Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Qualcuno si preoccupa della salute mentale degli assistenti sociali?

Qualcuno si preoccupa della salute mentale degli assistenti sociali?

0
99

Ho gettato il mio cuore e la mia anima nel lavoro. Potrei fare di più, essere di più. Ero duro, ero forte – fino a quando non lo ero più.

È una bella festa con i miei amici della scuola di lavoro sociale. Tuttavia, so che sta arrivando una temuta domanda. Quindi tra il bicchiere di vino e le patatine fritte, mi accarezzo per questo.

Perché non so più se appartengo al loro mondo. Vedi, me ne sono andato.

Non me ne sono andato del tutto perché volevo. Mi sono sentito profondamente chiamato al lavoro sociale e lo faccio ancora.

Sono appassionato del mio lavoro precedente, in particolare di lavorare con persone che lottano con idee suicide e disturbi autolesionistici.

Ma me ne sono andato perché era diventato molto ovvio che, non importava quanti discorsi di auto-cura ho ricevuto o quante volte ho chiesto, non avrei ottenuto ciò di cui avevo bisogno: alloggi per disabili.

Vedi, ho PTSD. Ma nei miei primi anni come terapista della salute mentale, la mia capacità di gestire i miei sintomi è diventata sempre più difficile.

Tutti quelli con cui ho lavorato sono stati "comprensivi" e, in superficie, hanno detto le cose giuste.

Ma il problema era, ogni volta che chiedevo qualcosa che mi sembrava assolutamente ragionevole – riduzione delle aspettative di produttività, riduzione delle ore ma mantenendo comunque alcuni dei miei clienti, non lavorando con alcuni clienti che potrebbero essere meglio serviti da un altro medico – lì è sempre stato questo respingimento.

"Bene, se non li prendi come cliente, allora dovranno andare da qualcun altro al di fuori dell'area e sarà una grande seccatura per loro."

“Bene, possiamo farlo, ma solo come una cosa temporanea. Se diventa più un problema, dovremo discuterne ".

Dichiarazioni come queste hanno trattato i miei bisogni come una cosa fastidiosa e scomoda di cui avevo davvero bisogno per avere una presa migliore.

Dopotutto, gli assistenti sociali sono aiutanti. Non hanno bisogno di aiuto, vero?

Facciamo il lavoro che nessun altro può immaginare di fare e lo facciamo con un sorriso e con una paga orribilmente bassa. Perché è nostro chiamata.

Avevo acquisito un ragionamento così intenso, anche se sapevo che era sbagliato.

Ho gettato il mio cuore e la mia anima nel lavoro e ho continuato a cercare di aver bisogno di meno. Potrei fare di più, essere di più. Ero duro, ero forte.

Il problema era che ero molto bravo nel mio lavoro. Così buono che i colleghi mi stavano mandando casi più difficili su ciò che stava diventando la mia specialità perché pensavano che sarebbe stata una buona partita per me.

Ma quei casi erano complessi e richiedevano ore di tempo extra ai miei tempi. Tempo che spesso non era fatturabile come voleva l'agenzia.

Correvo costantemente contro il tempo chiamato produttività, che è uno strano modo di misurare quanti minuti fatturabili stai parlando o lavorando per conto del cliente ogni giorno.

Anche se può sembrare una cosa facile da fare, sospetto che qualcuno di voi che ha avuto un lavoro come questo sappia quante ore al giorno vengono divorati da cose assolutamente necessarie.

E-mail, scartoffie, pranzare (la quantità di volte in cui ho pranzato con un cliente perché non potevo contare sul tempo fatturabile), usare il bagno, bere qualcosa, fare una pausa cerebrale tanto necessaria tra sessioni intense, capire cosa fare dopo, ottenere input dal mio supervisore al telefono o ricercare maggiori dettagli o nuovi trattamenti per una particolare condizione.

Niente di tutto ciò è stato conteggiato per la percentuale che era la mia "produttività".

Come assistente sociale disabile, ho interiorizzato un profondo senso di vergogna e fallimento.

I miei colleghi sembravano non avere problemi o sembravano meno preoccupati della loro produttività, ma mi mancava costantemente il segno.

Furono fatti piani d'azione e vennero fatti degli incontri seri, ma io rimasi ancora da qualche parte intorno all'89 percento.

E poi i miei sintomi hanno iniziato a peggiorare.

Avevo grandi speranze per il posto in cui lavoravo, perché parlavano molto di cura di sé e opzioni flessibili. Quindi mi sono trasferito a 32 ore alla settimana, nella speranza di riportare tutto sotto controllo.

Ma quando ho chiesto di ridurre i clienti, mi è stato detto che, poiché la mia produttività non era ancora corretta, avrei mantenuto lo stesso numero di clienti e avrei solo ridotto le ore, il che alla fine significava che avevo lo stesso lavoro da fare … semplicemente meno tempo per fallo.

E ancora e ancora, l'implicazione era che se avessi semplicemente programmato meglio, se fossi stato più organizzato, se solo avessi potuto metterlo insieme, starei bene. Ma stavo facendo del mio meglio e non riuscivo ancora.

E per tutte le riunioni della commissione per i diritti delle persone con disabilità alle quali ero seduto o per l'apprendimento che stavo facendo 24 ore su 24 per capire meglio i diritti dei miei clienti, nessuno sembrava troppo preoccupato mio diritti come persona con disabilità.

Tutto è andato in pezzi quando l'ho fatto.

Alla fine dell'anno, ero così malato che non potevo stare seduto in piedi per più di un'ora o due senza dovermi sdraiare perché la pressione sanguigna mi era stata colpita.

Ho visto un cardiologo 3 mesi dopo aver smesso quando le cose non stavano migliorando e mi è stato detto che dovevo trovare una linea di lavoro meno stressante e meno emotivamente drenante.

Ma come potrei? Ero un assistente sociale. Questo è ciò per cui mi ero allenato. Questo è ciò a cui mi ero impegnato. Perché non c'era altra opzione?

Ho parlato con più miei colleghi ora da quando sono uscito. Molti di loro hanno espresso la speranza che forse era proprio dove lavoravo, o forse avrei fatto meglio altrove.

Ma penso che il problema sia effettivamente incentrato su come il potere sia radicato nel lavoro sociale, un intenso senso di quello che definirei "martirio".

Vedi, c'è questo strano orgoglio che ho notato negli assistenti sociali più anziani – che sono stati nelle trincee, che sono brizzolati e duri.

Come giovani assistenti sociali, ascoltiamo le loro storie, sentiamo parlare delle ferite di guerra e sentiamo parlare dei giorni in cui si sono trascinati perché qualcuno necessaria loro.

Nell'udire gli assistenti sociali più anziani che condividono queste storie, interiorizziamo l'idea che i bisogni di qualcun altro siano più importanti di quelli che potremmo avere.

Ci viene insegnato ad adorare in questo altare di sofferenze spinte.

Naturalmente, abbiamo questa serie di lezioni su cura di sé, esaurimento e trauma vicario, ma nessuno ha tempo per questo. È come glassare la torta, non la sostanza.

Ma il problema è, quando è quello che ti viene insegnato a vedere come l'ideale definitivo, avere bisogno di qualsiasi tipo di sistemazione per disabili o anche solo una pausa sembra ammettere la debolezza – o che in qualche modo non ti interessa abbastanza.

Nel corso degli anni ho raccolto storie da altri assistenti sociali come me, che sono stati allontanati o chiamati per chiedere sistemazioni relativamente innocue.

Come se gli assistenti sociali dovessero in qualche modo essere al di sopra di tutto ciò.

Come se non avessimo alcuni degli stessi problemi dei nostri clienti.

Come se dovessimo essere i supereroi con cui siamo marchiati.

Le esigenze del lavoro sociale e la riluttanza ad accogliere coloro che lottano al suo interno, portano a un posto di lavoro che incoraggia gli assistenti sociali a ignorare i propri bisogni.

E certamente non lascia spazio agli assistenti sociali con disabilità.

È un posto di lavoro che privilegia un tipo molto particolare di corpo e mente e lascia fuori tutti gli altri al freddo. Ci rende meno utili e diversi come professione – e deve smettere.

Poiché non fa male solo a noi, danneggia anche i nostri clienti.

Se non possiamo essere umani, come possono essere i nostri clienti? Se non sono consentite le esigenze, come possono i nostri clienti essere vulnerabili con noi riguardo alle loro?

Questi sono anche gli atteggiamenti che portiamo nei nostri uffici di terapia, che li vogliamo o no. I nostri clienti sanno quando li vediamo come minori o deboli perché ci vediamo in loro.

Quando non siamo in grado di provare compassione per le nostre lotte, come possiamo avere la capacità emotiva di estendere quella compassione a qualcun altro?

E anche se i nostri clienti non soffrivano di conseguenza, noi sarebbe ancora.

E questo è il problema fondamentale che vedo nel lavoro sociale: siamo scoraggiati dall'umanizzare noi stessi.

Quindi me ne sono andato.

Non è stato semplice e non è stato facile e mi manca ancora. Mi trovo ancora a leggere articoli e tenermi aggiornato su nuove ricerche. Penso molto ai miei vecchi clienti e mi preoccupo di come sono.

Ma i momenti peggiori sono quando devo guardare un altro assistente sociale negli occhi e spiegare perché ho lasciato il campo.

Come fai a dire a qualcuno che la cultura in cui lavorano e vivono è tossica e dannosa per te?

Se ci prendiamo cura degli altri, dobbiamo anche prenderci cura di noi stessi senza vergogna. Questo è parte del motivo per cui sono partito: ho dovuto imparare a prendermi cura di me stesso senza trovarmi in un ambiente di lavoro che rafforzasse tutti i motivi per cui non potevo.

Alcuni dei miei colleghi speravano e pensavano che avrei potuto restare se avessi cambiato lavoro o supervisore. So che intendevano il meglio, ma per me questo dà la colpa a me e non alla cultura del lavoro sociale nel suo insieme.

Non era un posto dove potessi guarire, perché era parzialmente dove mi sono ammalato.

Aiutare gli altri non ha bisogno di essere una guerra, con gli assistenti sociali come le vittime previste.

In realtà, penso che il lavoro sociale nel suo insieme debba cambiare. Se non possiamo parlare dei tassi più alti di burnout nella nostra professione, per esempio – una delle stesse lotte con cui supportiamo i nostri clienti – cosa dice questo sul campo?

Sono passati 3 anni. Sono molto più sano e più felice.

Ma non avrei dovuto andarmene in primo luogo, e mi preoccupo per coloro che sono ancora sul campo, sentirsi dire che la loro pausa pranzo non è "produttiva" e prendersi del tempo per ridere con un collega è "rubare" da il loro posto di lavoro e i loro clienti.

Siamo più che macchine del lavoro emotivo.

Siamo esseri umani e i nostri luoghi di lavoro devono iniziare a trattarci come tali.


Shivani Seth è uno scrittore freelance punjabi-americano di seconda generazione del Midwest. Ha una formazione in teatro e un master in lavoro sociale. Scrive frequentemente su temi di salute mentale, esaurimento, cura della comunità e razzismo in una varietà di contesti. Puoi trovare altre sue opere su shivaniswriting.com o su cinguettio.