo per quella IST su un test.

Se fai il test per una IST durante il suo periodo di incubazione, il test risulterà negativo. “Il periodo di incubazione è diverso per ogni singola IST”, afferma Gersh. “Va da qualsiasi luogo tra 2 giorni e 3 mesi.”

STAI Periodo di incubazione
clamidia 7–21 giorni
herpes genitale 2–12 giorni
gonorrea 1-14 giorni
epatite A 15-50 giorni
epatite B 8–22 settimane
epatite C 2–26 settimane
HIV 2–4 settimane
HPV 1 mese–10 anni (a seconda del tipo)
herpes orale 2–12 giorni
sifilide 3 settimane–20 anni (a seconda del tipo)
tricomoniasi 5-28 giorni

Ciò significa che, se hai rapporti sessuali non protetti con qualcuno, la mossa in realtà non è quella di fare il test il giorno successivo, dice.

“Quel test ti dirà se sei stato esposto a qualche IST prima di fare sesso con quella persona”, spiega Gersh. “Ma il test non ti dirà se quella persona ti ha esposto a malattie sessualmente trasmissibili”.

Se hai avuto rapporti sessuali non protetti, Gersh consiglia di fare il test dopo 2 settimane e poi di nuovo 2 settimane dopo.

Alcuni potrebbero usare la frase “sesso non protetto” per riferirsi al rapporto pene-in-vagina senza sella. Ma qui, lo usiamo per riferirci a qualsiasi sesso che ha avuto luogo senza un metodo di barriera.

Ciò include qualsiasi sesso avvenuto con un preservativo rotto, un preservativo scaduto o altri incidenti con il preservativo.

E se non sei mai stato sottoposto a screening per le malattie sessualmente trasmissibili prima d’ora – da dove inizi?

Se non sei mai stato sottoposto a screening prima e lo desideri, congratulazioni per aver deciso di prendere in mano la tua salute sessuale. Seriamente, l’importanza di questo passaggio non può essere sopravvalutata!

Inizia trovando un centro di test vicino a te controllando questa guida al centro di test STI. Prima di andare al luogo del test, assicurati che testino tutte le malattie sessualmente trasmissibili per le quali sei interessato a fare il test. Alcune cliniche effettuano solo test per l’HIV, ad esempio.

Quando arrivi, assicurati di chiedere esplicitamente tutte le IST per le quali vuoi essere testato, specialmente se vuoi essere testato per le IST orali o anali.

La maggior parte dei centri di test esegue solo test per la gonorrea genitale, la clamidia genitale, l’HIV e la sifilide, a meno che non venga chiesto diversamente, osserva Gersh.

La linea di fondo

*è* possibile contrarre o trasmettere una IST senza avere rapporti sessuali con penetrazione. Il modo migliore per proteggere te stesso e il tuo partner dalla trasmissione è che tutti conoscano il loro stato attuale di IST.


Gabrielle Kassel è una scrittrice di sesso e benessere con sede a New York e CrossFit Level 1 Trainer. È diventata una persona mattiniera, ha testato oltre 200 vibratori e mangiato, ubriaco e spazzolato con carbone di legna, tutto in nome del giornalismo. Nel suo tempo libero, può essere trovata a leggere libri di auto-aiuto e romanzi rosa, fare pressioni su panca o ballare la pole dance. Seguila su Instagram.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here