Shehbaz Sharif è stato eletto nuovo primo ministro del Pakistan

0
12

Sharif eletto primo ministro dal parlamento dopo la rimozione di Imran Khan con un voto di sfiducia.

Shehbaz Sharif discute di politica estera e dei fallimenti economici del governo uscente nel suo primo discorso da primo ministro pakistano [Pakistan National Assembly/Handout via Reuters]

Islamabad, Pakistan – Il parlamento pakistano ha eletto Shehbaz Sharif nuovo primo ministro del Paese dopo la rimozione di Imran Khan nel fine settimana con un voto di sfiducia.

Prima del voto di lunedì, i parlamentari del partito Pakistan Tehreek-e-Insaf (PTI) di Khan si sono dimessi in massa, boicottando l’elezione di Sharif, il fratello minore del tre volte primo ministro Nawaz Sharif.

“Mian Muhammad Shehbaz Sharif è stato eletto primo ministro”, ha affermato il presidente ad interim Sardar Ayaz Sadiq.

Nel suo primo discorso da primo ministro all’Assemblea nazionale, Sharif ha annunciato un aumento degli stipendi, delle pensioni e del salario minimo per i lavoratori.

Sharif ha discusso dei fallimenti della politica estera del governo uscente e ha affermato che accelererà il progetto multimiliardario del China Pakistan Economic Corridor (CPEC) e ricostruirà i legami interrotti con partner e alleati.

“Vogliamo buone relazioni con l’India, ma non può esserci una pace sostenibile se non si risolve la questione del Kashmir”, ha affermato.

Sharif ha invitato la sua controparte indiana ad aiutare a risolvere la disputa del Kashmir in linea con le risoluzioni delle Nazioni Unite.

Il primo ministro non ha perso l’occasione per affrontare le accuse mosse da Khan secondo cui gli Stati Uniti avrebbero cospirato con i suoi oppositori per rovesciare il suo governo.

Sharif ha ordinato un briefing a porte chiuse della commissione parlamentare per la sicurezza nazionale. All’incontro parteciperanno anche alti funzionari civili e militari, tra cui l’ambasciatore degli esteri del Pakistan a Washington.

“Mi dimetterò e se c’è un briciolo di prove [against me],” Egli ha detto.

In precedenza, Sharif ha ottenuto 174 voti e ora formerà un nuovo governo che potrà rimanere in carica fino ad agosto 2023, quando si terranno le elezioni generali.

Nessun primo ministro ha mai completato un mandato di cinque anni durante i quasi 75 anni di storia del paese.

La votazione parlamentare si è svolta sotto stretta sicurezza, con quasi tutte le strade che portano all’Assemblea nazionale sigillate.

Dinastia politica

Sharif, che ha prestato giuramento lunedì, proviene da una famiglia di industriali che è diventata una dinastia politica.

Il 70enne è stato eletto all’Assemblea nazionale nel 2018 e ha guidato il partito Pakistan Muslim League-Nawaz (PML-N) dopo che al fratello maggiore è stato impedito a vita di ricoprire cariche pubbliche dopo essere stato riconosciuto colpevole di corruzione.

Khan, un giocatore di cricket diventato politico, è stato rimosso nelle prime ore di domenica dopo che 174 parlamentari hanno votato contro di lui in parlamento. Più tardi nel corso della giornata, decine di migliaia di sostenitori del PTI sono scesi in piazza nelle città di tutto il Pakistan per esprimere il loro sostegno.

“Le manifestazioni hanno trasmesso il messaggio che Khan era ancora un leader popolare”, ha detto ad Al Jazeera l’analista politico Zahid Hussain.

Hussain ha detto che Khan aveva deciso di scendere in piazza invece di affrontare l’opposizione in parlamento.

Lunedì l’indice KSE-100 di riferimento della Borsa del Pakistan (PSX) è salito di oltre 1.500 punti, con gli analisti che hanno attribuito il rally a una potenziale fine di settimane di instabilità politica, ha riportato il quotidiano Dawn.

L’indice ha aperto a 44.444,58 ed è aumentato di 1541,57 punti, o del 3,47 percento, entro le 12:30 (07:30 GMT), afferma il rapporto.

“Il mercato ha risposto positivamente alla stabilità politica”, ha detto ad Al Jazeera l’analista finanziario Tahir Abbas.

L’ex ministro degli Esteri Shah Mahmood Qureshi ha detto che il suo partito boicotterà le elezioni e non legittimerà il processo.

All’inizio del procedimento, il vicepresidente Qasim Suri ha spiegato la logica alla base della sua controversa sentenza per respingere la mozione di sfiducia contro Khan il 3 aprile.

Suri ha affermato che la corte aveva dichiarato incostituzionale la sentenza, ma l’aveva emessa “in qualità di patriota responsabile pakistano e di custode dell’assemblea nazionale”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here